Gaza, non cessa il lancio di missili contro Israele

Gerusalemme. Ignorando l’appello del presidente palestinese Abu Mazen, gruppi armati palestinesi hanno sparato ieri sette razzi Qassam sulla città di Sderot. Fonti dell’esercito israeliano hanno rivelato che non vi sarebbero morti, ma solo danni materiali ad alcune baracche. Il leader dell’Olp ha accusato negli ultimi giorni i gruppi armati di «causare morte e distruzione» tra i palestinesi provocando le dure repliche delle forze armate israeliane nella Striscia di Gaza. Mentre nel nord di Israele è completamente cessata la caduta dei razzi Katiuscia, nel sud continuano gli scontri con i gruppi armati palestinesi. Dopo un'incursione durata sei giorni, alla ricerca di armi e gallerie sotterranee, le truppe dello stato ebraico si sono ritirate ieri dal quartiere di Sajaiyeh, a Gaza City. Venti palestinesi sono stati uccisi nel corso di questa operazione. L'ultimo, un ragazzo di dodici anni, ferito lo scorso sabato, è morto ieri in ospedale. Nel corso delle perquisizioni le truppe hanno scoperto una galleria sotterranea, scavata a una profondità di 13 metri e lunga circa 150 metri, che avrebbe permesso a miliziani palestinesi di avvicinarsi al valico di confine di Karni per attaccare le truppe israeliane di guardia.

Commenti

Grazie per il tuo commento