«Il Genoa dei miracoli come il mio Verona»

Gigi Del Neri adesso cerca il poker. Alla ripresa degli allenamenti il tecnico blucerchiato può tirare un sospiro di sollievo: Antonio Cassano sta bene e contro il Siena ci sarà. L'attaccante infatti ha smaltito i postumi della botta alla caviglia, così come Marco Padalino, che si è allenato regolarmente dopo i problemi muscolari del post Nazionale. Alla fine la rosa sarà quasi al completo, visto che mancherà il solo Tissone, ieri fermato dal giudice sportivo per un turno. Se Del Neri cerca il poker, Daniele Mannini spera invece nel tris, dopo le reti con Udinese e Atalanta. Il centrocampista deve condividere la paternità dell'ultimo gol proprio con Cassano, autore di un assist magistrale: «A Genova è facile ambientarsi con Cassano, Antonio ha un altro passo rispetto a tutti gli altri, è di un'altra categoria». Mannini ora spera di non fermarsi: «Sono partito bene, mi auguro che sia una stagione importante per me e per la mia carriera: spero solo di non aver sparato tutti i miei colpi subito». Poi la polemica con il Napoli: «Non so perché sono stato ceduto, chiedetelo al direttore Marino. Il quinto di centrocampo non era il mio ruolo, eppure mi sono adattato pur di giocare con il Napoli, ma nel 3-5-2 dovevo fare anche la zona di copertura e alla fine arrivavo davanti alla porta stremato. Adesso sta andando tutto molto meglio».