Torino, una notte di tensione ai mercati generali: ambulante muore d’infarto

Dopo un acceso diverbio con i manifestanti che lo incitavano a partecipare allo sciopero, un 49enne ha accusato un malore ed è morto

Torino, una notte di tensione ai mercati generali: ambulante muore d’infarto

Tensione e violenza nella notte ai mercati generali di Torino. I manifestanti si sono fronteggiati con le forze dell'ordine in tenuta antisommossa lanciando pietre. I poliziotti hanno risposto con cariche di alleggerimento. Dopo un acceso diverbio con i manifestanti che lo incitavano a partecipare allo sciopero e a non entrare, un ambulante di 49 anni ha accusato un malore ed è morto. A nulla è servito l'intervento immediato dei sanitari per rianimarlo.

I manifestanti protestavano al Centro agro alimentare di Torino (Caat) a Grugliasco per chiedere migliori condizioni di lavoro. "La protesta, organizzata nell'ambito della giornata di mobilitazione nazionale dei lavoratori della logistica - spiegano dalla Questura - non era stata regolarmente annunciata alle autorità". In circa trecento tra facchini, antagonisti e membri del sindacato Si-Cobas hanno iniziato a protestare intorno all'1.30 di notte tentando di impedire l'accesso al mercato, anche sdraiandosi per terra. I manifestanti si sono poi divisi in più gruppi, dando luogo a cortei improvvisati nel tentativo di forzare e aggirare gli schieramenti delle forze di polizia e di raggiungere gli snodi stradali per impedire il passaggio dei mezzi di trasporto diretti ai mercati. Intorno alle 2.45 è iniziato il lancio di pietre, bulloni e altri oggetti contundenti da parte dei manifestanti contro le forze dell'ordine. La polizia si è vista costretta a rispondere con sette fumogeni per disperdere i violenti. Un operatore della polizia scientifica ha riportato ferite a un braccio, a causa del lancio di oggetti.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti