Elicottero precipita sul Bianco: due morti e due feriti gravi

TorinoQuattro morti e tre feriti. È il drammatico bilancio di tre diversi incidenti di montagna che hanno insanguinato l'arco alpino valdostano nelle ultime quattro ore. Gli incidente si sono verificati sul Monte Bianco e sul Monte Rosa. Il più drammatico è avvento poco prima delle 13, quando un elicottero Lama, di proprietà di una società privata ma usato in alcune occasione anche dal Soccorso alpino valdostano, è precipitato sul ghiacciaio del Toula, nel massiccio del Monte Bianco, a oltre 3.000 metri di quota.
A bordo del velivolo c'erano quattro persone: il pilota, due specialisti di volo e un tecnico di un’impresa edile, la Cte. Stando alle prime informazioni, l’elicottero della società Helops (Air vallee helicopter operations & services), gruppo Air Vallee, era partito per raggiungere il Rifugio Vecchio Torino. In particolare, l’elicottero avrebbe dovuto portare in alta quota l’elettricista e alcuni materiali. Il punto dell’incidente, a quota tremila metri, è stato raggiunto dai soccorritori a bordo di un secondo elicottero del Soccorso alpino. I due morti sono Christian Jeantet e Giuliano Coaro (tecnici di volo), entrambi residenti in Valle d¹Aosta. Sopravvissuti all’impatto il pilota Andrea Bellinzona e l’operaio dell’impresa edile Cte. I due sono stati trasportati d’urgenza all’ospedale di Aosta: la prognosi è riservata. Non è ancora chiara la dinamica dell’incidente: l’Ansv (Agenzia nazionale per la sicurezza del volo) ha aperto l’inchiesta tecnica di sua competenza sull’incidente avvenuto presso il ghiacciaio Toula. Un pool di investigatori dell’Agenzia, già nel pomeriggio di ieri, ha raggiunto la zona dove è avvenuto lo schianto per un primo sopralluogo operativo e per esaminare il relitto dell’elicottero. Elicottero che, secondo una prima ricostruzione, volava troppo vicino alle rocce: queste ultime sarebbero state toccate dalle pale. A rendere ancora più difficile le manovre, la zona impervia e il forte vento che ha complicato, poi, anche l’intervento dei soccorritori. E purtroppo questo non è stato l’unico incidente registrato nella giornata di ieri. Ore prima, uno schianto aereo si era verificato sul Monte Rosa, sul versante italiano del Lyskamm. Il velivolo coinvolto, un aereo da turismo francese con il solo pilota a bordo, era partito da Grenoble alle 6.50 e per motivi ancora da verificare è precipitato in prossimità della base del Naso del Lyskamm.
Sulla via normale che conduce alla Capanna Margherita si trovavano due guide alpine in salita verso la cima, che hanno allertato la Centrale unica del soccorso di Saint-Christophe. Sono stati immediatamente attivati i soccorsi e sul posto è giunto un elicottero medicalizzato della Protezione civile, che ha proceduto alle operazioni di salvataggio, estraendo dall’interno del velivolo ribaltato il pilota, ricoverato ora all’ospedale Umberto Parini di Aosta. E sempre sul Monte Rosa, sono morti due alpinisti precipitati in una zona a circa 4.000 metri di altitudine. L’incidente è avvenuto nei pressi del Breithorn centrale, una delle cime dell’estremità occidentale del Monte Rosa.