Cronache

Venezia, il Mose funziona: ha bloccato l'acqua alta

Il procuratore di San Marco: “La basilica è asciutta”. Nella città lagunare erano previsti oggi 135 centimetri di acqua

Venezia, il Mose funziona: ha bloccato l'acqua alta

Il Mose sembra funzionare e Venezia tira un sospiro di sollievo. Le paratoie si sono sollevate in un’ora e 17 minuti alle bocche di Porto della Laguna di Venezia. Per oggi erano previsti 135 centimetri di acqua, la prima acqua alta della stagione, e invece è rimasta fuori dalla laguna e, al suo interno, il livello del mare è rimasto fermo a 70 centimetri. L’acqua non è arrivata in piazza San Marco, lasciando quindi asciutta la basilica.

Il Mose funziona e Venezia tira un sospiro di sollievo

Carlo Alberto Tesserin, il primo procuratore di San Marco a Venezia, ha annunciato: “La Basilica è asciutta, asciutta. È la prima volta ed è un dato importantissimo”. A fargli eco anche il primo cittadino Luigi Brugnaro. Come si legge sul sito del Centro maree del Comune di Venezia: “Le paratoie del MO.S.E. sono tutte sollevate. Il flusso della marea dal mare alla Laguna è interrotto. A Punta della Salute il livello della marea è stabile tra 70 e 75 cm”.

Il Patriarca di Venezia Francesco Moraglia, ha commentato quanto avvenuto: "È una giornata di speranza, di attesa, con qualche riflessione anche sul fatto che questo risultato poteva essere ottenuto in tempi molto più brevi". Moraglia ha però sottolineato che la Basilica di San Marco resta comunque in difficoltà per una quota d'acqua che va da 88 a 130 centimetri. Senza dimenticare che si sta proprio adesso entrando nella stagione delle acque alte e che i restauri del nartece, appena fatti, rischiano di venire vanificati da acque alte superiori ai 90 centimetri.

Franca Lugato, storica d’arte veneziana, raggiunta al telefono da Repubblica, ha raccontato che questa mattina la città si è svegliata con la sirena e tutti i cittadini erano pronti a infilare gli stivali. Invece, in televisione hanno visto le paratie alzarsi e proteggere la città lagunare. Claudio Vernier, presidente dell’Associazione Piazza San Marco, ha detto: “Piazza San Marco oggi per la prima volta è rimasta asciutta durante l'acqua alta. È un momento storico per Venezia. La giornata di oggi ci rende ottimisti per la nostra Piazza, per la nostra città e per tutti i cittadini". Ci sono però ancora delle opere complementari che devono essere realizzate, come per esempio la messa in asciutto dall'isola della piazza con al suo interno la basilica.

Le parole di Zaia

E naturalmente parole di soddisfazione sono arrivate anche dal governatore della Regione Veneto, Luca Zaia: "Oggi è una giornata storica perché siamo davanti ad un'opera per la quale abbiamo atteso veramente decenni e oggi abbiamo avuto la certezza che funziona. Si tratta di un'opera che è costata molto dal punto di vista finanziario, giudiziario e non solo, oggi abbiamo almeno la rassicurazione che questo serve a Venezia". Ha inoltre tenuto a sottolineare che piazza San Marco al momento presenta una piccola pozzanghera di 30-40 centimetri di acqua. Zaia si è infine augurato che adesso i lavori proseguano per potenziare il sistema attraverso una messa in sicurezza generale e totale della città.

Commenti