Se Nuzzi può tollerare la censura dei grillini ma non quella vaticana

Il giornalista d'inchiesta giustifica la scelta di lasciare Iacoboni fuori dal meeting di Ivrea. Ma nel 2013 accusò di oscurantismo il Vaticano che gli negava l'accredito al Conclave

Oggi giustifica la cacciata di Jacopo Iacoboni de LaStampa dall'happening grillino Sum #02 ma nel 2013 si lamentava perché il Vaticano gli aveva negato l'accredito alla sala stampa in occasione del conclave che elesse Papa Francesco. Il giornalista Gianluigi Nuzzi finisce nella bufera per aver appoggiato la censura con cui il cronista del quotidiano di Torino è stato allontanato dall'evento dello stato maggiore pentastellato organizzato come ogni anno ad Ivrea.

Di fronte alle proteste di Enrico Mentana, che dal palco denunciava la censura, Nuzzi aveva difeso la decisione dello staff che aveva allontanato Iacoboni in quanto titolare di un "pass tarocco". Peccato che, come ricostruito in diverse sedi, il giornalista della Stampa avesse tentato di entrare col pass di un collega solo dopo che l'accredito gli era già stato più volte negato. Anche il direttore del Fattoquotidiano.it Peter Gomez ha ammesso su Twitter che il rifiuto è da considerarsi dovuto a "ragioni personali" e non a (inesistenti) pass tarocchi.

In questo valzer di botta e risposta fra giornalisti è intervenuta anche Annalisa Cuzzocrea di Repubblica che in un pezzo in edicola stamattina ricorda come lo stesso Nuzzi nel 2013 avesse pubblicamente accusato il Vaticano di "oscurantismo" per avergli rifiutato l'accredito al Conclave successivo alle dimissioni di Papa Benedetto XVI. Allora era censura. Adesso, evidentemente, no.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

scheggia54

Lun, 09/04/2018 - 16:10

come direbbe il buon Sgarbi Capra,Capra,capra......

claudioarmc

Lun, 09/04/2018 - 16:45

Due pesi e due misure come sempre!

ginobernard

Lun, 09/04/2018 - 17:18

veramente ha l'aria di uno della santa inquisizione Credo che la battaglia con il clero in Italia sia persa. E' sempre stato difficile battere il voodoo con la scienza.

dagoleo

Lun, 09/04/2018 - 17:23

Con quella cicatrice più che un giornalista mi sembra il reduce di una rissa al bar del porto.

Ritratto di beatoangelico

beatoangelico

Lun, 09/04/2018 - 17:37

L'accredito alla sala stampa…che strano, Nuzzi, i tuoi fratellini in grembiulino passano ogni porta, anche quella del Vaticano nel quale a partire dal '65 sono presenti in massa vestiti del colore rosso maestro….e tu che ci fai là di fuori ?

antoniopochesci

Lun, 09/04/2018 - 17:56

Il pallone gonfiato, in arte Giggino Di Maio, non c'è dubbio che scoppierà da solo a forza di autoninsufflarsi vagonate d'aria da primadonna. Ad offrirgli lo spillo decisivo sarà però la pletora di parvenu dell'ultima ora, lo stuolo di consigliori ( giornalisti, personaggi, accattoni di presenzialismo,falliti in cerca di verginità, ecc ) che sgomitano sul suo carro a dispensargli consigli, tattiche, mosse e contromosse, strategie, stratagemmi.. Perchè in Italia c'è sempre qualcuno che si illude di saperne una più del davolo. E vedrete, il giorno dello scoppio, Giggino da Pomigliano rimarrà solo

Ritratto di franco_G.

franco_G.

Lun, 09/04/2018 - 18:36

Eheheh... Nuzzi... qui gladio ferit gladio perit ! La prossima volta sta' più attento prima di aprire bocca.