Dame e cavalieri in costume: è il ballo delle Cinque giornate

Il maestro di cerimonie pronuncia la frase fatidica: «Cavalieri, invitate la vostra dama». E il gran ballo ha inizio. Gli uomini si avvicinano alla compagna con cui hanno prenotato la prima danza sul carnet, le fanno l’inchino prendendole la mano. E, a suon di valzer, le coppie cominciano a volteggiare sotto affreschi ottocenteschi e stucchi. Con immensi abiti di pizzi e seta, acconciature di una volta e generosi decolleté strizzati in corpetti steccati. Di colpo sembra di trovarsi nel cuore si una scena del Gattopardo. Una favola, in cui anche gli sguardi e i gesti hanno il sapore, la malizia e la pacatezza di un ricevimento ottocentesco. Invece siamo a Milano, a Brera. Mentre per strada sfrecciano i ragazzini in jeans e scooter, nelle dorate sale di palazzo Cusani in via del Carmine, al circolo di presidio dell’Esercito, ha inizio il gran ballo per ricordare le Cinque giornate di Milano. Ci sono dame e cavalieri, molti dei quali appartenenti a famiglie realmente nobili. Arrivano da tutta Italia. Avvocati, docenti universitari, liberi professionisti e studenti. Tutti accomunati da una passione: i balli d’epoca e i costumi ottocenteschi. Per tutta la settimana vestono in tailleur e giacca e cravatta, ma la domenica fanno un salto indietro nel tempo e giocano a rievocare le atmosfere di una volta. Le giovani arrossiscono celandosi dietro ventagli ricamati e i cavalieri borbottano lisciandosi i baffi e scegliendo la dama più bella, quella da corteggiare. Neanche a dirlo, tra un valzer spagnolo e una quadriglia, sbocciano flirt a non finire. Complice il costume e il romanticismo che è nell’aria. Proprio come in una corte reale. «Ecco, vede - spiega Fabio Mollica, della società di danza che ha organizzato l’evento - quello è un conte torinese. Là in fondo invece ci sono dei nobili toscani. E lui è un cavaliere che giunge da Piacenza». Gli invitati arrivano coperti da meravigliosi mantelli puntati con spille antiche ed entrano nel salone delle danze a coppie, pronti per le danze di gruppo e i madrigali.
Oltre al mero divertimento e al piacere del mascheramento, la società di Danza nasconde un intento importante: rievocare i tempi in cui si costruì l’unità d’Italia, dai moti risorgimentali del Quarantotto fino al 1860. «In questo contesto - spiega Mollica - si inserisce anche il gran ballo in ricordo delle Cinque Giornate di Milano. Non abbiamo fatto altro che seguire il messaggio lanciato da Ciampi prima e da Napolitano ora per ricordare le nostre origini di italiani».
Dame e cavalieri si stanno preparando, evento dopo evento, all’anniversario dei 150 anni dell’unità d’Italia che si celebrerà l’anno prossimo. Nel frattempo si intrattengono con pomeriggi danzanti in giro per l’Italia: in agenda hanno già segnato il ballo del 17 aprile a Torino. E poi ci sarà il gran ballo d’estate che abitualmente si tiene nelle sale del palazzo ducale di Modena.
«Nel nostro essere italiani - spiega Mollica agli invitati prima di dare il via alle danze - c’è un elemento importante ed è la nostra storia comune, sono le nostre radici. La nostra nazione è nata così ed è importante ricordarlo». Dietro ai preparativi c’è uno studio profondo: i costumi rispecchiano fedelmente i modelli di una volta e la scelta delle stoffe è accuratissima. Così come sono fedeli le acconciature e la scelta degli accessori e dei gioielli. Anche il trucco è un po’ retrò: leggero e con le gote rosate lievemente rosate, come usava a corte.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento