Covid, ora c'è un'altra variante inglese

Nel Regno Unito scoperta una nuova variante, peggio della prima. Alcuni casi già in Danimarca, Stati Uniti e Australia

Non bastava una sola variante inglese, adesso ce ne sarebbero addirittura due. Un’altra è stata infatti scoperta nel Regno Unito, più preoccupante della prima e già individuata anche in Danimarca, Stati Uniti e Australia.

Ecco la nuova variante inglese

In Gran Bretagna fino a questo momento ne sarebbero stati identificati solo 32 casi ma subito è finita in un report dell’Università di Edimburgo con il nome di B1525. Nella città scozzese i ricercatori hanno sequenziato il genoma del Covid di 10 paesi. Le prime sequenze erano state individuate lo scorso dicembre in Gran Bretagna e in Nigeria. Come riportato da La Stampa, la nuova mutazione sarebbe simile alla variante ormai famosa chiamata B117. L’ultima avrebbe in sé diverse mutazioni che preoccuperebbero gli esperti. Tra queste anche la E484K sulla proteina Spike, ovvero quella sita all’esterno del virus che permette a questo di entrare nelle cellule, e che era stata trovata sia nella variante sudafricana che in quella brasiliana. Ancora non è sicuro, ma potrebbe aiutare il virus a neutralizzare gli anticorpi. Proprio per questo motivo è la variante che preoccupa maggiormente gli esperti di tutto il mondo.

Come ha tenuto a precisare Simon Clarke, professore di Microbiologia cellulare all'università di Reading, mentre non è ancora del tutto chiaro il ruolo che hanno altre mutazioni sull'abilità di infettare del Coronavirus, e neanche sul livello di gravità della malattia, la presenza della mutazione E484 in Sudafrica ha invece dato una percentuale di resistenza ad alcuni vaccini. Clarke ha sottolineato che non si è ancora a conoscenza di come questa nuova variante si sia diffusa, ma è probabile che possa ridurre l’immunità da vaccino o da una precedente infezione da Covid. Deve quindi essere inclusa tra quelle da testare per individuare le varianti più rilevanti. "Finché non ne sappiamo di più dovremmo sottoporre a surge testing (che include i test porta a porta e il tracciamento dei contatti) ogni variante che abbia mutazioni come la E484 che sembra conferire resistenza all'immunità in modo che si eviti che possa sfuggire ai nostri anticorpi" ha aggiunto il professore.

Modificare i vaccini

Idea differente quella di Jonathan Stoye, del Francis Crick Institute. Secondo il suo parere la variante si sta diffondendo ma il surge testing avrebbe delle difficoltà. Infatti, quando "si impone una pressione selettiva sul virus, la risposta è il tentativo di sfuggire alla risposta immunitaria, e credo sia quello che stiamo osservando" ha spiegato Stoye. Il fatto che molte varianti abbiano in sé la stessa mutazione potrebbe portare gli scienziati a dover modificare i vaccini. Studiare le nuove varianti potrebbe quindi dare una mano ai ricercatori: "La E484K sembra al momento che sia la chiave che consente la fuga del virus, quindi dovrebbe essere considerata nella modifica".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 16/02/2021 - 15:30

Qui la cosa comincia a puzzare.

Ritratto di spectrum

spectrum

Mar, 16/02/2021 - 15:41

Che la smettano, questo e' un crimine contro l'umamita'.

investigator13

Mar, 16/02/2021 - 15:46

il mio commento ignorato dalla redazione. Cmq I russi anno tolto quattro micro nanockip dal contenuto di una fiala della Pfizer. altro che vaccino contro il covid. Vaccinazioni per robotizzare l'uomo stile militare per dominare l'umanità ai voleri dei sionisti satanisti. Detto così in breve

ruggerobarretti

Mar, 16/02/2021 - 16:19

Questa e' dell'IRA.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mar, 16/02/2021 - 17:02

CHIUDERE LE FRONTIERE VERSO QUESTI PAESI CON LE VARIANTI.

cgf

Mar, 16/02/2021 - 17:23

Se si mettessero a studiare in Italia come fanno in GB, sicuramente delle varianti (plurale) le troverebbero anche qui. Anche il normale virus dell'influenza che colpisce l'Europa ogni anno, ha le proprie varianti a secondo dove si radica, i virus mutano sempre, è già conclamato che questa seconda ondata [variante spagnola come si ipotizza?? sapremo mai] è più virulenta della prima. Penso che ci toccherà un lockdown stretto, proprio per non permettere al virus di variare troppo e fare vaccinazioni a tappeto per ottenere immunità di gregge, ma se nel frattempo, visto che le raccomandazioni lasciano a desiderare, ci sarà la chiusura, volenti o non volenti. Non vedo bacchette magiche, so solo che può prendere pesantemente, conosco tre under 40 in terapia intensiva e senza patologie pregresse, se prendesse solo il 30% degl'under 40 che conosco solo io, gli ospedali sarebbero al top. that's it

Ritratto di Soloistic69

Soloistic69

Mar, 16/02/2021 - 18:21

Basta globalizzazione. Ognuno a casa sua... chiudere i confini e non entra o esce più nessuno! Altro che lockdown...