"Stai cominciando gli allenamenti per fare i p...?", prof delle medie finisce a processo

Un 50enne di Fano avrebbe rivolto questa frase a un'alunna 12enne che teneva in bocca un pennarello. La ragazzina, dopo l'episodio, sarebbe stata vittima di bullismo. Lui è stato accusato di maltrattamenti

Una mattina, durante una lezione come le altre, guardandola mentre teneva un pennarello giallo in mano appoggiato alle labbra le avrebbe detto, a voce alta, davanti a tutti i suoi compagni di classe: "Stai cominciando gli allenamenti per fare i p.....?". L'allusione sessuale era sembrata palese, tanto che l'aula di adolescenti aveva reagito ridendo rumorosamente. Così, un professore di 50 anni, insegnante in una scuola media di Fano, è finito sotto processo con l'accusa di maltrattamenti nei confronti di una alunna di 12 anni.

Il silenzio della ragazzina

Secondo quanto riportato da Il resto del Carlino, i fatti risalgono al dicembre del 2017 e la procura gli contesterebbe un fatto su tutti, cioè quella frase rivolta alla ragazzina. In quella circostanza, infatti, la giovane davanti a suoi compagni si era sentita umiliata. In base a quanto ricostruito, la 12enne per due giorni non avrebbe rivelato l'episodio ai familiari, ma si sarebbe chiusa in un silenzio totale.

Le conseguenze della frase

L'episodio avvenuto tra i banchi di scuola, la ragazzina l'ha raccontato alla madre dopo qualche tempo, svelando in particolare le conseguenze che quelle parole avevano provocato in classe. I compagni, infatti, da quel momento avrebbero iniziato a bullizzare la 12enne, ripetendole di continuo la frase del docente 50enne. Qualche tempo dopo, la madre della ragazzina avrebbe deciso di riferire l'accaduto a un'altra insegnante, collega del professore coinvolto, che a sua volta lo avrebbe riportato al preside della scuola.

L'udienza

Nella giornata di ieri, nel tribunale di Pesaro, davanti al giudice Maurizio Di Palma, si è tenuta l'udienza con imputato il professore. In questa circostanza la madre della studentessa ha testimoniato e ha raccontato le gravi conseguenze che la frase del docente aveva procurato nella vita della figlia. "Per la rabbia non siamo nemmeno andati a parlarne direttamente con il professore, ma ho mandato mia sorella ai colloqui che c'erano di lì a qualche giorno. Ho riferito i fatti a una docente", ha spiegato la madre, che subito dopo l'episodio ha fatto cambiare istituto alla ragazzina.

Le testimonianze delle famiglie

La donna, poi, ascoltata dai giudici ieri ha raccontato quanto la figlia riferiva di quel docente: "Mi disse che il prof parlava anche di quel gioco sui social, il Blue Whale, che induceva i minorenni al suicidio. Ecco: lo definiva figo, da gente tosta. E poi si faceva bello con la classe per un tatuaggio in un braccio e si divertiva a far ascoltare un brano di Fabri Fibra che esalta il sesso". In sede processuale, oltre al genitore della ragazzina coinvolta, è stata ascoltata anche la mamma di un'altra compagna di classe, che ha dichiarato: "Mia figlia mi disse la storia del pennarello, ma considerandolo uno scherzo".

L'annuncio della difesa

I difensori dell'imputato hanno annunciato la testimonianza di molti ragazzini che negherebbero la frase incriminata. La famiglia della giovane non si è costituita parte civile, né ha presentato querela. Il processo è stato aggiornato a maggio 2020.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Popi46

Mar, 26/11/2019 - 12:29

Nient’altro che un ennesimo esempio del degrado culturale di questo paese.... e se ci sono “professori” così, figuriamoci il resto

razzaumana

Mar, 26/11/2019 - 13:33

...a me,non interessa "il processo aggiornato al 2020" se avessi la certezza che il "FATTO" fosse vero giustificherei -ampiamente- un parente della ragazzina -se rompesse il muso-al farabutto pseudo insegnante.Mi chiedo:a quando il ritorno ad una scuola seria?? Con Ministri istruiti e NON politicamente -coinvolti-???

agosvac

Mar, 26/11/2019 - 13:43

Volgarità estrema: non si capisce come questo professore possa insegnare!

ulio1974

Mar, 26/11/2019 - 14:20

se questi sono i professori, non voglio pensare ai bidelli!!

ulio1974

Mar, 26/11/2019 - 14:35

verrà licenziato??

Ritratto di mbferno

mbferno

Mar, 26/11/2019 - 15:19

Insegnante o scaricatore di porto?

antipifferaio

Mar, 26/11/2019 - 15:22

La scuola ormai è diventata una schifezza. Lo vedo dai miei nipoti che sanno solo dire volgarità "imparate" guarda caso dai compagni senza che gli insegnanti dicano A. E chissà quanti episodi analoghi a questo non vengono denunciati. Poi il "bullizzare". Ai miei tempi non si sapeva nemmeno il significato perché avevamo gli attributi e difendevamo da soli....:))

Ritratto di Leo Vadala

Leo Vadala

Mar, 26/11/2019 - 15:23

Fatti che risalgono a Dicembre del 2017 e nessun nome e cognome. Io non ci credo.

ulio1974

Mar, 26/11/2019 - 16:07

Leo Vadala 15:23: mmm, forse hai ragione. tutto è un po' sospetto.

maxxena

Mar, 26/11/2019 - 16:21

...verifichiamo come era stato assunto...

maurizio50

Mar, 26/11/2019 - 17:13

Dopo 25 anni di gestione "collegiale" della Scuola, con la Sinistra SEMPRE protagonista, questi sono i fatti. Tanto mai nessuno viene licenziato !!!

titina

Mar, 26/11/2019 - 17:21

Come si permette questo sedicente professore a usare questo linguaggio!

ilrompiballe

Mar, 26/11/2019 - 17:37

Da anni la scuola è finita in malora. Ma forse è voluto : governare gli ignoranti è più facile, a meno che non ti riservino sorprese… (ogni riferimento non è casuale).

Popi46

Mar, 26/11/2019 - 20:52

@titina,Mar-17.21: “di”usare, non “a” usare....per caso lei ha frequentato la stessa scuola del “prof”?

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Mar, 26/11/2019 - 21:00

Ma che bella scuola progressista.... Si auspica una sospensione duratura che possa dare a codesto professore la "lezione" che merita.

duca di sciabbica

Mar, 26/11/2019 - 21:25

@ulio74 - non stia in angoscia per questo Einstein, non rischia il licenziamento: sappia che non si è riusciti a schiodare dalla cattedra neppure pedofili condannati con sentenza definitiva, e questo per la materna interposizione dei potentissimi sindacati della scuola. Se proprio gli va malissimo, e sempre che i fatti corrispondano al vero, il massimo che rischia è il trasferimento.

killkoms

Mar, 26/11/2019 - 22:47

troppa gente stupida nel corpo docenti!

Slomb

Mer, 27/11/2019 - 08:41

Adesso capisco perché l’Italia è conciata così, lo capisco dai commenti qualunquisti che leggo inerenti a questa vicenda. Ma ci fate o ci siete?! Avete per caso idea di come e quanto queste “bambine” provochino in classe i docenti con comportamenti sessualizzati?! Ha dodici anni, e allora? Il professore ha sicuramente sbagliato a dire una cosa così, questo non si discute, ma vi garantisco che se avesse avvertito i genitori di cosa la figlia faceva in classe si sarebbe preso degli insulti se non una denuncia; perché i nostri figli si comportano sempre bene per noi, sono gli altri che sbagliano. In classe ste ragazzine ne fanno di cotte e di crude e i docenti devono subirle muti e rassegnati. Ai miei tempi questa maleducata si sarebbe presa di sicuro due sberle dal professore e poi anche dai genitori, poi dopo critichiamo pure di quello che ha detto il docente. Qui davvero si scambia bellamente la causa per l’effetto e sarebbe anche ora di finirla!

Ritratto di cangrande17

cangrande17

Mer, 27/11/2019 - 09:13

@duca di sciabbica: vero. Con gli statali non c'è nulla da fare. Possono commettere qualsiasi illecito o porcherIa e rimangono sempre lì a prendere il lauto stipendio. A partire dai militari/forze di polizia di ogni ordine e grado, passando per il personale scolastico, e via dicendo fino ai più insospettabili imboscati in uffici sconosciuti. Non è un caso che il JOBS ACT, ovvero la TOMBA DELLO STATO SOCIALE ITALIANO, sia stato applicato esclusivamente al settore privato.