Se la censura di Facebook non vale per chi offende i cristiani

La pagina Facebook "Musulmani contro il Natale", come previsto, si è rivelata un fake. Ma sul social network si moltiplicano le pagine offensive nei confronti dei cristiani che "non violano gli standard della comunità"

Alla fine, come previsto, si è trattato di uno scherzo. “Vabbuò dai, ci siamo divertiti”, scrivono gli amministratori di “Musulmani contro il Natale” svelando il segreto (di Pulcinella): la pagina che ha fatto discutere centinaia di utenti nelle ultime settimane non è altro che un fake. Ma se l’intenzione dei “troll”, come si chiamano in gergo, era quella di fare satira, a molti è parsa, se non altro, di pessimo gusto.

La pagina dei “musulmani” che millantavano di voler “eliminare” il Natale, sia pure per gioco, è nata, infatti, nel dicembre del 2016. Pochi giorni prima che un terrorista islamico decidesse di cancellare davvero il Natale di dodici vite innocenti e delle loro famiglie. Vite spezzate dalla follia di quel jihadista tunisino che in nome di Allah è piombato con un tir sulla folla intenta a fare acquisti, tra le luci calde e il profumo di biscotti, nel mercatino di Kurfürstendamm, a Berlino. Da ridere, insomma, c’era ben poco. Ma il nostro umorista 2.0 se ne infischia e, nonostante la strage, continua ad aggiornare la pagina con frasi del tipo: “Quando avremo finito la jihad contro il natale (festeggiamento falso) ci occuperemo anche della pasqua”. E ancora: “Bisogna chiamare il presidente delle scuole di dove vanno i nostri figli e fare togliere il presepio”. L’intento, dichiara il creatore della pagina al quotidiano La Stampa, era quello di “fare leva sullo spirito paranoico della gente, dopo aver chiacchierato della cosa con alcuni amici musulmani”. Poco importa se, nel frattempo, l’Isis ci minaccia. Se i tagliagole annunciano di voler colpire “gli adoratori della croce”. Se l’Europa ancora piange le stragi che l’hanno insanguinata e si prepara ad evitarne altre.

Ma gli stessi contenuti che alcuni hanno trovato spiritosi, non sono passati inosservati agli occhi di molti utenti, che li hanno più volte segnalati senza però riuscire a farli rimuovere. Nonostante il tam-tam di denunce, per gli amministratori del social network più popolare al mondo quelle frasi inneggianti all’odio anticristiano evidentemente non costituiscono un problema. Come è possibile? Abbiamo provato anche noi a inviare una segnalazione e, in tempi prontissimi, ci siamo sentiti rispondere che la pagina non può essere chiusa perché i suoi contenuti “non violano gli standard della comunità”. Ma questa, purtroppo, non è un’eccezione. Basta navigare un po’, infatti, per rendersi conto che il web pullula di pagine che offendono la religione cristiana senza incorrere in alcuna censura. Sono decine quelle che esortano al vilipendio, dove bestemmie e offese sono all’ordine del giorno. La lista è lunghissima, le pagine si aprono una dopo l’altra come scatole cinesi e ci offrono una vasta gamma di frasi, immagini e aforismi sconvolgenti. C’è addirittura chi sostiene che dovremmo ringraziare il Califfato qualora dovesse colpire, come promesso, il Vaticano. Anche i due Papi sono presi di mira. Francesco è raffigurato mentre è al bagno con un rotolo di carta igienica tra le mani o nella veste di Satana, mentre al Papa emerito va anche peggio: un fotomontaggio lo ritrae con il viso tumefatto da lividi bluastri (Guarda il video).

Quando si parla di minacce e offese ai cristiani, insomma, il cervellone della Silicon Valley sembra chiudere un occhio: si tratta di "satira" e dobbiamo prenderla per quella che è. Ma se la scure del politicamente corretto in passato si è abbattuta per molto meno su personaggi pubblici, religiosi e persino su opere d’arte, viene da domandarsi se i censori 2.0 non usino due pesi e due misure. E, come al solito in questi casi, quale sia il confine tra ironia e intolleranza.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

VittorioMar

Dom, 19/11/2017 - 18:17

...I CRISTIANI NON SONO PERICOLOSI...GLI ISLAMICI. SI!!

aredo

Dom, 19/11/2017 - 18:21

Facebook, Whatsapp, Twitter VANNO CHIUSI ! Sono fogne ! Siti di progaganda cattocomunista, operazioni CIA/NSA messi in piedi dalla cellula terrorista Barack Hussein Obama e mafia Clinton/Kennedy.

Reip

Dom, 19/11/2017 - 18:42

Bah! Già odiavo facebook prima... Adesso mi fa ancora più schifo! Un social fasullo, invasivo, pericoloso addirittura, tutto finto li dentro..

Ritratto di direttoreemilio

direttoreemilio

Dom, 19/11/2017 - 19:27

I censori di FB Italia non siedono a Silicon Valley, ma in europa da qualche uffico diretto da soci di lgbt pps, e di sinistra ortodossa, di sicuro atei ma complici di terroristi nel pensiero. Basti guardare cosa viene censurato e cosa non venga censurato dici il tuo parere su omosessuali o usi la parola ITALIANA per definire la perversione di questi ti censurano e ti chiudono per giorni o mesi. Stessa cosa se parli della boldrini e delle sue risorse, o se usi, a parere loro, parole antisemite (?) Chissá se la fede del padrone di FB abbia a che fare con la protezione di questi gruppi ma non della cristianitá, visto che nemmeno la moglie sia cristiana. Ma poi perché guardare oltre la frontiera del cannbalismo mentale italiotaß Il TAR (associazione che protegge la melma statale) ha dichiarato colpevole un poliziotto che faceva na battuta sulla boldrini e le sue risorse, mediaset manda in tivvú roba che é trash anticristo (GF_VIP). Quindi pulire prima la melma in casa propria e poi

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Dom, 19/11/2017 - 20:01

Con questa spiegazione, gli amministratori di «Musulmani contro il Natale» pensano di averla data da bere a chi il loro bel gioco per bambini scemi non ha fatto certamente ridere. I casi sono due: 1) questi signori sono talmente imbecilli o fatti di droga, da non rendersi conto di quanta gente circola in Europa e in Italia, che aspetta solo lo spunto per fare stragi di infedeli. 2) Se invece, i troll sono sani di mente, il «fake», è tutt’altro che una burla, perché sanno molto bene che quella pagina su Fb può essere la spinta definitiva per decine di estremisti ansiosi di guadagnarsi le 72 vergini del loro paradiso uccidendo quanti più «crociati» riescono. Se devo dirla tutta, io protendo per questa seconda possibilità. La storia del «fake» serve a chi la racconta solo per salvarsi il c**o, qualora le stragi avvenissero realmente. (…post 2).

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Dom, 19/11/2017 - 20:02

(…post 2) – Questo non spiga, però, perché bestemmie contro Dio, Cristo, la Vergine Maria, i santi «non violano gli standard della comunità» fissati per Fb dal suo imperatore con la faccia da impubere. Soprattutto considerando che, in quel social netwrok, anche la più innocente battuta che possa sembrare offensiva per l’islam viene prontamente rimossa.

routier

Dom, 19/11/2017 - 20:52

Facebook chi? Non amo le censure e segnatamente quelle di un qualsiasi privato cittadino (Zuckerberg) ancorché proprietario e/o fondatore di un social sospetto di azioni degne del "Grande fratello" di Orwell.

killkoms

Dom, 19/11/2017 - 20:55

anche i social asserviti agli islamici..!

manfredog

Dom, 19/11/2017 - 21:26

..intanto qualcuno tasta il terreno, poi dice che è una fake, e la butta sulla burla..mah.. e poi..viene tutto il resto, che, con costoro, può essere qualsiasi cosa, attenti. mg.

Ritratto di giubra63

giubra63

Dom, 19/11/2017 - 21:45

ho contattato anche io Facebook per far chiudere la pagina blasfema contro i Cristiani, e mi hanno risposto che non é offensiva. Mentre chiudono sempre le pagine di verità di: http://islamicamentando.altervista.org/

Ritratto di makko55

makko55

Dom, 19/11/2017 - 21:48

@Reip, concordo pienamente. Cordialità.

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Dom, 19/11/2017 - 23:48

IO; SONO STATO BLOCCATO PER 30 GIORNI DA FACEBOOK SOLO PERCHE HO CRITICATO UN COMUNISTA É QUESTO LA DICE TUTTA SU QUESTO SOCIAL NETWORK CHE FÁ SCHIFO AL CAXXO!IO NON HO OFFESO NÉ MINNACIATO NESSUNO! É ANCHE DOPO AVER PROTESTATO CONTRO QUESTO BLOCCAGGIO INDECENTE É CHE NON HA NIENTE A CHE VEDERE CON LE REGOLE DEMOCRATICHE NESSUNO DI FACEBOOK SI É SCUSATO CON ME! IO ME NE FREGO ALTAMENTE DI FACEBOOK MA SE PER ZUCKERBERG E FACEBOOK QUESTA É DEMOCRAZIA! ALLORA SIA LUI CHE FACEBOOK MI POSSONO LECCARE IL DIDIETRO FINO ALLA FINE DEI LORO GIORNI!.

Ritratto di saròfranco

saròfranco

Lun, 20/11/2017 - 09:31

Evidentemente, il trattamento "Charlie Hebdo" ha raggiunto obiettivi anche al di la delle aspettative. Come si diceva una volta, colpirne uno per educarne cento. Noi cristiani, invece, porgiamo l'altra guancia.......

Ritratto di giovinap

giovinap

Lun, 20/11/2017 - 12:28

non vale per che abbiamo un "papa" musulmano !