Cultura e Spettacoli

Fuori dalla notizia Scozzesi avari? Questa non la beviamo

Le notizie non muoiono sulla carta, né nell'etere, né in Rete. sopravvivono altrove. Dove, non si sa. Proviamo a immaginarlo

Le notizie non muoiono sulla carta, né nell'etere, né in Rete. Sopravvivono altrove. Dove, non si sa. Proviamo a immaginarlo.

La notizia. La Scozia, patria del whisky, è in preda a polemiche fra il governo locale, che vorrebbe combattere l'alcolismo alzando il prezzo del pregiato liquore tramite una politica di prezzi minimi per ogni unità di alcol e, i conservatori che si oppongono gridando ai quattro venti la morte della prestigiosa industria dello scotch.
I conservatori - si legge oggi sul sito online della BBC - accusano il primo ministro scozzese, Alex Salmond, di temere di uscire allo scoperto con il suo piano. Secondo il leader dei Tories scozzesi, David McLetchie, se Salmond dovesse seguire il consigli in proposito della British Medical Association e dell'Università di Sheffield, in Inghilterra, dovrebbe imporre un prezzo di 50 pence per ogni unità di alcol. Invitando il primo ministro a uscire allo scoperto e a esporre la reale entità del suo piano contro l'alcolismo, McLetchie dichiara che «Salmond è il distruttore, non il salvatore dello scotch», evocando la perdita di «centinaia di posti di lavoro nell'industria del whisky».
«Ridicolo» ribatte il segretario alla giustizia del governo di Edimburgo, Kenny McAskill. Che spiega: «La politica dei prezzi minimi non toccherà l'industria dei prodotti di eccellenza, ma è mirata invece a metter fine ai prezzi a buon mercato che stanno alimentando l'abuso e aggravando il rapporto sbilanciato della nazione con l'alcol». Quella dello scotch, dice McAskill, è un'industria di eccellenza di cui la Scozia va fiera. (fonte: Ansa, 12 luglio 2009)

Fuori dalla notizia. Un proverbio scozzese dice: «Il vino ha due difetti: se ci aggiungi l'acqua, lo rovini, se non ci aggiungi acqua, ti rovini». Riguarda il vino, però, non il whisky. Per il whisky «vale» soltanto il primo difetto, mentre sul secondo gli scozzesi glissano alla grande.
Così il recente consiglio, che ha il tono dell'intimazione, proveniente dalla British Medical Association e dall'Università di Sheffield (cioè da un'università, si badi, inglese...), non è stata bene accolta. Imporre il prezzo di 50 pence per ogni unità di alcol, secondo molti, non soltanto farebbe perdere un mucchio di posti di lavoro, ma anche... lascerebbe la gente a gola secca.
Per cui i conservatori sono partiti al contrattacco. D'accordo, hanno detto, vada per i 50 pence a unità: però l'unità sia portata a una pinta, cioè 0,5683 litri. E poi dicono che gli scozzesi sono avari...

Commenti