Speciale Ambiente

Giulio Tremonti eletto Personaggio Ambiente 2009

E' Giulio Tremonti il Personaggio Ambiente 2009 in Italia. A decretare il vincitore e a stilare la classifica delle persone che nel 2009 hanno maggiormente influenzato le politiche ambientali in Italia, il portale greenMe.it

Giulio Tremonti eletto Personaggio Ambiente 2009

Il magazine greenMe.it, uno dei principali siti di riferimento in Italia per l'ecologia e il vivere sostenibile, ha chiesto ai suoi lettori di votare tra una lista di 21 candidati scelti tra i protagonisti di spicco della politica, dei media, dell'economia e delle associazioni, chi secondo loro fosse il rappresentante meritorio dell'appellativo di "Personaggio Ambiente in Italia del 2009".

Al sondaggio ha partecipato un totale di 2.279 utenti, il 14.7% dei quali ha emesso, con 335 voti, il suo verdetto in favore del Ministro dell'Economia Giulio Tremonti considerato colui che, avendo in mano la gestione delle casse dello Stato e in virtù degli incentivi o di altri finanziamenti, può decidere delle sorti di un settore piuttosto che di un altro, quindi anche dell'Ambiente. Da un'analisi della classifica -disponibile integralmente sul sito www.greenme.it- emerge la grande influenza sul tema ambientalista, oltre che della politica, anche dei media: Report, Caterpillar e Striscia la Notizia risultano i reali portavoce dell'ecologia oggi in Italia, ognuno con il proprio stile, con la propria credibilità e personalità, ma accomunati dai favori del pubblico. Così Milena Gabanelli, conduttrice di Report, conquista il secondo posto con il 13,9% dei consensi -318 voti- mentre gli esuberanti conduttori di Caterpillar Massimo Cirri e Filippo Solibello, promotori tra l'altro dell'iniziativa "M'illumino di meno", conquistano il terzo gradino del podio, con il 12,6% e 287 voti. Apprezzato anche Antonio Ricci, in 8° posizione con 122 voti, mentre sorprende l'assenza nella top ten di Beppe Grillo, appena 13° con 75 voti.

Dopo il primo posto di Tremonti e i numerosi personaggi del mondo dello spettacolo, è da notare il quarto posto del Presidente degli Stati Uniti Obama (9,4% con 214 voti), percepito come il principale tra gli attori internazionali il cui operato si è riflesso nelle politiche ambientali italiane, nonostante l'amara sconfitta di Copenhagen. Al sesto posto troviamo Silvio Berlusconi (6,9%), mentre al decimo il ministro all'Ambiente Stefania Prestigiacomo (84 voti, ovvero il 3,7%). 

Sorprende vedere come i Presidenti delle associazioni ambientaliste, che più di tutti dovrebbero rappresentare il tramite tra i cittadini e l'Ambiente, siano stati scavalcati nella percezione del pubblico da personaggi di altri settori: in particolare il presidente italiano di Greenpeace Giuseppe Onofrio è 5° con l'8,6% dei consensi, Vittorio Cogliati, presidente di Legambiente, è in 7° posizione con il 6,1% mentre il presidente italiano di WWF Fulco Pratesi è 9° con 103 voti  (4,5%). Pressoché ignorate l'economia e le istituzioni europee: così nelle ultime quattro posizioni troviamo rispettivamente Stavron Dimas, Commissario europeo Ambiente, Manuel Barroso, Presidente della Commissione Europea che, esattamente come Fulvio Conti, AD e Direttore Generale Enel, e Roberto Poli, Presidente Enel, hanno ricevuto solo una manciata di voti.

Commenti