Dall'Alto Adige l'unguento del benessere

Inalato dà sollievo al raffreddore, frizionato su corpo allevia i reumatismi

«A fine giornata, i raccoglitori s'immergevano tra i trucioli di pino mugo ancora caldi, per sciogliere le tensioni e lenire il dolore delle ferite. Spesso anche le persone più anziane e provate dalle fatiche venivano trasportate su carretti alla distilleria mobile per essere curate: si narra che, dopo due settimane, ritornassero a casa sulle loro gambe» (Eschgfeller). Nel primo Novecento, in Val Sarentino (Alto Adige), iniziò la distillazione dell'olio di pino mugo, detto anche Bergsegen («benedizione della montagna», nella lingua popolare), da sempre un valido rimedio casalingo, usato per un bagno rigenerante, inalato in caso di raffreddore o frizionato sul corpo per alleviare sofferenze articolari e reumatismi. A differenza degli altri esemplari della sua specie, il pino mugo della valle cresce su terreni vulcanici e acidi, ricchi di sostanze nutritive e curative, oggi comprovate da testi, studi e relazioni scientifiche. Se all'epoca, senza trattori e strade, l'impianto per la distillazione veniva realizzatoin alta quota (distilleria mobile), cioè oltre i 2000 metri d'altitudine, nel 1970, Florian Eschgfeller costruì la prima fabbrica in valle, oggi gestita dalla moglie Barbara, dal figlio Philipp e dalla nuora Christine. La famiglia, nel Centro Benessere Alpino Eschgfeller, ha ricreato anche l'originale bagno di pino mugo, che consiste nel giacere, per una mezz'ora, proprio sopra un letto di trucioli di pino mugo ancora caldi. Si può godere di questo trattamento da maggio a ottobre, quando i teneri ramoscelli con pigne e aghi vengono raccolti. Una raccolta sostenibile e coordinata dall'ente forestale, che serve per preservare i terreni da pascolo. Le piante, crescono dai semi e in 20-25 anni raggiungono la dimensione per poter essere nuovamente tagliate. Ogni anno, gli Eschgfeller raccolgono 5 tonnellate di pino mugo e, per ottenerne 10 chilogrammi di olio puro, occorrono 250-300 chilogrammi di triturato. Con l'olio e tutti i prodotti a base di pino mugo, come la linea cosmetica Trehs, si può «allenare» la pelle al benessere. Anche in città.

MTiz

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti