A Cipro regna il caos Si vota sul prelievo dai conti correnti

Berlino se ne lava le mani, la Borsa di Nicosia sospende gli scambi, le banche chiudono e in piazza monta la protesta

Berlino se ne lava le mani, la Borsa di Nicosia sospende gli scambi, le banche chiudono e in piazza monta la protesta. L'ipotesi di un prelievo forzoso dai conti correnti dei contribuenti ciprioti ha scatenato il caos nell'isola di Afrodite.

Al momento, la proposta di applicare un prelievo del 6,75% sui depositi nelle banche fino a 100.000 euro e dello 0,9% su quelli eccedenti questa soglia non dispone di una maggioranza a favore nel Parlamento dell’isola. Per questo motivo, è pronto una sorta di compromesso: secondo una nuova bozza di proposta, in vista del voto in parlamento oggi pomeriggio, saranno esentati i depositi bancari fino a 20.000 euro, mentre per le somme tra 20.000 e 10.000 euro sarà applicata una tassa del 6,75% e per quelle superiori a 100.000 euro del 9,9%. Questa ipotesi ha subito ricevuto il consenso del Fondo Monetario Internazionale. "Noi ovviamente sosteniamo pienamente le intenzioni delle autorità cipriote di introdurre tassi più progressivi nel prelievo una tantum o un concambio depositi-azioni" per conseguire l’obiettivo concordato di 5,8 miliardi di euro, ha dichiarato il direttore generale del Fmi, Christine Lagarde, intervenendo a una conferenza a Francoforte. Di diverso parere invece la Banca centrale cipriota, secondo cui "se i piccoli risparmiatori saranno esclusi dal prelievo forzoso proposto dall’Eurogruppo il governo di Nicosia non ce la farà a raccogliere dai depositi bancari la somma di 5,8 miliardi di euro chiesta dall’Ue".

La situazione è appesa a un filo. Perché se non dovesse essere approvata la proposta di esproprio bancario, sarebbe a rischio la concessione di aiuti fino a un massimo di 10 miliardi di euro a Cipro. La coalizione di governo dispone soltanto della metà dei voti a disposizione, 28 su 56, e dipende dall’appoggio dell’opposizione. Tuttavia, secondo il sito online della tv tedesca ’N-tv’, 28 deputati hanno già detto che non voteranno la proposta. All'appello del governo manca il voto di una deputata, che è stata richiamata in tutta fretta in patria dall'Argentina. Occhi puntati sull'isola, dunque. Secondo quanto riportato dalla stampa locale, il ministro delle finanze cipriota, Michalis Sarris, si recherà in giornata a Mosca per discutere di possibili nuovi prestiti all’isola. E proprio lo stesso ministro, secondo quanto riporta Cnbc, avrebbe però rassegnato le dimissioni. Dimissioni che il presidente Nicos Anastasiades non avrebbe ancora accettato.

Intanto, non si placa la tensione davanti al Parlamento di Cipro, dove oggi sono in programma nuove proteste. Le banche dell’isola restano chiuse, riapriranno solo giovedì, per evitare una corsa al prelievo di denaro dai depositi. A seguito di questa decisione, la Borsa di Nicosia ha annunciato la sospensione delle contrattazioni per la giornata di oggi e di domani. "Si è deciso di sospendere gli scambi dei titoli azionari al fine di garantire il buon funzionamento della Borsa e di proteggere gli investitori", si legge in un comunicato diffuso dalla Cyprus Stock Exchange (CSE).

Le previsioni non sono rosee però. Secondo il presidente della Banca Centrale cipriota, Panicos Demetriades, le banche dell'isola "perderanno oltre il 10% dei depositi nei primi giorni se sarà imposto il prelievo forzoso richiesto nell’ambito del piano di salvataggio". Infine, la Germania ha tenuto a precisare che non ha alcuna responsabilità sulle modalità attraverso le quali si attuerà il prelievo forzoso a Cipro. "Questa è una decisione di Cipro, la responsabilità non è né del governo tedesco né di governi di altri paesi europei", ha dichiarato il ministro delle Finanze tedesco, Wolfgang Schaeuble.

Commenti

polonio210

Mar, 19/03/2013 - 12:34

Già con l'avvento del Governo Monti scrissi,numerose volte,come i nostri risparmi fossero a rischio:oggi,la vicenda cipriota,mi conferma che avevo,purtroppo,ragione.Se,a Cipro,dovesse passare questa legge potete esserne certi che nessun risparmiatore,in Europa,potrà sentirsi al sicuro.In qualunque paese,membro della Comunità Europea,potrebbe succedere che i cittadini vengano chiamati a rifondere (con i propri sudati risparmi) gli errori prodotti da una gestione statale allegra.Ribadisco nuovamente:ritirate i vostri soldi dalle banche(almeno il 90% di quanto avete depositato in c/c) e tramutate gli Euro in valute diverse tipo:dollari USA o Australiani oppure in Franchi Svizzeri,non sottoscrivete titoli del debito pubblico di nessun paese dell'area Euro e se ne avete,nel vostro deposito titoli, vendeteli subito(meglio perdere poco oggi che tutto domani)L'Europa e l'Euro,per come sono stati concepiti,si sono rivelati una truffa che ci porterà ad una catastrofe economica senza precedenti.La nave Europa sta affondando,Cipro è la sirena di abbandono nave e del si salvi chi può,è ora di calare le scialuppe di salvataggio per cercare di sopravvivere,lasciando il relitto a inabissarsi nell'oblio.

doris39

Mar, 19/03/2013 - 12:38

Cipro: giá deciso prelievo forzoso in tutta Europa A sostenerlo e' Athina Kyriakidou, membro del parlamento cipriota (Partito Democratico). Intanto il portavoce del governo di Nicosia avverte: probabile che il parlamento non approvi l’accordo con l’Eurogruppo. Il voto alle 17. ( WSI ) Staremo a vedere l'evolversi della notizia

gazzifam

Mar, 19/03/2013 - 12:39

Credo che qui sia in gioco la credibilità degli istituti d credito e la fiducia dei cittadini. Se si permettono arbitrariamente di "prelevare=rubare" il 10% su un conto, ce lo possiamo aspettare pure noi fra qualche tempo. E' meglio tenere i soldi a casa visto anche gli interessi che vengono dati sui depositi.Sono ancora incazzato per il 6/1000 che ci rubò il governo Amato. Si lo stesso Amato che qualcuno vorrebbe Capo dello Stato. Lo stesso che percepisce le pensioni più alte d'Italia. Un ultimo appunto: la cifra chiesta a Cipro per avere il finanziamento è "casualmente " uguale alla cifra con la quale la Germania è esposta in quel Paese.

agosvac

Mar, 19/03/2013 - 12:43

Berlino se ne lava le mani e schaeuble dice che che la colpa di questa decisione abnorme non è della Germania. Ed allora di chi è visto che quella che vuole l'estremo "rigore" è proprio e solamente la Germania??? Hanno fatto il danno ed ora si proclamano innocenti!!! La cosa comica è che nenche si rendono conto che loro, i duri e puri, non sono per niente esenti da questa crisi che contribuiscono a non fare finire. Io ho un nipote in Germania che lavora in proprio e poco tempo fa mi diceva che le banche tedesche non fanno più credito agli imprenditori. Questo è l'inizio perchè senza credito nessun imprenditore può lavorare e se non lavora non produce e se non produce l'economia va a rotoli! Del resto negli ultimi trimestri del 2012 non è che la Germania sia andata "troppo" bene, è cresciuta sì ma dello 0,2 o 0,3 e non si sa ancora come andrà il primo trimestre del 2013!!! Sarebbe ora che i tedeschi non dessero più la colpa dei loro stessi problemi ad altri che non a sè stessi.

Ritratto di alfredido2

alfredido2

Mar, 19/03/2013 - 12:53

Possibile che L'Europa tremi per Cipro 1 milione di Cittadini ? Gestire un paese così piccolo e con tante possibilità dovrebbe essere una cosa di routine. Se Cipro non riesce in questo e fa tremare l'Europa c'è qualche cosa che non va e va chiarito . L'esempio della Grecia,che vive da anni sulle spalle degli Europei, si spande . Arriveremo,parlo per assurdo,che San Marino metterà in ginocchio l'Europa ?

Gaby

Mar, 19/03/2013 - 13:16

Questo e' il risultato della politica dell'EU. Oggi serve solo gli interessi della Germania, delle sue banche , delle sue industrie. E basta che la Culona schiocchi le dita si precipitano tutti a prendere ordini a Berlino ( Vero Monti ? ). La Germania ciclicamente decide di dominare l'Europe. Ci ha provatodue volte , con le armi, il secolo scorso, senza troppo successo. Adesso lo fa con il denaro. Molto piu' sottile... Allora , o l'Europe e l'Euro si sfasciano ( speriamo ) e tutti ritroviamo la nostra liberta', o presto circoleremo , obbligatoriamente, tutti in Volkswagen ( non male comunque...) e i piu' fedeli potranno comperare una Audi o una Mercedes. E' solo un piccolo esempio .... Deutschland uber alles !!!! Vi ricorda qualche cosa ???

Marcello.Oltolina

Mar, 19/03/2013 - 13:33

Questa è l'europa dei finanzieri, dei banchieri, degli industriali, degi speculatori non della gente che si è vista dimezzare il potere di acquisto con l'introduzione dell'euro in Italia.

Roberto C

Mar, 19/03/2013 - 14:11

Monti, con l'obbligo di usare la moneta elettronica per tutti i movimenti superiori ai 999 euro, ha di fatto costretto tutti gli italiani a avere almeno un conto corrente (due per chi ha la Partita IVA) e a depositarci sopra i loro soldi. Il PD e l'UDC hanno plaudito. Il PdL non si è opposto. Poi vi lamentate se Grillo ha preso tutti quei voti?

gamma

Mar, 19/03/2013 - 15:01

Questo fatto è estremamente pericoloso sopratutto perchè potrebbe invogliare altri governi dei paesi europei del sud Europa a fare la stessa cosa. Pensate, ad esempio, ad un governo Bersani appoggiato da SEL, centristi di Monti e grillini. Pensate che si lascerebbero sfuggire la possibilità di fare facilmente cassa con questo metodo. troverebbero subito la giustificazione che se l'ha fatto un paese euro come Cipro a maggior ragione può essere fatto dall'Italia. Questi hanno la faccia come il lato B. Se si sono mangiati Monte Paschi Siena ovverosia la terza banca d'Italia, pensate che avrebbero scrupoli a mangiarsi i risparmi degli italiani?

portobello46

Mar, 19/03/2013 - 15:27

Il grande A.Einstein disse: due cose sono infinite, 1^ l'universo - 2^ la stupidità umana ma sulla prima nutriva forti dubbi. Portobello46

blaster

Mar, 19/03/2013 - 15:48

Baste leggere il Sole 24 ore...:Quale è l'importo che l'Unione europea ha deciso lo scorso week end di ottenere dal prelievo forzoso sui conti correnti a Cipro? 5,8 miliardi . E quale è l'esposizione finanziaria delle banche tedesche nei confronti della piccola isola del Mediterraneo? 5,8 miliardi (fonte Banca dei regolamenti internazionali). Una coincidenza? No per i cittadini ciprioti, che stanno protestando massicciamente in piazza e ce l'hanno soprattutto con Angela Merkel : slogan, maschere e jingle sono praticamente a senso unico contro la Germania e la sua cancelliera che a quanto pare (e se i numeri non sono un'opinione) avrebbe avuto un ruolo da protagonista nella proposta choc del prelievo forzoso sui conti correnti a Cipro (con l'avallo, secondo indiscrezioni, anche di Olanda e Finlandia).

Ritratto di Reinhard

Reinhard

Mar, 19/03/2013 - 16:00

Apprendo ora che il presidente della banca centrale cipriota si chiama "Panicos Demetriades"... Data la situazione, mai un nome fu più appropriato.

Ritratto di Carlo_Rovelli

Carlo_Rovelli

Mar, 19/03/2013 - 17:05

Sono pazzi, i burocrati di Bruxelles sono dei pazzi scatenati. Non solo degli stupidi di prima categoria (lì inviati solo per i loro intrallazzi personali, non la loro competenza). Se passa questo prelievo imposto (OK, forse i burocrati sono principalmente interessati ai depositi ciprioti degli oligarchi russi, ma lo stesso) sarà il contagio e sarà davvero la fine dell'Euro. Ogni stato del gruppo Piigs agirà in questo modo (o sarà costretto a farlo) al più piccolo segnale d'assedio da parte dei mercati finanziari. Meglio uscire da questa gabbia di matti al più presto ...

mila

Mar, 19/03/2013 - 17:33

@ polonio210 -Lei non ha tutti i torti, ma mi spieghi una cosa: dopo aver ritirato i soldi dalla Banca e averli cambiati in valuta estera, dove li tengo? In casa a portata di ladro? Invece del 10% rischio di perdere il 100%.

mila

Mar, 19/03/2013 - 17:39

@ Gaby -Presto circoleremo tutti in Volkswagen? No, presto circoleremo tutti a piedi.

MMARTILA

Mar, 19/03/2013 - 18:30

Lasciate che Cipro affondi su stesso e porti con sé tutti i mafiosi russi che ha accolto...non un centesimo per costoro.

Valerio64

Mar, 19/03/2013 - 18:39

NON SONO PAZZI A BRUXELLES:SONO MANOVRATI E BEN CONSCI DI QUELLO CHE FANNO.QUESTO E' IL PROBLEMA. MA CORAGGIO,C'E IL SORRISO DI OBAMA A CONFORTARCI...

Ritratto di stenos

stenos

Mar, 19/03/2013 - 18:48

Uscite dell'euro. Date la prima mazzata ai tagliagole idioti di bruxelles.

corbi40

Mar, 19/03/2013 - 20:35

Cipro si ribella.....bersani pensa al"conflitto di interessi" risolvendo quindi "tutti" i ns. problemi.

corbi40

Mar, 19/03/2013 - 20:35

Cipro si ribella.....bersani pensa al"conflitto di interessi" risolvendo quindi "tutti" i ns. problemi.

corbi40

Mar, 19/03/2013 - 20:38

Cipro si ribella all'egemonia della germania....bersani come primo provvedimento pensa.......al "conflitto d'interessi!!!!!!!

PL

Mer, 20/03/2013 - 08:01

EURO: moneta gestita dalle banche che sta portando l'europa al disastro economico. Non capisco perché l'europa abbia potuto consentire la nascita di un paradiso fiscale legittimato. Siamo governati da un'entità antidemocratica europea di cui le popolazioni non sanno quanto si dovrebbe.

gpl_srl@yahoo.it

Mer, 20/03/2013 - 08:54

la germania della signora Merkel se ne lava le mani?? non avrebbe nemmeno dovuto sporcarsele : invece come il solito lo ha fatto nella maniera più stupida immaginabile provocando non solo il risentimento della Russia ma anche quello di quasi tutta l' europa che vede in questa dictat un precedente assolutamente illegale: ancora una volta la signora Merkel dimostra di non meritare la posizione che occupa e soprattutto dimostra di agire in maniera incoerente e stupida: quando molti italiani dicono che l' italia dovrebbe uscire dall' area dell' euro, dicono qualche cosa di assolutamente sensato perché non guardano all' oggi ma al domani ed il debito pubblico tedesco preoccupa molto di piu di quello italiano , francese, spagnolo e portoghese messi assieme: la germania ci sta colpendo col suo stesso debito impugnandolo come se si trattasse di un' arma buttata in faccia al mondo a modo di ricatto: lo fa con spudorata sfacciataggine perche coperta dai suoi più importanti creditori oggi impauriti dal tali possibili perdite: andiamo quindi alla conta, altrimenti nei prossimi dodici mesi , un governo gestito da un Bersani alquanto spudorato e votato alla sola ricerca di una legge in grado di eliminare Berlusconi, ci porterà questa volta al definitivo disastro: Monti aveva tentato tutto e di tutto per portarci allo sfacelo, bersani completerà l' opera e quando ce ne renderemo conto sara troppo tardi per piangere: iva al 22 e forse al 23 gia da luglio, benzina ulteriormente aumentata di 5 centesimi, alcolici, sigarette e giochi (e questo non disturberebbe) aumentati , imu ossia patrimoniale portata a quote insopportabili ,ci permetteranno di rimpiangere la Russia sovietica di Stalin e di Beria: qualcuno dirà di essere contento, ma anche lui, alla fine dovrà piangere perché non troverà nessuno in grado di aiutarlo se non la miseria di stato: avranno eliminato Berlusconi e con lui avranno eliminato tutti quei berlusconi abituati sempre e solo a lottare per il bene della propria azienda e con loro avranno eliminato tutte le forme di sostentamento .