IL DOCUMENTO

Non è in discussione che la Chiesa patisca la piaga della pedofilia, ma è l’accusa diretta al Papa a destare scandalo, rabbia e indignazione. Un Pontefice che, tra l’altro, si è distinto nella sua campagna anti-pedofilia. Eppure il documento choc delle due organizzazioni americane puntano il dito proprio contro Benedetto XVI. Le presunte prove addotte dalle due Ong Usa sono un racconto dell’orrore. Il dossier ora al vaglio dei giudici dell’Aja raccoglierebbe centinaia di casi di abusi su minori di tutto il mondo perpetuati per anni. Reati di stupro, abuso sessuale e torture, con i vertici vaticani che avrebbero coperto e insabbiato le atrocità dei pedofili in abito talare. Centinaia i casi portati all’attenzione del Tribunale internazionale con la richiesta formale di aprire un’inchiesta: casi avvenuti in Congo e negli Stati Uniti e commessi da prelati provenienti da Belgio, India e Usa. Uno scenario che ricorda da vicino la drammaticità del film «Magdalena» (nella foto una scena del film) che racconta le vessazioni psicologiche e sessuali patite dalle novizie in un convento di monache.

Commenti