Grillo e Farage: nasce il gruppo al Parlamento Ue

Nel gruppo euroscettico Efd anche lituani, francesi, svedesi, cechi e lettoni

Beppe Grillo e Nigel Farage
Beppe Grillo e Nigel Farage

Il leader dell’Ukip, Nigel Farage, ha annunciato di aver concretizzato la formazione del gruppo euroscettico Efd nel Parlamento Ue con sette partiti e un totale di 48 deputati. Oltre ai 24 britannici, i 17 deputati italiani del M5S, lituani, francesi, svedesi, cechi e lettoni. "Saremo la voce della gente", dice Farage. Che poi aggiunge: "Saremo in prima linea per il ritorno alla libertà, alla democrazia nazionale e alla prosperità in Europa. Combatteremo la giusta battaglia per riprendere il controllo dei destini dei nostri Paesi, abbiamo lottato contro una forte opposizione politica per formare questo gruppo e sono certo che lavoreremo molto bene. Ora che si è formato, mi aspetto che altre delegazioni si uniscano a noi. Lavoreremo per essere efficaci per fare più cambiamenti possibili a Bruxelles mentre metteremo in allerta la gente a casa spiegando quanti danni fanno le regole Ue alle nostre vite e combatteremo per riavere indietro il controllo dei destini dei nostri paesi".

"Alla faccia di chi diceva che non ce l’avremmo fatta. Adesso, iniziamo a realizzare il nostro programma. Potremo votare con tutti gli altri gruppi, punto per punto. Anche con i Verdi sui temi ambientali", commenta il vicepresidente della Camera ed esponente M5S Luigi Di Maio. L’ingresso dei 17 eurodeputati del Movimento 5 Stelle nel gruppo Efd del leader Ukip inglese Nigel Farage è "una grande vittoria per la democrazia diretta", ha detto Beppe Grillo. Nel dettaglio il gruppo è formato da 24 parlamentari dell’Ukip, 17 del Movimento 5 Stelle, 2 del partito lituano Ordine e Giustizia, un parlamentare ceco del partito dei cittadini liberi, Joelle Bergeron, parlamentare francese fuoriuscita dal Front National di Marine Le Pen, due parlamentari svedesi del partito degli Svedesi democratici e un parlamentare lettone membro dell’Unione dei verdi e dei coltivatori.

Commenti