Reddito di cittadinanza, 156 euro a figlio. La metà dei beneficiari al Sud

Le famiglie del Sud super-favorite per il reddito di cittadinanza. Solo alla Campania andrebbero più di 3 miliardi

A Palazzo Chigi prende sempre più corpo l'idea di dare alle imprese il reddito di cittadinanza. A confermarlo è stato il grillino Pasquale Tridico: "Stiamo ragionando su un sgravio contributivo intorno alle tre mensilità di reddito che, con l'assunzione di chi ne beneficia, si potrà trasferire all'azienda".

"In caso di contrattualizzazione di soggetti più vulnerabili, per esempio le donne, il bonus al datore si potrebbe raddoppiare, fino a sei mensilità", ha detto il consigliere economico di Di Maio in una intervista al Sole 24 Ore. La consistenza dell'assegno varierà in base al nucleo familiare. Il reddito di cittadinanza sarà di 780 euro, che diventeranno 480 se si possiede una casa di proprietà, per tutti i single che hanno un Isee inferiore a 9.360 euro. Se, invece, si hanno figli a carico, secondo quanto indicato da Tridico, si farà riferimento all'indice di equivalenza Isee utilizzato dall'Ocse, ma con alcuni accorgimenti. Il coniuge a carico prenderà il 40% dell'assegno base di 780 euro (312 euro), mentre ogni figlio varrà il 20% (156 euro). Partendo da questi numeri si spiegano facilmente le perplessità dei leghisti che vorrebbero ridurre da 3 a 2 le offerte di lavoro che si possono rifiutare e che considerano la norma troppo assistenzialista e a favore del Sud. Una considerazione non del tutto errata se,come ha fatto il Messaggero, si guardano le elaborazioni della Svimez. In base a questi dati la Campania è la Regione che beneficerebbe maggiormente del reddito di cittadinanza. Qui verrebbero destinati 3,1 miliardi di euro a 391mila famiglie. Il Sud, nel suo complesso, avrebbe la metà degli aventi diritto a questa forma di sostegno. Dietro la Campania ci sarebbe la Sicilia con oltre 2,7 miliardi (per quasi 343 mila famiglie); poi la Puglia (1,6 miliardi per 214 mila famiglie) e la Calabria (1,1 miliardi per 144 mila famiglie). A seguire Sardegna, Abruzzo, Basilicata e il piccolo Molise che, da solo, per 11mila famiglie prenderebbe 88 milioni.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Marguerite

Lun, 26/11/2018 - 08:20

Bel esempio di cittadini del Sud....famiglia Napoletana di Maio, LAVORO IN NERO....E....CASA ABUSIVA ....CON IL REDDITO DI CITTADINANZA!!!!!!!

Marguerite

Lun, 26/11/2018 - 08:28

E con tutta questa “povertà “ al Sud.....ci possono spiegare da dove spuntano i so,di per acquistare tante tante tante tante macchine che valgono più di 70.000 euro ???????? Come mai in Calabria ci sono più macchine vendute a più di 120.000 euro che REDDITI DICHIARATI PIÙ DI 100.000 EURO ?????? Da dove spuntano i soldi ?

Marguerite

Lun, 26/11/2018 - 08:31

Ma un’impresa che lavora molto in nero e dichiara solo 50.000 di reddito.....come può avere 10 impiegati a tempo pieno ??? Eppure solo in Italia s vedo o queste cose.....1 lavoratore sù 10 è dichiarato !!! Basta vedere nei ristoranti.....

Ritratto di giovinap

giovinap

Lun, 26/11/2018 - 10:39

francesco curridori, lei è in mala fede! per che non riporta tutta la "classifica" dei fruitori del r.d.c.? così facendo lei aizza le mezze calzette come marguerite! signor curridore lei dovrebbe sapere che mestando nel letame fa aumentare solo la puzza e in fatti è arrivata marguerite.