Pronta nuova stretta anti Covid: sei regioni rischiano arancione

Sono sei le regioni che rischiano di tornare in fascia arancione

Ecco pronte al via le zone rosse locali per cercare di riuscire a evitare un lockdown nazionale. A preoccupare adesso sono le varianti del virus che sono ormai arrivate anche in Italia. L’obiettivo del governo è quello di provare a limitare i danni di una terza ondata. Le nuove zone rosse sono state istituite in Lombardia, dove nei comuni di Viggiù (VA), Mede (PV), Castrezzato (BS) e Bollate (MI) dalle 18 di oggi, mercoledì 17 febbraio, verranno applicate le disposizioni previste nella cosiddetta fascia rossa, che erano già state osservate poche settimane fa sull’intero territorio regionale. Intanto in Campania è stata scoperta una nuova variante che non era mai stata individuata prima in Italia. La paura degli esperti è che possa in poco tempo diramarsi in tutta la Penisola. Proprio per questo motivo si stanno studiando chiusure locali nelle zone maggiormente colpite, con il fine di riuscire in questo modo a evitare un lockdown nazionale. Come già in passato, nelle zone rosse le scuole, i negozi e i locali pubblici saranno chiusi, a eccezione dei beni necessari. Gli spostamenti in entrata e uscita saranno vietati, tranne che per motivi di lavoro, salute o emergenza e anche quelli all’interno saranno limitati. Da venerdì sei regioni potrebbero entrare in fascia arancione, nel caso in cui il loro valore dell’Rt sia superiore a 1. Nella giornata di ieri si è registrato un tasso di positività al 3,8%, con 10.386 nuovi positivi e 336 decessi. Dati ancora alti per pensare ad allentamenti.

Zone rosse locali

Oltre ai quattro comuni della Lombardia, su territorio nazionale ci sono anche altre città e paesi che restano sorvegliati speciali. Addirittura intere province che potrebbero nelle prossime ore venire chiuse del tutto. Il ministro della Salute Roberto Speranza ha incontrato nella giornata di ieri Donatella Tesei, presidente della Regione Umbria. La regione si trova infatti in una situazione per nulla facile, data anche dalla mancanza di personale sanitario. I lockdown locali che ha adottato hanno però aiutato a fronteggiare l’emergenza e proprio per questo risultato il modello Umbria dovrà essere adottato anche nel resto del paese.

Scuole e negozi

Nelle zone rosse tutte le strutture scolastiche verranno chiuse e si tornerà ancora una volta alla didattica a distanza. Anche i negozi non potranno aprire, a eccezione dei generi alimentari, delle farmacie, delle edicole e dei tabaccai. Gli spostamenti saranno vietati se non per esigenze lavorative, di salute o emergenza. Chiusi anche i locali pubblici.

Zona arancione

In seguito al prossimo monitoraggio di venerdì 19 verranno probabilmente prese le nuove decisioni da parte del governo. Sono sei le regioni che rischiano di tornare arancioni perché la scorsa settimana mostravano un Rt pericolosamente vicino all’1. Nello specifico si tratta di Lombardia, Lazio, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Marche e Piemonte. A queste potrebbero aggiungersi anche l’Abruzzo, la Basilicata, la Liguria, il Molise, l’Umbria e la provincia di Trento. Le misure prese durante il periodo delle festività natalizie avevano abbassato la curva epidemiologica, riportando quasi tutto il Paese colorato di giallo. Qualche allentamento dei provvedimenti e l’arrivo in Italia delle varianti estere hanno fatto sì che la situazione peggiorasse. Il ministro Speranza e la neoministra degli Affari regionali Mariastella Gelmini hanno più volte ribadito: “Dobbiamo mantenere cautela, intervenire tempestivamente”.

Terza ondata

A preoccupare, come abbiamo già detto, sono le varianti estere arrivate in Italia. Sono loro che potrebbero provocare una terza ondata e, proprio per evitare questo, gli esperti stanno tracciando una mappa dei casi del virus mutato ritenuto più veloce nel diffondersi e più letale. Una nuova variante inglese è stata scoperta per la prima volta ieri dall’Istituto Pascale e dall’Università Federico II di Napoli. Ancora però non si è a conoscenza del suo potere di trasmissibilità. Il suo nome è B1.525 e ne sono stati trovati 32 casi nel Regno Unito e pochi in Danimarca, Stati Uniti e Nigeria. Il primo positivo in Italia è un professionista da poco rientrato dall’Africa.

Scadenza del Dpcm

Subito dopo aver ottenuto la fiducia, il governo Draghi dovrà pensare al Dpcm in scadenza il prossimo 5 marzo. Sarà Mario Draghi a dover firmare un nuovo Dpcm o decidere invece di procedere con un decreto che dia ai ministri e alla Protezione civile potere decisionale, in accordo comunque con palazzo Chigi. Le eventuali riaperture di ristoranti anche la sera, di cinema, teatri, palestre e piscine dipenderanno dall’andamento della curva epidemiologica.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

tremendo2

Mer, 17/02/2021 - 10:17

non ci hanno ancora terrorizzato abbastanza

jaguar

Mer, 17/02/2021 - 11:15

Ma si, cambiamo tinta. Da lombardo cominciavo a preoccuparmi, siamo in zona gialla da quasi tre settimane e questo colore comincia a stancare.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 17/02/2021 - 11:21

Ma non finisce mai questa pantomima?

Ritratto di Soloistic69

Soloistic69

Mer, 17/02/2021 - 11:22

Adesso avete proprio rotto con questo raffreddore! Lasciatelo circolare e chi vive, vive... chi muore, muore! COM'È SEMPRE STATO PRIMA DEL BIG RESET!

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Mer, 17/02/2021 - 11:29

Non capisco. A dx prima si fa il tiro al virologo-menagramo (e possibilmente "Komunista". Sono tutti sessantottini questi virologi, almeno questo evinco dai dotti commenti dei frequentatori di questo sito) e poi sono i governatori di cdx a chiudere quando vedono la mala parata? Un Fontana mi sigilla la gente in casa neanche fosse un Crisanti qualsiasi?

Dordolio

Mer, 17/02/2021 - 11:46

Credo che l’ultima pandemia severa che ci ha colpito sia stata la famosa Asiatica. Io c’ero e NON si fermò proprio nulla. Morì un sacco di gente ma io continuai ad andare a scuola, i miei genitori al lavoro ecc.. . Ora non ho dati per confrontare i morti dell’epoca con quelli di oggi, ma un raffronto sarebbe da fare. Ma.... risulterebbe VALIDO? Oggi l’idea corrente è che chiunque non muoia in un incidente stradale viene arruolato tra i morti per Covid. Se poi risulta essere contagiato (anche se non effettivamente ammalato) la cosa la si può dare per certa e sicura. E allora?

Ritratto di mbferno

mbferno

Mer, 17/02/2021 - 11:49

Ma si,facciamole tutte arancioni,già che ci siamo,poi ci date anche la divisa arancione dei carcerati e ci portate pure le arance....perché in galera siamo!

sibermassai

Mer, 17/02/2021 - 12:14

Ancora a pensare di destra e sinistra quando forse le parole sono diverse ma le azioni sono le stesse, il piano è unico.

kayak65

Mer, 17/02/2021 - 12:14

ogni giorno salta fuori una variante diversa...dalle varianti nazionali ,inglese sudafricana brasiliana alle locali napoletana milanesi con il finire di quelle familiari rossi , esposito, brambilla. ci stanno prendendo in giro e forse gabbando anche con i vaccini per garantirsi la fornitura perpetua con la scusa del mutamneto di questo virus di cui ancora nessuno ci ha capito cosa e' da dove nasce ma intanto si fanno catastrofismi per apparire scienziati del nulla ma ben remunerati

kayak65

Mer, 17/02/2021 - 12:16

e sigillare le frontiere come fanno gli altri paesi germania in testa no? noi gli africani li andiamo a prendere e poi ci dicono che siamo noi ch contagiamo questi poveri che scappano dalla guerra con lo yacht e i barboncini

Ritratto di Loudness

Loudness

Mer, 17/02/2021 - 12:19

El Presidente ora è passato all'uso del riflessivo, come i medici di una volta... mi prenda queste pastiglie, il bambino non mi mangia... Nei prossimi mesi ci sarà lo tsunami fallimenti/licenziamenti che faranno precipitare l'Italia a livelli di miseria che la Grecia, al confronto, era la Svizzera. Poi vedrete che fine farà tutta la vostra allegra voglia di prendere per i fondelli... connessione internet compresa...

Ritratto di giangol

giangol

Mer, 17/02/2021 - 12:43

Però la colpa è anche della gente. Perché non si ha rispetto per gli altri e si fa quello che si vuole tanto finche capita agli altri.....

Italy4ever

Mer, 17/02/2021 - 12:52

Virus, varianti del virus... A quando le varianti delle varianti??? Intanto il tasso di positività è sceso al 3,8%. E la maggior parte asintomatici. Purtroppo la gente muore, come sempre d'altronde. Che ne è della belle influenza stagionale (2018) che metteva a letto 4 milioni e mezzo di persone tra metà dicembre e metà gennaio??? Allora tutto ok, adesso il delirio!

Fjr

Mer, 17/02/2021 - 12:52

Cambia il timoniere ma la ciurma è sempre la stessa degli sfaccendati che tirano a campare

Fjr

Mer, 17/02/2021 - 12:54

Lo taunami dei licenziamenti è il nuovo tormentone di Capezzone

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Mer, 17/02/2021 - 12:56

@Loudness Mi spiace che lei non ci arrivi ma non è la prima volta che non riesce a capire il mio dire. Che non è, come crede, un'endorsement della politica delle serrate ma una critica aperta a chi ha voluto polarizzare la questione infilando nella testa della gente che ci sono i cattivi comunisti che vogliono chiudere tutto (per non meglio definiti complotti universali dei soliti "poteri forti") e la liberale destra che difende esercenti ed economia. La realtà invece è che l'unica differenza è tra chi è al governo e si deve prendere la responsabilità di decisioni che, tirando da un lato impoveriscono il paese e tirando dall'altro mandano ulteriore gente al Creatore, e gli altri che dall'opposizione possono permettersi di lucrare sull'insoddisfazione della gente, tanto non decidono nulla. Le recenti inversioni ad U del suo apprezzato capitano dovrebbero far riflettere in proposito ...

jaguar

Mer, 17/02/2021 - 13:00

mbferno, però se passiamo zona rossa servono le arance sanguinelle, si intonano di più.

Invictus

Mer, 17/02/2021 - 13:07

Evvai! Si ritorna al caffè nel cartone.

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Mer, 17/02/2021 - 13:21

@Italy4ever Dov'è la bella influenza di una volta? A lei neanche la sfiora l'idea che mascherine, distanzamento, serrate varie, così come servono a rallentare il Covid-19, ostacolano anche il virus della comune influenza che si diffonde nello stesso identico modo del primo vero? Sagace!

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Mer, 17/02/2021 - 13:37

Chissà quante varianti riesce a inventarsi la famosa fantasia al potere!

Mariottoilritorno

Mer, 17/02/2021 - 13:38

"per evitare un lockdown nazionale" conosciamo già la strategia iniziano con piccole chiusure poi accusano i cattivi cittadini che non rispettano le regole e le varianti ecc. e tra qualche settimana siamo nuovamente in lockdown "duro" almeno smettetela di prenderci in giro e soprattutto di far sprecare tempo e soldi a chi lavora

Ritratto di Fabious76

Fabious76

Mer, 17/02/2021 - 13:47

Finalmente qualcuno ha capito di fare le zone rosse a livello provinciale o comunale senza mettere una intera regione in ginocchio. Se ci fossero arrivati prima chiudendo magari solo Milano e Varese durante la seconda ondata, la Lombardia avrebbe sofferto di meno.

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Mer, 17/02/2021 - 14:09

Il bello verrà quando ogni regione avrà la sua bella variante...sono curioso!

marzo94

Mer, 17/02/2021 - 14:45

In questo bailamme questa banda di incapaci che continua a governare la sanità sta toppando totalmente sull'unica cosa valida da fare, i vaccini. E' incredibile che questi politicanti continuino a prenderci in giro mentre la mente continua a morire, impedendo addirittura di comprare altri vaccini per risolvere la questione. E preoccupa anche il silenzio vile dell'opposizione, qui bisogna intervenire immediatamente, ogni giorno perduto significa centinaia di morti in più.

milano1954

Mer, 17/02/2021 - 15:05

Ripugnanti menzogne. Grazie Salvini e Berlusconi servi di leu

antonmessina

Mer, 17/02/2021 - 15:50

siete psicoterroristi le varianti dei virus esistono da quando esiste l'uomo , idem per le solite varianti influenzali e da anni i vari vaccini non sono mai uguali e ogni anno ne serve uno diverso. le zone di qualsiasi colore distanziamento mascherine tutta roba inutile se non a distruggerci psicologicamente

cegs49

Mer, 17/02/2021 - 16:37

ma se a ogni micro mutazione del virus si deve scatenare terrore , siamo a posto. Porre attenzione è una cosa , scatenare il panico un'altra! Tanto per evitare proteste ci metteranno tutti in zona rossa e buonanotte!!

Italy4ever

Mer, 17/02/2021 - 16:39

@El Presidente: Vedo che non ha colto l'ironia del messaggio. Resta il fatto che allora, con 4.500.000 italiani a letto malati nessuno si è mai preoccupato, adesso si vede solo l'ecatombe. Eppure le persone anziane nei periodi invernali sono, purtroppo, sempre morte per le complicazioni dell'influenza. E per ricoveri e terapie intensive le chiedo: è mai riuscito a trovare i dati relativi ad anni precedenti al Covid??? A me piacerebbe vederli ma sembra non esistano, quindi non esiste neppure un termine di paragone con oggi.

Italy4ever

Mer, 17/02/2021 - 16:41

@antonmessina: se la pensassero tutti come lei saremmo liberi. Invece chi comanda usa con terrorismo l'arma della "salute", della quale poco gli importa se permette di guadagnare (vedi sigarette e alcolici).

Giorgio5819

Mer, 17/02/2021 - 17:00

Di che colore sono le carrette ong che QUALCUNO continua a far attraccare ai porti Italiani ?... Solo per quelle non c'é alcuna misura restrittiva, rallenterebbe il business comunista.