Tuffi pericolosi in Salento: ragazzo rischia di restare paralizzato

Ragazzo 19enne in vacanza, si è tuffato da una scogliera. E’ stato raggiunto da un altro giovane che lo ha preso in pieno

Tuffi pericolosi in Salento: ragazzo rischia di restare paralizzato

I tuffi possono anche essere pericolosi se non fatti nei luoghi appropriati e mantenendo una certa distanza di sicurezza tra chi li compie. Nel Salento infatti è stata sfiorata la tragedia. Come riportato da milanotoday, un ragazzo di 19 anni residente a Milano e in villeggiatura con alcuni amici in Puglia, ha rischiato di rimanere paralizzato. Il 19enne si è lanciato da una scogliera, così come tanti altri ragazzi. I tuffi però sono avvenuti uno dopo l’altro e un giovane lo ha colpito in pieno. L’impatto tra i due sarebbe stato molto violento.

Il 19enne ha subito avvertito un dolore intenso e poco dopo sarebbe svenuto. Il fatto è avvenuto ieri mattina, giovedì 8 agosto, sulla scogliera di Torre Sant’Andrea, in provincia di Lecce. I sanitari, non senza fatica, sono riusciti a scendere la roccia raggiungendo la vittima che già era stata recuperata dagli amici e adagiato sugli scogli. Inizialmente il malcapitato non riusciva a sentire le proprie gambe. Poi invece il problema si è spostato alla spalla sinistra, maggiormente colpita.

Del ragazzo che ha colpito accidentalmente il giovane al suo primo giorno di vacanza, non si sa nulla. Si è infatti allontanato poco dopo l’arrivo dei soccorsi, senza lasciare a nessuno le proprie generalità. Il 19enne è stato trasferito in codice giallo all’ospedale di Scorrano per essere assistito e controllato. Una volta accertate le sue buone condizioni, è stato dimesso. L’ufficio circondariale marittimo di Otranto ha inviato una motovedetta sul luogo dell’incidente per controllare la situazione.

Commenti