Sul fascicolo del processo scrive 'negro' per indicare l'imputato di colore

La denuncia di un giudice: "L'avvocato si è presentato in udienza con questo fascicolo". E posta la foto delle carte con la scritta "negro". La replica del legale: "I miei fascicoli sono timbrati"

Sul fascicolo la scritta "negro" è ben visibile. E non si tratta di un cognome, ma dell'appellativo con cui un avvocato di Forlì avrebbe indicato la controparte, sulla cartella portata al tribunale di Ravenna per il processo.

L'udienza riguardava il caso di un nigeriano, accusato di lesioni personali, per aver aggredito due poliziotti alla stazione di Faenza, due anni fa. L'avvocato della controparte si sarebbe presentato al processo con un incartamento, recante la scritta "negro", per identificare il nigeriano, che non era indicato con nome e cognome.

A denunciare la vicenda è stato l'ex giudice del lavoro, sezione di Ravenna, Roberto Riverso, che su Facebook ha pubblicato la foto del fascicolo. "L’avvocato si presenta oggi in udienza davanti al gup ed al pm del Tribunale di Ravenna ed esibisce un fascicolo sul quale identifica la propria controparte (l’imputato di colore, nei cui confronti si costituisce parte civile) non con le sue generalità ma chiamandola 'negro'", scrive il magistrato sui social. E denuncia il caso come "una barbarie".

Al Corriere della Sera, il giudice avrebbe rivelato: "Me l’hanno segnalata, io lavoro a Roma e non sono di certo a Ravenna. Ma non ho avuto dubbi, l’ho pubblicata per fare in modo che tutti sapessero". E aggiunge: "Sono rimasto senza parole, bisogna però reagire. I giuristi hanno il dovere di testimoniare, hanno un dovere in più nei confronti della collettività. Occorre riconoscere e denunciare il razzismo".

Dall'altra parte arriva la replica dell'avvocato accusato del gesto, che si discolpa, negando che il fascicolo appartenga al suo studio: "I miei sono timbrati", dice. Ma Riverso spiega al Corriere che "al di là delle responsabilità specifiche, io credo che un problema di razzismo in Italia ci sia". E ribadisce la necessità dei giuristi a "vigilare affinché episodi di questo genere non si ripetano". Infine commenta: "Vedo molti commenti al mio post pubblicato su Facebook che negano che l’episodio segnalato sia riconducibile al razzismo. Ecco, magari iniziamo a far ragionare chi ragiona con la retorica dell''io non sono razzista ma'".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di massacrato

massacrato

Ven, 21/02/2020 - 14:08

Mi sembra di ravvisare incongruenze nello svolgersi degli eventi. Molto meno da parte dell'avvocato al quale si attribuisce la presunta cartella. Oggi una foto non è più una certezza. Mi è pur difficile capire la grande differenza di una G in più o in meno in un vocabolo di vecchio uso. Un mio amico si chiama Nxxxo di cognome, gli consiglierò di andare all'anagrafe a far le debite correzioni.

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Ven, 21/02/2020 - 14:12

Che scandalo! Questo sì che è uno scandalo planetario! Roba grottesca che fa ridere i polli...

Ritratto di llull

llull

Ven, 21/02/2020 - 14:14

"Nxxxo" è una parola italiana assolutamente non dispregiativa in sé. Si tratta purtroppo di ignoranza semantica quella che vorrebbe far corrispondere la parola innocua "nxxxo" al termine inglese "nigger", questo sì fortemente offensivo. E la dittatura subdola politicamente corretta (ma assolutamente schizofrenica) impera.

mariolino50

Ven, 21/02/2020 - 14:30

Ne.gro vuol dire solo il colore nero in spagnolo, possibile che non lo sappia quasi nessuno, non viene dal nigger inglese, ma dalla lingua neolatina più vicina alla nostra, e ora è vietato dirlo, di sicuro gli spagnoli non cambiano la loro lingua, e usano l'inglese quando serve senza mescoloni inutili.

lupo1963

Ven, 21/02/2020 - 14:35

Ne.gro recentemente e' diventato , non sappiamo a quale titolo e da chi provenga il diktat , un termine censurato e che causa scandalo. In realtà nella lingua italiana ha indicato ed indica , senza nessun intento discriminatorio e razzista , una persona di colore . Certo che se adesso , per colpa della Boldrini bisogna usare neologismi orrendi come ministra ed assessora , non ci possiamo meravigliare che chi usa il termine ne.gro sia sbattuto in prima pagina ...

killkoms

Ven, 21/02/2020 - 14:41

ma quando lo fanno i compagni non si stracciano le vesti!

razzaumana

Ven, 21/02/2020 - 14:45

questo ex giudice del lavoro avrebbe dovuto prima scandalizzarsi che l'udienza inerente un NIGERIANO accusato di lesioni personali a due poliziotti si tenesse dopo ben DUE anni dall'episodio e poi, SOTTOLINEO poi,che l'Africano fosse indicato come - nxxxo -(appar tenente a un gruppo umano con pelle nera o scura)Dizion.Garzanti

Korgek

Ven, 21/02/2020 - 14:49

Vorrei dire a questo ex giudice di Ravenna (che strano) che in Italia non c'è un problema di razzismo, c'è un problema di grandissimo sfondellamento di cosiddetti da parte di voi tutti sinistroidi stalinisti che non notate i veri problemi di questo paese che sta andando a fondo in tutti i settori, in primis quello della giustizia. Ma continuate a inventarvi nemici invisibili. Continuate, intanto la melma continua a salire.

uberalles

Ven, 21/02/2020 - 15:15

Anche Fausto Leali li chiamava "angeli negri", questo razzista simpatizzante gay, vogliamo scomunicato o che altro? I problemi italiani sono altri, ben più importanti di queste acrobazie lessicali, si vergognino coloro che rubano i soldi agli Italiani che lavorano, con questi fanfrillicchi!

maryforever

Ven, 21/02/2020 - 15:22

NxxxO, SI RIFERISCE ALLA PERSONA CHE APPARTIENE AL TIPO RAZZIALE ORIGINARIO DELL'AFRICA,CHE HA COME CARATTERI SOMATICI ,LA PELLE NERA E UN ACCENTUATO PROGNATISMO,ECC ECC. LETTO DAL DIZIONARIO SANDRONI DELLA LINGUA ITALIANA.ISTITUTO GEOGRAFICO DELLA LINGUA ITALIANA.

giosafat

Ven, 21/02/2020 - 15:29

Lo scandalo è aver dato in pasto a facciadalibro la vicenda. Ma questo giudice, evidentemenet, non si pone minimamente il problema.

polonio210

Ven, 21/02/2020 - 15:44

Vorrei aggiungere:ma fotografare un fascicolo processuale durante l'istruttoria di un processo penale o civile è cosa normale o si potrebbe configurare un reato a carico di colui che ha scattato la fotografia e di colui che detta fotografia l'ha resa di dominio pubblico?Non mi risulta che in una aula di tribunale sia possibile scattare delle foto,qualunque foto,senza il permesso delle controparti convenute e del Presidente del Tribunale.

27Adriano

Ven, 21/02/2020 - 15:59

Che cervellino...sinistro, quel giudice. Sicuramente l'imputato di colore sarà assolto!!!

Ritratto di babbone

babbone

Ven, 21/02/2020 - 16:09

se l'imputato è nxxxo, parola Italiana, l'avvocato per ricordarsi non scrive sul fascicolo diversamente bianco, in quel caso si configura il razzismo.

Ritratto di babbone

babbone

Ven, 21/02/2020 - 16:09

studiate la lingua ITALIANA.

poli

Ven, 21/02/2020 - 16:28

dove ha studio quel genio del PM?noi dovremmo affidare la giustizia a codesti?

amicomuffo

Ven, 21/02/2020 - 16:54

quanta ipocrisia! Lo sapete che la più famosa battuta su quelli di colore fu scritta proprio da due di colore in "Mezzogiorno e mezzo di fuoco?" e che Mel Brooks non la voleva inserire?

routier

Ven, 21/02/2020 - 17:22

Certi giudici sono più che sufficienti per screditare una giustizia che di suo già non sta troppo bene!

giovanni235

Ven, 21/02/2020 - 17:35

Domani 22 Febbraio compio 77 anni,classe 1943.Ricordo che fin da ragazzo,quando c'erano i dischi 78 giri,la canzone "ANGELI NxxxI" mi piaceva moltissimo.Dopo decenni Fausto Leali l'ha ripresa,con mio grande piacere.Ora l'ho su un dvd che ho messo in cassetta di sicurezza perchè penso che tra poco verrà soppressa, Fausto Leali finirà a processo e i possessori di detta saranno denunciati.Un Paese più scemo di così non si può neanche immaginare!!!

Ritratto di No_sinistri

No_sinistri

Ven, 21/02/2020 - 17:57

Se l'imputato avesse avuto i capelli rossi e avesse scritto rosso oppure se fosse stato un orientale e, prima che col coronavirus i kompagni scoprissero che è anche razzismo deridere gli orientali, avesse scritto giallo, probabilmente non avrebbero gridato allo scandalo. La libertà di espressione è definitamente morta sotto le cannonate della lobby buonista del miliardario soros.

Ritratto di massacrato

massacrato

Sab, 22/02/2020 - 01:03

Giovanni235 - Siamo coetanei. LA CANTAVA MARINO BARRETO ED ERA BELLISSIMA.

Dordolio

Sab, 22/02/2020 - 08:02

Ho memoria di stupenda letteratura americana dove il termine usato era proprio quello. E nessuno se ne è mai scandalizzato, men che mai gli interessati. Si sta naufragando nel ridicolo. Al quale nessuno sembra validamente opporsi.