Quando cambiano le banconote Euro: come saranno

L'ultimo studio sulle abitudini dei consumatori delle nazioni europee ha mostrato che il contante è rimasto il metodo di pagamento più popolare anche nel 2019

Quando cambiano le banconote Euro: come saranno

Entro il 2024 saranno ridisegnate tutte le banconote in euro e ciò avverrà con la collaborazione dei cittadini delle diverse nazioni del Vecchio continente. Lo ha deciso la Banca centrale europea (Bce), che ne ha dato comunicazione attraverso la presidente Christine Lagarde. “Dopo vent’anni – ha affermato l’avvocato francese – è tempo di aggiornare l'aspetto delle nostre banconote in modo che gli europei di tutte le età e origini possano identificarsi con esse”. I soldi in carta restano un simbolo tangibile e visibile di unità in Europa, soprattutto in tempi di crisi, e, come conferma Lagarde, “la loro richiesta rimane intensa”.

L’iter di riprogettazione delle banconote in euro inizierà con l’organizzazione di aree di discussione, il cui compito sarà quello di raccogliere le opinioni dei cittadini di tutte le nazioni d’Europa su possibili temi per le banconote future. Successivamente, un gruppo consultivo composto da un esperto di ciascun Paese europeo – specialisti di diverse discipline già nominati dalla Bce – presenterà al consiglio direttivo un elenco di temi selezionati. I disegni delle attuali banconote in euro si basano sul tema “tempi e stili”, rappresentato da finestre, porte e ponti.

A seguito delle proposte del gruppo consultivo, la Bce chiederà all'opinione pubblica il proprio parere sui temi selezionati. Verrà quindi bandito un concorso di progettazione per le nuove banconote, al termine del quale Francoforte consulterà nuovamente il pubblico e il consiglio direttivo prenderà la decisione finale. Dopo aver completato l'iter progettuale, il consiglio direttivo autorizzerà la produzione delle nuove banconote in euro e deciderà le possibili date di emissione.

L'ultimo studio sulle abitudini dei consumatori delle nazioni europee ha mostrato che il contante è rimasto il metodo di pagamento più popolare anche nel 2019. Nonostante l’utilizzo delle carte sia aumentato durante la pandemia, la domanda di contanti è cresciuta, grazie al suo ruolo essenziale come riserva di valore. “Vogliamo sviluppare banconote in euro che i cittadini europei possano identificare e utilizzare con orgoglio come denaro”, ha spiegato Fabio Panetta, componente del comitato esecutivo della Bce. “Il processo di riprogettazione delle banconote – ha aggiunto – andrà di pari passo con la nostra ricerca sull'euro digitale, specificando che “entrambi i progetti mirano a soddisfare il mandato di fornire denaro sicuro agli europei”.

Commenti