Facciano pure il loro partito. Ci sarà da ridere

Ma fatelo, questo Partito del Sud, forza, fateci vedere: stiamo tremando di paura assieme al governo e all’opposizione e a tre quarti di questo Paese, non pensiamo ad altro, non parliamo d’altro. Che poi non si è ancora capito: parliamo dello stesso partito che vuol fondare anche Gianfranco Micciché oppure è già un altro? No, perché nel caso avrebbe ragione anche quel fenomeno di un Arturo Iannaccone, il deputato dell’Mpa secondo il quale «sono maturi i tempi per un Parlamento del Sud»: in effetti ci sarebbero già tre partiti da sbatterci dentro, nel neo-emiciclo; a proposito, dove lo fareste il Parlamento? Avete già assegnato l’appalto? E assunto un po’ di amici? Non è forse questa, in sintesi, la grande soluzione per il Sud?
Ora il partito dovete farlo, altrimenti potrebbero scambiarvi per dei Mastella geneticamente modificati e applicati su larga scala, potrebbero paragonarvi a dei Follini che al momento buono fanno i ricattini dal basso di percentuali da lista civica: fate il partito, fatelo subito, dovete dimostrare al Nord e al Centro che le «risposte convincenti» che andate cercando non corrispondono alla solita richiesta di soldi e ancora soldi, come succede «provvisoriamente» da oltre mezzo secolo. Dovete dimostrare che i vostri elettori non vi misureranno dalla capacità di ottenere sussidi e che non siete il solito partito della spesa, dell’assistenza, dei finanziamenti a pioggia, della Cassa da morto del Mezzogiorno e vari sinonimi che potete ribattezzare come volete: Ministero per il Mezzogiorno, Consulta per il Mezzogiorno, Cappello in Mano per il Mezzogiorno. Coraggio, c’è un sacco di lavoro da fare: non sarà semplice emendarvi dall’immagine di peggior classe dirigente d’Europa, dalla nomea di meri ciucciasoldi, dalla fama di vischiosi apparati politico-burocratici atti a creare problemi anziché risolverli, dalla reputazione di notabilati e cacicchi e maggiorenti atti a spremere soldi per le proprie clientele: coi meravigliosi risultati che sono sotto gli occhi di tutti.
Ma voi siete altro, voi siete diversi: e allora fatelo, questo partito, provate anche voi l’emozione di gestire quello che producete, il brivido di essere responsabili del vostro spendere davanti a coloro che vi hanno eletto. Non è facile giustificare le proprie dissipazioni davanti a chi è già stato fiscalmente vessato: ma se avete bisogno di insegnanti - visto che nelle restanti discipline i migliori sono già tutti meridionali - possiamo proporvi dei veri equilibristi: per esempio gli amministratori lombardi, gente che da qualche decennio deve spiegare ai propri contribuenti per quale ragione i medesimi versano allo Stato, pro capite, 5000 euro in eccesso rispetto a quanti ne ricevono; e spiegare loro, ancora, che i contribuenti per esempio siciliani ne ricevono invece 3500 in eccesso rispetto a quanti ne versano; spiegare, infine, che i lombardi per ogni euro evadono mediamente 13 centesimi di Irap mentre i siciliani ne evadono 60. Roba funambolica, alta giocoleria, sempre più difficile: anche perché intanto c’è pure da sopportare i fenomeni alla Arturo Iannaccone - quello del Parlamento del Sud - secondo il quale il Meridione sarebbe «penalizzato dalle scelte del Consiglio dei ministri», o altri, come Sergio D’Antoni, secondo il quale «nel piano di Berlusconi non c’è traccia di un euro aggiuntivo per il Sud». Il che significa - in lingua italiana, dialetti compresi - che il meccanismo redistributivo delle tasse versate al Sud viene ormai dato per scontato, è temporaneamente eterno, non viene neppure conteggiato. È normale che il Sud sia il fardello del Paese. È normale che tutti i miliardi di euro stanziati anche per il cosiddetto Fas (Fondo aree sottoutilizzate) siano considerati poca cosa dai nostri autonomisti meridionali: pinzillacchere, robetta, spiccioli troppo frammentati e quindi non direttamente gestibili da loro, perché questo è il punto. Quelli per il Fas sono soldi destinati soltanto a parcheggi, piste ciclabili, aree per caravan e roulotte, e strade, ferrovie locali, approvvigionamento idrogeologico, asili nido, strutture scolastiche: e che gliene frega a loro? Non ci sono maxi-opere e superappalti su cui mettere le mani, non ci sono clientele, pardon, «società civili» da accontentare.
Quindi forza, scocca l’ora decisiva, dovete fare il partito: in fondo che ci vuole? La Lega di Bossi nacque proprio così, dal ricatto di una piccola lobby parlamentare che reclamava soldi altrui. Fu questa la genesi dello speculare Partito del Nord, una mera idea nata a tavolino e che non corrispondeva certo a un movimento che partiva dal basso, macché, non era certo lo sbocco della pulsione di un popolo che piaccia o meno restava un popolo, e non solo una somma di partite iva. Questo era e resta la Lega: un piccolo gruppo di burocrati che mendicava soldi e soldi e soldi, e preannunciava tragedie, pianti greci, baruffe chiozzotte, addii verdiani: perché tutto si può aggiustare, niente è irrecuperabile dalle parti del Partito del Sud, giusto? Basta pagare.
Non molli, ministro Tremonti.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.