Chi sono le Pussy Riot?

Tutti ne parlano, pochi sanno chi sono: un collettivo punk russo schierato contro Putin. Tre membri del gruppo sono in galera e ora le difendono tutti: da Madonna ai Red Hot

Sono in carcere da mesi, sotto processo per aver portato all'interno della Cattedrale ortodossa di Cristo Salvatore la loro "preghiera punk", tentando di esibirsi col volto coperto da passamontagna fluo in un'invettiva contro Putin (guarda il video). Rischiano sette anni, accusate di "atti di teppismo motivato da odio religioso o da ostilità". Sono le Pussy Riot, collettivo punk femminista diventato noto all'opinione pubblica internazionale per la loro linea dichiaratamente anti-governativa.

A forza di esibizioni estemporanee la storia delle Pussy Riot è finita sui giornali di tutto il mondo, conquistandosi anche l'attenzione del gotha della musica. E il sostegno di Madonna, Sting e Red Hot Chili Peppers. Ma anche di Amnesty International, che le ha definite "prigionieri di coscienza".

Le opinioni sulla vicenda sono estremamente polarizzate. Da una parte quanti danno ragione all'accusa: la loro performance in chiesa, che invoca l'intervento della Madre di Dio contro Putin, non poteva essere accettata dai credenti, che l'hanno vissuta come una profanazione. Dall'altra chi ritiene che l'incarcerazione di tre donne legate al collettivo sia un caso clamoroso di persecuzione giudiziaria. Chi difende questa idea fa notare anche come due delle tre donne (Nadezhda Tolokonnikova, Maria Alekhina e Yekaterina Samutsevich) abbiano figli piccoli, che non gli è permesso vedere mentre si trovano in prigione .

Dal canto loro le tre ragazze, attraverso la voce di Nadezhda Tolokonnikova (prima da sinistra nella foto), spesso tratteggiata come la mente dietro le azioni politiche del collettivo, si difendono parlando di un gesto che non voleva offendere i credenti, bensì mettere in luce la collusione tra Putin e il patriarca ortodosso Cirillo I. Un modo per portare all'attenzione pubblica "un disperato desiderio di cambiamento politico in Russia".

La conferma che la vicenda delle tre ragazze ha scaldato non poco gli animi e crei qualche imbarazzo al governo russo, che forse non si aspettava tale visibilità a livello internazionale, viene anche dalle dichiarazioni di Dmitri Rogozin, vicepremier russo. Dopo l'esibizione moscovita di Madonna, che si è espressa a favore della liberazione delle Pussy Riot, che ha definito "coraggiose", il politico ha risposto indirettamente su twitter alla popstar, con una battuta che lascia poco all'immaginazione: "Ogni ex p... - ha scritto - tende a dare in giro lezioni di morale. In particolare quando si trova in tournee all'estero".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Enniodaroma

Gio, 09/08/2012 - 18:42

Ottimo, il commento di Rogozin, che essendo stato per anni il rappresentante della Russia presso la`NATO a Bruxelles, conosce bene i suoi polli (e pollastre). Allora, proviamo a far capire i fatti a parti inverse: - un bel giorno, tre zoccolette mascherate con relativo accompagnamento musicale fanno irruzione nella Basilica di San Pietro, e sull' altar maggiore si esibiscono in una "punk-preghiera" che definisce il Papa "una troia" e chiede alla Madonna di allontanare Napolitano. Il tutto davanti ad un pubblico di credenti che avrebbero potuto diventare anche maneschi (in Russia chi va' in chiesa lo fa' perche' ci crede, anche dopo 70 anni di ateismo obbligatorio). Che ne dite? Vi starebbe bene trasformare le chiese in luoghi di pazzate del genere? E domandatevi perche' le zoccolete non vanno a fare un "punk evento" del genere in una Moschea.....

Ritratto di marforio

marforio

Gio, 09/08/2012 - 18:56

Anche queste oramai haonno fatto il suo compito......di Putin sappiamo tutto ,i suoi intrallazzi con ex cancellieri tedeschi , comunisti, e avventurieri.Ma oramai a queste false democrazie occidentali e orientali ci siamo abituati.A me Putin cone ex comunista sta bene .Quanti ex statisti con lui si sono arricchiti .Non faccio nomi , perche non verrei pubblicato.

Ritratto di pipporm

pipporm

Gio, 09/08/2012 - 19:11

Ogni luogo è paese. Quando si critica qualcosa o qualcuno, il criticato non risponde sui contenuti, ma spesso attacca sul piano morale e sessuale. Anche Rogozin non è da meno. Tenta di avere la meglio giocando sul pregiudizio dell'opinione pubblica. Accade anche in Italia, spesso, troppo spesso per essere una democrazia.

marcomasiero

Gio, 09/08/2012 - 19:51

che le condannino a fare lo stesso in una moschea ... vediamo se escono ... a proposito sapete come si traduce pussy vero ? ...

Ritratto di FrancoTrier

FrancoTrier

Gio, 09/08/2012 - 20:57

HANNO COMMESSO UN REATO ? CHE PAGHINO

Ritratto di Legba

Legba

Gio, 09/08/2012 - 23:03

Mi domando, ma si può scrivere "patriarco"? Ma una semplicissima correzione ortografica normale in stile Word non si può mettere su? Perché non essendoci nel dizionario, in quanto la parola è "patriarca", ste cose le evitereste. Putin sarà quello che sarà ma se per ste giovanotte l'alternativa a lui è un fresco ritorno a bolshevismi (vista la maglietta della portavoce a sx) allora queste nuove generazioni, che siano a Mosca, a Londra, a Parigi o Roma hanno un bel futuro di disastro davanti a loro. Ho scritto bolshevismi perché gli amichetti del "no pasarán" erano in strettissima amicizia con Stalin e compagni!

andrea24

Gio, 09/08/2012 - 23:37

Vanno condannate,senza se e senza ma,in maniera esemplare,vanno condannate.Uno sbaglio,per certi versi,anche voluto,è considerare il fatto che dietro la condanna ci sia Putin,tanto da "rigirare" la cosa in chiave propagandistica anti-putiniana(e anti-russa) da parte dei media del democraticismo(rosseggiante,laicista,liberal etc..)occidentale. Al contrario,la condanna nei confronti di tali personaggi,infatti,è stata invocata,sin dall'inizio,"in primis", proprio dalle autorità religiose ortodosse russe. Tale blasfemo avvenimento avvenne infatti in un contesto in cui si stavano verificando,in Russia,attacchi dissacratori nei confronti della religione e dei simboli e luoghi sacri.Ci furono giorni di tensione,tanto che le autorità ortodosse portarono la gente in piazza in difesa della fede.Atti come quelli effettuati dalle tre femministe non si fanno e vanno soppressi con la legge.

eras

Ven, 10/08/2012 - 00:09

Forse anche là si son rotti di preti e affini....

Ritratto di emilio_vitale

emilio_vitale

Ven, 10/08/2012 - 01:15

Invidio il sistema giuridico Russo: per quello che da noi sarebbe stata una bravata, li gli danno 7 anni di carcere....Non voglio pensare a cosa farebbero a gente collusa con la mafia!!!!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 10/08/2012 - 01:46

C'è sempre una certa dose di vigliaccheria profanare una qualsiasi chiesa per condurre una protesta politica. E' innanzitutto un insulto ai credenti che frequentano quel luogo di culto. Con la scusa della protesta distruggono la cultura ed i sentimenti di chi ha fede in una religione. A Putin invece hanno fatto pubblicità.

albertoparise79

Ven, 10/08/2012 - 07:56

In qualsiasi paese al mondo le "pussy riot" sarebbero state messe in galera. Dopo tutta una lunga serie di atti vandalici (tipo ribaltare le auto della polizia), film porno fatti al nono mese di gravidanza dentro ad un museo aperto, farsi scudo con i propri bambini e neonati, sono andate nella chiesa più importante di Mosca a fare quella pessima messa in scena. In realtà le autorità sono state anche troppo pazienti. Purtroppo queste buffone in cerca di fama e baldoria fanno solo del male ai seri attivisti che combattono per le libertà democratiche in Russia. Siccome mia moglie è di Mosca, conosco molto meglio la situazione di come ce la fanno sembrare qui. Oltretutto le spacciano come una band ossia un gruppo musicale, ma non lo sono. Sono una specie di collettivo che fa azioni dimostrative superando molto spesso il limite del pudore. Chi scrive non è contro la pornografia, anzi, sono iscritto al movimento anticlericale italiano e non sono certo un perbenista, ma ci vuole anche il rispetto per la fede e per le persone. Con dei figli piccoli o al nono mese di gravidanza fareste lo stesso? Se vostro figlio si comportasse così ne sareste fieri e difendereste le "pussy riot?" Faccio notare che loro stesse si vergognano anche di tradurre il nome del gruppo in russo. Mi viene da pensare che siano manipolate in qualche modo o sotto l'effetto di grandi botte di droga, altrimenti non credo potrebbero spingersi a tanto. Non fermatevi alla dimostrazione nella Chiesa, andatevi a vedere tutte le puttanate che hanno fatto prima.

albertoparise79

Ven, 10/08/2012 - 08:04

http://www.youtube.com/watch?v=qoj4IfiaNuQ Forse qui capite meglio che la buffonata nella cattedrale è stata solo l'ennesima azione ridicola di questo "gruppo artistico" come amano definirsi. Fare un orgia in un museo aperto al pubblico in cinta di nove mesi è forse un atto rivoluzionario da stimare? E adesso piangono perchè sono in galera e hanno i bimbi piccoli?

Paul Vara

Ven, 10/08/2012 - 10:08

"Quando il saggio indica la luna, lo sciocco guarda il dito". Via libera per "l'amicone" Putin difensore della religione e protettore dei deboli.

Enniodaroma

Ven, 10/08/2012 - 10:38

Dai va', che la Procura tenuto conto della tenera eta' dei loro figli, si e' limitata a chiedere tre anni' E tre anni con l' uniforme nera a cucire uniformi per l' Esercito Russo faranno loro un gran bene. Come daltronde raccomandava Dostoyevsky, che diceva che "un uomo non era un uomo se non aveva fatto 5 anni di universta', 4 anni di militare e 3 anni di galera."

Luigi Farinelli

Ven, 10/08/2012 - 11:16

Un altro pretesto e un'alta tattica per attaccare un Paese che non vuole omologarsi ai diktat della massoneria e dell'ultracapitalismo internazionali. L'hanno già fatto con l'Ungheria, la Polonia e l'Italia distruggendone l'economia e attaccandone gli stessi principi etici e morali. Spero che ora sbattano il muso e che la gente cominci a ragionare con la propia testa e cominci a capire come le ideologie siano utilizzate per lavare il cervello attraverso i media, ormai tutti asserviti al Potere ombra che ha distrutto la democrazia in Occidente sotto il peso di capitali enormi che fanno andare l'acqua in salita ormai con una facilità incredibile. E senza che i più se ne rendano conto.

Ivano66

Ven, 10/08/2012 - 11:21

Alcuni commenti trasudano una livida intolleranza che provoca solo tristezza...alcuni citano le moschee: che c'entrano?!? Mah, pieno stato confusionale... Questo processo assomiglia ai processi della Santa Inquisizione: chi tocca la chiesa o i potenti venga bruciato sul rogo. Putin è un dittatore che andrebbe giudicato da un tribunale internazioneale: viola palesemente i diritti dell’individuo nel suo paese, incarna l’antitesi dello spirito democratico, negando la prima divisione fondamentale e cioè quella tra il potere politico e quello giudiziario, è responsabile del massacro dei ceceni, ha illegalmente accentrato ogni potere, manipolato la stampa, invaso con gli uomini dei servizi segreti tutte le istituzioni centrali e stroncato ogni dissenso. Non a caso è un modello per uno come Berlusconi...

soldellavvenire

Ven, 10/08/2012 - 11:29

il vostro interesse è interessante: quasi increduli! c'è qualcuno che osa ribellarsi a putin e lo fa "scorrettamente", e voi siete stupiti, ma non saranno mica anarchici? di sinistra, perchè no? se poi sono "micia in rivolta" il panico aumenta: e se domani le micie si ribellassero all'amicone di putin? meglio francobollarle subito: sono prostitute, drogate e anarchiche di sinistra, è certo; alcuni auspicherebbero perfino la sharia nei loro confronti, ah se ci fosse! mai si permetterebbero, le sciagurate!

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Ven, 10/08/2012 - 11:45

Che pena questo ridicolo occidente in furore antirusso che si spende tanto per queste tre disgraziate ben descritte dal loro nome ,"pussy riot "rivolta della f_ _ a".... prima questo occidente difendeva Khodorkosvki un ex funzionario della gioventù comunista che nel giro di 3 anni aveva misteriosamente 300 milioni di dollari per comprare una azienda petrolifera, la Yukos, che valeva 20 miliardi... e che voleva rivendere alla finanza dei Rothschild..... guarda che caso...

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Ven, 10/08/2012 - 11:49

A questo occidente ridicolo e schiavo dei finanzieri non va giù una Russia ormai liberata dal gioco di FMI, finanza di Wall Street, City e altra feccia. .... sono talmente lividi da attaccarsi alle pussy riot.... PATETICI. E questa stampa che monta questa propaganda .. davvero roba da regime. altro che Putin...

andrea24

Ven, 10/08/2012 - 11:58

Cercate come è stata definita la solita cantante blasfema made in USA e acclamata dalle masse occidentali da parte delle autorità russe.Lo dovrebbero fare tutti i governanti,anche quelli dei Paesi occidentali.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Ven, 10/08/2012 - 11:59

Ivano66 ha fatto una sintesi compiuta di ogni diceria e falsificazione della propaganda antirussa di questo occidente ridicolo... 1) Putin ha finito la guerra in Cecenia. A iniziarla fu Eltsin, colui che precipitò la Russia nella rovina svendendola al FMI e alla finanza occidentale (per questo nessuno da noi lo critica... l' ubriacone). 2) la Russia sotto Putin ha raddoppiato il suo PIL e a dirlo è il FMI e le statistiche di università americane (controllate anche queste dal Cremlino). 3) al 70% dei Russi Putin piace perciò se ne faccia una ragione..

Ritratto di Aulin

Aulin

Ven, 10/08/2012 - 12:11

Come dice l'articolista, la questione è troppo polarizzata, e quindi si perde di vista la realtà. Le Pussy Riot non sono il primo gruppo russo che fa scandalo, basti pensare alle TATU. Solo che non sono finite in galera, e qui casca l'asino. Il vilipendio religioso da noi occidentali sarà anche dimostrazione di libertà e coraggio dei vili, e sport nazionale (e lo dico da laico), ma là evidentemente non lo è. Se si hanno dei figli piccoli forse è meglio pensarci bene prima di fare certi gesti. Poi è chiaro che l'occasione per criticare il regime di terrore di Putin da parte di chi sostiene il regime di terrore dell'euro germanizzato è ghiotta. Putin stesso l'ha capito e ha auspicato che i giudici non siano severi. Se fosse successo da noi e Berlusconi avesse fatto una richiesta così, coi giudici che abbiamo saremmo sicuri che le Pussy Riot verrebbero condannate all'ergastolo.

Ivano66

Ven, 10/08/2012 - 12:33

Ausonio: anche Hitler o Stalin avevano il consenso della stragrande maggioranza dei tedeschi o dei russi: questo non toglie che furono dei criminali. Non difendo Eltsin (di cui non ho nemmeno parlato), anzi concordo a grandi linee con quanto da lei scritto. Compresa l'opinione che questo occidente è... ridicolo, anche se forse le mie ragioni sono differenti dalle sue. Non mi interessano le Pussy Riot, né ora disquisire se la loro è arte o no (probabilmente no). Sto parlando di diritto d'espressione e del fatto credo incontestabile che Putin sia un dittatore. E del fatto altrettanto incontestabile che ha unificato il potere politico e quello giudiziario, prima condizione per la negazione di ogni democrazia. Senza contare la repressione illegale di ogni dissenso. Perché non risponde sui questo?

Ritratto di xulxul

xulxul

Ven, 10/08/2012 - 13:16

Condanna. Ha fatto bene il Patriarca a chiedere una punizione esemplare. É ora di finirla. La fede e i luoghi di culto vanno rispettati. Peccato che non le spediranno a Kolyma a sbollire la loro stupidità. Solo da noi le avrebbero dato corda. Là le stroncano. Una bella differenza. Bravo Putin.

rokko

Ven, 10/08/2012 - 14:21

andrea24: bravo !! Ma quale sarebbe il reato ? Scommetto che nemmeno lo sa .. Paul Vara: una perla di saggezza elevata al di sopra del gregge

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Ven, 10/08/2012 - 14:47

rokko come quale sarebbe il reato? Ma secondo lei si può entrare in un luogo di culto e compiere atti di blasfemia e spregio di una fede impunemente ? Ma sa almeno che in Italia esiste un reato per una cosa molto meno grave come il vilipendio del Capo dello Stato?? ma per favore....

rokko

Ven, 10/08/2012 - 16:53

Ausonio, vabbè ma tre anni ? Suvvia

Nadia Vouch

Ven, 10/08/2012 - 18:35

Di pessimo gusto e banale come idea di protesta l'esibirsi così in un luogo di Culto. Altrettanto orrendo è assistere a quelle esibizioni sui palchi di megaconcerti tenuti da celeberrime star, quando queste tirano fuori simboli religiosi e li stravolgono. Tuttavia, una pena detentiva così grave verso queste tre giovani, mi pare eccessiva. A meno che per "rieducare" non sia previsto un certo tempo. La Siberia esiste ancora...

idleproc

Ven, 10/08/2012 - 19:28

Se uno entra in un luogo di culto fosse anche del dio Quelo, non può permettersi di insultare il prossimo. La faccenda è un'altra, stanno tirando sù la solita menata anti Russa e anti Putin perché vorrebbero tanto espropriarsi anche gli ex-soviet come anno fatto in medio oriente, in nord africa, in giro per il mondo e quello che più ci interessa anche a casa nostra. Con piena e responsabile partecipazione di PD&PDL e il resto della banda. Non mi offendo se non lo pubblicate tanto gli Italiani degni di questo nome stanno capendolo e sò sempre più incacchiati. Staremo a vedere chi vince. Personalmente sono disposto ad allearmi con chiunque per difendere l'Italia dai delinquenti globali. Che si fottano tutti quelli che hanno tradito l'Italia e il suo popolo e che continuano a farlo.

mila

Ven, 10/08/2012 - 23:52

X Ivano66 -Putin e' un dittatore, e Monti che cos'e'? Putin reprime qualsiasi dissenso, ma sui siti russi si leggono moltissime critiche al governo; in genere i Russi vorrebbero una posizione piu' ferma contro l'America. Comunque i pilastri della civilta' occidentale ormai sono noti: propaganda della droga e atti dissacranti contro la religione.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Sab, 11/08/2012 - 01:12

Forse andrebbe chiarito a soldellavvenire che non si tratta di micie. Ma più prosaicamente e volgarmente di fi..e in rivolta.

andrea24

Sab, 11/08/2012 - 10:57

Ridicoli,è il caso di dire,sono i commenti di alcuni lettori,tra cui femministe su altri giornali di casa nostra a favore di questi personaggi squallidi,dalle tre svergognate riottose al pubblico abominio di quella innominabile cantante.I commenti dei politici russi addirittura offenderebbero(il condizionale è di obbligo) le donne...ohhhh,poverine,e adesso che dobbiamo fare?Ridicoli.

Ivano66

Sab, 11/08/2012 - 11:20

mila: e chi ha difeso Monti? Non io di certo: non l'ho nemmeno citato... Se poi vuole sapere cosa penso io dei "pilastri della civiltà occidentale", le dirò che (ben più che droga o attacchi alla religione) è ahimé il denaro ormai l'unico vero generatore simbolico di tutti i valori, con le conseguenze che abbamo davanti agli occhi..

Ritratto di marforio

marforio

Sab, 11/08/2012 - 17:29

xmila- CI siamo scordati i CSD.

bravo44

Dom, 12/08/2012 - 01:16

Avevano tutto il diritto di criticare Putin ma non in chiesa.Hanno sbagliato e vanno punite,non dico con la prigione ma fare servizio di pulizia nella chiesa che hanno profanato.

Giunta Franco

Sab, 18/08/2012 - 09:54

Le Pussy Riot da noi avrebbero preso una medaglia. Quello che ha spaccato l

Luigi Farinelli

Sab, 18/08/2012 - 10:20

Non è solo una linea antigovernativa ma antisociale per eccellenza: sono la carne da cannone degli attuali padroni del vapore che per arrivare a realizzare il sogno di un pianeta governato da una minoranza di "illuminati" (banchieri, "filantropi" alla Rockefeller, ultracapitalisti "creativi": vedere alla voce "massoneria" ma anche a quella : "odierna crisi economica") che stanno indebolendo le difese costituite da principi etici e morali con i quali le nazioni si sono rette per secoli (vedere l'attacco al cristianesimo, rimasto da solo a difendere tali principi) per sostituirli con "nuove regole e diritti" capaci di creare l'androgino stolido e asservito al potere. Il radical-femminismo, costruito a tavolino a partire dagli anni '80 dopo che il tradizionale femminismo si era estinto perchè non aveva ormai più motivo di esistere (vedere "la donna a una dimensione" di Alessandra Nucci) ha lo scopo di destabilizzare la società: propagazione dell'aborto e della denatalità, distruzione della famiglia etero per sostituirla "con ogni tipo di unione possibile", attacco al maschile per abbattere la famiglia "patriarcale"; spinta a convincere le donne che la maternità sia un handicap della natura che ne impedisce la carriera (come la famiglia e il marito;) primitivismo, animalismo ed ecologismo ideologici per affermare l' "ipotesi Gaia" e così via lungo l'orrenda strada del relativismo politicamente corretto e massonico con i quali si stanno plasmando i cervelli dei nostri ragazzi sin dalle scuole elementari, rincitrullendoli per farne dei perfetti schiavi per la nuova casta eletta che, nel frattempo, manda avanti mentecatte come le pussy riots per aprire la strada.