Il fratello di Pablo Escobar cerca 50 milioni di dollari per "far fuori" Trump

La famiglia di Pablo Escobar ha bisogno di aiuto per far “sparire” una persona. Questa volta ha puntato molto in alto perché si tratta del Presidente americano Donald Trump

Il fratello di Pablo Escobar cerca 50 milioni di dollari per "far fuori" Trump

Il fratello del defunto boss colombiano della droga Roberto Escobar Gaviria ha iniziato una campagna la GoFundMe di crowdfounding per cercare di trovare 50 milioni di dollari per mettere sotto accusa il Presidente. E la cosa non solo sembra legittima, ma anche possibile.

Roberto racconta di avere molti assi nella manica e che già in passato ha creato molti guai al Presidente, e che tutti i segreti che conosce su di lui farebbero comodo davvero a molte persone. “Io sono il fratello di un eroe latino - da detto - ho eliminato molte persone dal potere e posso assicurarvi che anche Trump sarà messo sotto accusa. Si merita questo, e questo le darà la famiglia Escobar”.

Nella pagina dove si possono donare soldi c’è la spiegazione completa di tutto il progetto: “Roberto Escobar è l’ex co-fondatore del cartello di Medellin insieme al fratello Pablo Escobar. Roberto era il ragioniere responsabile di oltre 100 miliardi di profitti. Nel 1984 ha fondato la società Escobar Inc, che attualmente gestisce e preserva l’eredità del fratello Pablo”. “Pablo Escobar - continua - è un sudamericano noto anche come eroe leggendario ‘Latino’ che ha aiutato milioni di persone nel suo paese natale, la Colombia e in tutte le zone vicine. Con la forza della compagnia Escobar Inc, fondata da suo fratello Roberto, faremo di tutto per ottenere l’incriminazione di Donald Trump. Fino ad ora tutto quello che Pablo e la sua famiglia hanno fatto ,sono diventate imprese multi miliardarie”.

Per incitare a donare viene scritto: “Abbiamo bisogno del tuo aiuto, il sostegno delle persone che sono d’accordo sul fatto che non è possibile avere la guida di un Presidente corrotto. Fai la tua donazione e aiutaci a raggiungere l’obiettivo di incriminare finalmente Donald Trump”.

Non sappiamo se questa cosa andrà a buon fine e quanto Roberto riuscirà a raccogliere, ma la campagna è attiva e pare che stia riscuotendo un discreto successo. D’altronde è nota a tutti la poca simpatia del Presidente per i latini, “simpatia” perfettamente ricambiata.

Commenti