Firenze: rissa tra bande nel parco delle Cascine in pieno giorno

Domenica pomeggio a Firenze nel parco delle Cascine ha avuto luogo una rissa tra nigeriani e albanesi davanti a numerose famiglie attonite e spaventate

Una tranquilla domenica pomeriggio nel parco più grande della città a Firenze si è trasformata in uno scenario da paura per diverse famiglie che si sono ritrovate, loro malgrado, spettatrici di una rissa tra un folto numero di nigeriani contro un altrettanto gruppo di albanesi, terminata al vicino Ospedale di Careggi per uno di quest'ultimi.

Tutto è iniziato poco dopo l'ora di pranzo, quando un gruppetto di ragazzi nigeriani, vicino alla fermata della tranvia del Parco delle Cascine, ha attaccato briga con un giovane albanese accusandolo di aver rubato loro una bicicletta. La discussione era animata e si è protratta per diverso tempo fino a quando non sono arrivati in soccorso del ragazzo accusato altri connazionali, una quindicina circa, che hanno preso le sue difese.

A loro volta i nigeriani hanno reagito armandosi persino con bastoni e pietre, facendo degenarare la situazione tnato da renderla pericolosa anche per i passanti e le numerose famiglie che si trovavano al parco in quella soleggiata domenica pomeriggio.

Dopo essersi rincorsi tra i viali del parco, come è data testimonianza nel video riportato dal giornale online “Firenze Today”,un ventunenne albanese è stato raggiunto da una bastonata ed una pietra al volto e portato per i soccorsi al vicino Ospedale di Careggi ha avuto una prognosi di 40 giorni.

Sull'accaduto attualmente sta indagando la polizia grazie anche alle telecamere di sorveglianza presenti in zona.

“E' inaccettabile che avvengano certe cose oltretutto in pieno giorno in un luogo così frequentato da tutti i cittadini che vorrebbero solo godersi una Domenica al parco” interviene sul fatto il neo Commissario Nazionale della Lega Nord Toscana, nonché Sindaco di Cascina, Susanna Ceccardi e facendo riferimento anche alle prossime elezioni dice: “Questa gente va subito rispedita a casa, così come deve essere rispedito a casa anche il Sindaco Nardella ormai in scadenza di mandato assieme a tutto il PD, che è riuscito a rendere questa tranquilla città in una favela da terzo mondo, considerando il numero di risse e aggressioni avvenute nell'ultimo periodo anche in zone considerate un tempo tranquille.”

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

dagoleo

Lun, 15/10/2018 - 17:44

Sono le risorse, le preziose risorse. Dobbiamo avere pazienza ed integrarle. E poi perchè le famiglie fiorentine con i bimbi devono andare al parco? Il parco è per gli spacciatori e per gli alcoolisti. I bimbi se ne restino a casa, i parchi sono per le risorse ormai, sono loro territori. Tutti sti bimbi con le mamme a rompere le balle a risorse preziose di spacciatori, scippatori ed alcolisti vari. Statevene a casa, starete più tranquilli e non vi succederà nulla.

Ritratto di cape code

cape code

Lun, 15/10/2018 - 17:46

Una delle culla della civilta' in mano a trogloditi africani con le ossa nel naso..aspetta chi e' che diceva che l'Italia non e' piu' una civilta' degna di questo nome a causa della Lega?? Il babbuino rosso nick2, ed ha ragione...ormai e' una civilta' africana.

Ritratto di giangol

giangol

Lun, 15/10/2018 - 17:51

portatori di sviluppo. grazie onu

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Lun, 15/10/2018 - 18:00

I parchi pubblici sono ormai dominio di bande di delinquenziali risorse. Presto lo saranno anche le città attorno. Tra venti o trent'anni nemmeno un nativo vivrà più in città. Saranno terra di nessuno.

27Adriano

Lun, 15/10/2018 - 18:57

perchè non è stato coinvolto anche qualche parlamentare pd, leu o ministro 5 stalle?? Avrebbero potuto toccare con mano...

killkoms

Lun, 15/10/2018 - 19:01

sinistre risorse!

Gianni11

Lun, 15/10/2018 - 19:23

Retate e rimpatri forzati! Via tutti! L'Italia agli italiani. Nesssuno li ha chiamati! FUORI dall'Italia! E l'ue, l'onu e le toghe rosse all'inferno.

Ritratto di bandog

bandog

Lun, 15/10/2018 - 19:28

tranquilli,alle hascine c'è sempre qualche spettacolo pittoresco,anzi ringraziate che la giunta comunale non vi fa pagare il biglietto!

Giorgio5819

Lun, 15/10/2018 - 20:16

Questa é la MxxxA che i comunisti hanno importato clandestinamente in ITALIA. Dio stramaledica TUTTI i comunisti, sempre !

Una-mattina-mi-...

Lun, 15/10/2018 - 20:31

ADESSO ASPETTO, VISTO CHE SONO ANCORA FINANZIATI DALLO STATO, CHE LE LEGIONI DI CHIACCHIERONI PARTIGIANI DELL'ANPI CI LIBERINO DAL'INFAME INVASORE!

Ritratto di moshe

moshe

Lun, 15/10/2018 - 20:32

Gli animali si esprimono così, e secondo una famosissima idiota, noi dovremmo imparare le loro usanze !

lawless

Lun, 15/10/2018 - 21:00

alcuni bimbi sono rimasti interdetti e impauriti unitamente alle loro mamme, mi auguro che fico esterni una qualche parola di condanna e si scusi con quanti hanno dovuto assistere, in pieno giorno, a siffatte prodezze dovute "al valore aggiunto" tanto a lui caro.

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 15/10/2018 - 21:07

Ormai siamo alle guerre tribali africane

Anonimo (non verificato)

Tranvato

Mar, 16/10/2018 - 04:36

Ho come l'impressione che nei passati governi ci sia stata l'insana intenzione di farci invadere da queste orde barbariche per poter poi, nel grande caos provocato, continuare imperterriti nelle loro gozzoviglie. Ma un giorno il Popolo si destò dal sonno, come un ubriaco dal torpore del vino e disse: "Basta"! Ora rimbocchiamoci le maniche e facciamo pulizia, democraticamente.Prima i corrotti e i corruttori; i politici ed i prelati che hanno remato contro si vanno auto-estinguendo; restano i clandestini e gli irregolari, levati i quali cessano d'essere remunerati anche quanti su questo stato di cose si arricchiva. Fatto finalmente spazio nelle patrie galere, pensiamo seriamente alla rieducazione di quei nostri connazionali che in qualche modo hanno violato le leggi dello stato: certezza della pena e recupero.