Bersani contestato dagli operai: "Sei soltanto un traditore"

Ultima tappa del tour elettorale del segretario del Pd. A Cagliari contestato dagli operai dell'Alcoa: "Sei un traditore"

L'attesa tra le contestazioni dell'arrivo del segretario del Pd Pier Luigi Bersani a Cagliari
L'attesa tra le contestazioni dell'arrivo del segretario del Pd Pier Luigi Bersani a Cagliari

È stato accolto tra le contestazioni l’arrivo del segretario del Pd Pier Luigi Bersani a Cagliari, ultima tappa del viaggio in Sardegna in vista delle primarie del centrosinistra. Un gruppo di operai dell’Alcoa di Portovesme ha raggiunto il Teatro Massimo, presidiato dalle forze dell’ordine, e ha esposto uno striscione con la scritta "Alcoa chiude, Bersani traditore". I contestatori hammo, quindi, urlato slogan al megafono contro il leader piddì accusandolo di aver abbandonato il territorio. "Io parlo con tutti i lavoratori sempre - ha replicato Bersani - tranne che quando mi si dà del traditore, perché non mi sento traditore per niente".

Un gruppo dilavoratori dell'Alcoa e di militanti dei movimenti indipendentisti ha atteso all’ingresso del Teatro Massimo l’arrivo di Bersani. Sono volati insulti anche alle centinaia di persone in procinto di entrare. "Siete dei servi", hanno urlato i manifestanti. Sin dai primissimi momenti lo schieramento delle forze dell’ordine è stato imponente e, per evitare disordini, sono state chiuse le strade intorno al teatro. Arrivato al Teatro Massimo per tenere un comizio, Bersani non si è nemmeno fermato a parlare con i manifestanti che lo contestavano perché, a detta degli organizzatori dell’incontro politico, "era in ritardo sulla tabella di marcia del tour in Sardegna, iniziato stamattina alle 10 a Olbia e che si conclude questa sera a Cagliari". Le urla di chi contestava il segretario Pd sono, quindi, state coperte dalla musica ad alto volume diffusa dagli organizzatori del comizio. A quel punto i manifestanti, che erano fronteggiati dai carabinieri in assetto antisommossa, si sono quindi allontanati dalle transenne davanti al Teatro Massimo.

Commenti