Il fisco ora blocca i conti correnti e "risparmia" proprietà e immobili

È quanto stabilito dalla Corte di Cassazione nella sentenza 15308/2020. Nei procedimenti di evasione fiscale, il valore degli immobili non può sostituire gli importi presenti sui conti correnti

Meglio il cash del mattone. La confisca dei beni immobili non possono essere una misura sostitutiva del sequestro dei conti correnti aziendali nell'ambito di un'inchiesta per evasione fiscale.

A stabilirlo in una sentenza che chiarisce alcuni aspetti importanti relativi alle attività ispettive sui reati legati alla fiscalità d'impresa ma che creerà più di qualche malumore, è, come ricorda Italia Oggi, la Corte di Cassazione con il verdetto n. 15308/2020. Secondo i giudici della suprema Corte, tale posizione dottrinale è giustificata dal fatto che il denaro sia un bene fungibile - si tratta di quei beni che possono essere sostituiti solo con altri della stessa specie e che abbiano la stessa funzione economica - e che, pertanto, è in grado di coprire con maggiore precisione e facilità il profitto derivante dalla condotta illecita. Difatti, sostituire la confisca dei conti con quella dei beni immobili comporterebbe, da parte del soggetto giudicante, l'onere della permuta di un bene il cui valore non è immediatamente convertibile nel medesimo valore economico corrispondente a quello del profitto ottenuto da condotta illecita.

La sentenza di merito della sezione della terza sessione penale, nasce in accoglimento del ricorso presentato dalla Procura di Rieti la quale, in un'inchiesta ha visto disporre che "il sequestro preventivo, finalizzato alla confisca, diretta e per equivalente, del profitto del reato di cui all'art. 10 ter d.lgs. 10 marzo 2000, n. 74, eseguito su somme depositate sui conti correnti intestati alla predetta società, beneficiaria del reato, fosse trasferito su un immobile alla stessa appartenente". I giudici del tribunale di Rieti 'lamentavano' che questa decisione "aveva trasferito il vincolo posto in relazione al profitto diretto del reato un bene immobile che costituirebbe invece profitto per equivalente". Il tutto negando l'equiparazione tra un bene come un immobile e il denato su un conto corrente.

Nei fatti, il tribunale di Rieti evidenziava l'impossibilità che in un'inchiesta per evasione fiscale il soggetto interessato potesse trasferire il sequestro preventivo delle somme depositate sui conti correnti su un immobile: "Non è ammissibile - neppure qualora vi sia il consenso del soggetto interessato - sottoporre a vincolo un bene immobile di proprietà del soggetto che si è avvantaggiato del reato ma che, a quanto pacificamente risulta, non costituisce profitto, nemmeno indiretto, dell'illecito. Si tratterebbe di un vincolo preordinato ad una confisca per equivalente del profitto che la legge non prevede in capo al soggetto che si è avvantaggiato del reato, essendo la stessa prevista - e solo in caso di impossibilità della confisca del profitto del reato - nei riguardi dell'autore dello stesso. Nonostante il consenso del soggetto interessato al trasferimento del sequestro dal denaro all'immobile - a quanto consta, peraltro, neppure espresso con formalità idonee a vincolare giuridicamente la società in vista di un futuro atto ablatorio, qualora questo dovesse ritenersi ammissibile - l'eventuale sentenza di condanna non potrebbe mai disporre la confisca di quel bene, non prevista né consentita dalla legge, sicché il provvedimento cautelare si rivelerebbe privo degli effetti che gli sono propri. Le disposizioni sulla confisca, di fatti, rivestono carattere di stretta interpretazione e, avendo spiccata natura pubblicistica, il loro contenuto ed i loro effetti non possono formare oggetto di pattuizioni che si muovono nell'ambito dell'autonomia negoziale”.

Per gli ermellini, dunque, resta il principio dottrinale secondo cui in tema di confisca, il giudice dell'esecuzione non può accordare la sostituzione del bene confiscato al condannato con una somma di denaro corrispondente al valore del bene stesso perché si darebbe luogo ad una non consentita confisca per equivalente in sostituzione di quella diretta, del prodotto o profitto del reato. Quindi, laddove via sia un'inchiesta per evasione fiscale, essendo il denaro equivalente alla somma del derivante dalla condotta illecita ed essendo immediatamente fungibile, dunque subito incassabile, non vi può essere la sostituzione dell'importo economico mobile con beni immobili.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 20/05/2020 - 12:50

il governo non può intromettersi e bloccare i conti correnti per fare una lotta alla evasione fiscale. si blocchino quelli su cui è accertata l'evasione, ma bloccare tutti per fermare 100 evasori, è uno sproposito!! è come arrestare 30 milioni di italiani, per poi mettere in prigione solo 300 .....

Ritratto di fergo01

fergo01

Mer, 20/05/2020 - 13:41

TOPOMORTO è un modo come un altro per mettere in crisi aziende già in difficoltà o comunque per mettere in difficoltà quelle sane. tu ragiona: mi pignorano il capannone, ma 999 volte su 1000 è comunque il pignorato ad essere d'ufficio indicato come tutore del bene, ergo posso continuare a lavorare ergo posso continuare anche a discutere per un'eventuale rateizzazione del debito (presunto). mi pignorano i conti? non posso più pagare tasse, stipendi, fornitori.... t'è capì?

oracolodidelfo

Mer, 20/05/2020 - 15:39

Fergo01 - se pignorano il capannone, prima che sia venduto (ammesso che si riesca a venderlo) bisogna aspettare i tempi delle vendite all'asta, l'incognita del prezzo finale di realizzo.....Se pignorano il conto corrente, il poco o il tanto che c'è, più ciò che puo' arrivare è lì disponibile con minor fatica, con l'immorale aggiunta dell'imbavagliamento lavorativo del pignorato....o sbaglio?

Tip74Tap

Mer, 20/05/2020 - 15:52

Primo passo verso la "sovietizzazione" delle PMI

silvano45

Mer, 20/05/2020 - 16:17

Il governo di sinistra minoranza nel paese dopo aver deliberato senza farle votare dal parlamento leggi illiberali e incostituzionali nel silenzio o con sentenze come queste emesse da una magistratura che si autoreferenzia si avvia verso una sovietizzazione del paese dove i cittadini diventeranno sempre più poveri e i burocrati politici e magistrati sempre più ricchi e privilegiati

sbrigati

Mer, 20/05/2020 - 16:59

Questo mi ricorda un tale, anzi più di uno che incriminato per evasione fiscale sui 100 milioni si vide bloccato tutto il patrimonio e pur di averlo libero, sebbene dichiaratosi sempre nel giusto, concordò con il fisco una penale molto inferiore. Il sequestro del patrimonio mobiliare serve a questo, ti incrimino per X e ti blocco tutto, se paghi subito parte di X niente processo e sei a posto.