Trieste, donna cieca denuncia: "Per me niente taxi perché il cane perde peli"

La cooperativa Radio Taxi rimanda le accuse al mittente, sostenendo che Diana perde "un tappeto di peli" e che gli altri clienti si lamentano

Una donna cieca sostiene di non riuscire a prendere un taxi perché in molti si lamentano che il suo cane guida perde troppi peli.

Alessandra, nata non vedente, vive in simbiosi con il suo cane guida: un labrador di nome Diana. La donna ha bisogno di Diana per spostarsi e così, anche quando deve prendere un taxi, la cagnolina rimane con lei. Peccato che, secondo quanto raccontato a Il Piccolo, negli ultimi tempi le cose si siano fatte più complicate. Alessandra sostiene infatti che molti tassisti si rifiutano di accettare la sua chiamata perché il cane perde troppi peli.

"Amo viaggiare e altrove non ho mai avuto alcun problema - racconta - A Udine e Mestre mi fanno sedere sul sedile davanti così Diana può restare fra le mie gambe. Se perde il pelo, basta poi sbattere il tappetino a fine corsa". Le cose sembrano andare diversamente a Trieste, dove la donna abita: "I tassisti me lo dicono chiaramente: Diana perde troppi peli. E così ho cominciato a notare, da parte loro, una disponibilità sempre minore. Non faccio di tutta l'erba un fascio, molti restano gentili. Ma se una volta chiarivo fin dall'inizio che ho un cane guida, adesso, pur di ottenere una corsa, evito di dirlo". Alessandra è conosciuta dai tassisti triestini perché usifruisce del servizio anche quattro volte al giorno e, ora che si sente emarginata, ha messo in atto una strategia, ovvero dare ogni volta un indirizzo qualche civico distante dalla sua abitazione. "Poi però noto che arrivano in ritardo - continua - Richiamo il centralino, e cominciano le scuse. L'auto non si è messa in moto, il tassista non l'ha vista e adesso non può fare la retromarcia... In poche parole, quando si accorgono che ad averli chiamati sono io, tirano dritto. E io devo aspettare qualche magnanimo che venga a prendermi".

La cooperativa Radio Taxi rimanda le accuse al mittente, sostenendo che Diana perde "un tappeto di peli" e che gli altri clienti si lamentano. Il presidente, Davide Secoli, chiede comunque che non venga presa di mira tutta la categoria e si impegna a trovare una soluzione al problema.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Pisslam

Mer, 17/01/2018 - 18:35

viva Uber

Ritratto di alfredido2

alfredido2

Mer, 17/01/2018 - 19:39

Situazione abominevole ; approverei una multa salata per I tassisti che agiscono così .

leserin

Mer, 17/01/2018 - 21:29

Quanto ci vuole a spazzolare lo spazio ristretto in cui si accomoda il cane guida? E, soprattutto, quanti sono i ciechi con cane al seguito che possono creare un piccolo disagio come questo per giustificare l’abominevole rifiuto di fornire il servizio?

aredo

Mer, 17/01/2018 - 22:24

Il problema non è il cieco che è costretto ad essere guidato da un cane.. ma le persone con gli occhi funzionanti (e non uso la demente parola coniata dalla sinistra che fa pena) che sono stati rincretiniti dalla sinistra '68ina ad un amore morboso per gli animali e fare da schiavi ai cani.

Blueray

Mer, 17/01/2018 - 22:56

I cani vanno spazzolati energicamente e all'aperto con una certa frequenza, e comunque esistono gli esercizi che fanno lo shampo e la toeletta necessaria a fronteggiare la muta del pelo. La signora purtroppo non riesce a vedere la sua casa, ma sarà certamente piena di peli che andrebbero eliminati dato che vi si annidano gli acari portatori di allergie

pilandi

Mer, 17/01/2018 - 23:48

sig Conte si dice "non vedente" non "cieca", capra

deluso.57.

Gio, 18/01/2018 - 08:27

Noi esseri umani abbiamo contaminato un pianeta e adesso ci schifiamo di un ciuffo di pelo dell'essere vivente che piu' ci e' vicino sotto l'aspetto affettivo......