Bisignani sul futuro del Pdl: "Berlusconi si è convinto, Marina è il suo successore"

Ieri sera la figlia ad Arcore. Secondo Bisignani, il Cav avrebbe sciolto le riserve sul una rinnovata Forza Italia

Bisignani sul futuro del Pdl: "Berlusconi si è convinto, Marina è il suo successore"

La leadership del Pdl dopo Silvio Berlusconi? Per Luigi Bisignani le redini del partito saranno prese dalla figlia Marina. "Ieri sera ad Arcore c’è stata una cena e credo che lì Berlusconi si sia convinto che la figlia Marina sia la sua erede politica nel Pdl", ha spiegato Bisognani ospite della trasmissione Un Giorno da Pecora su Radio Due. Quanto ci sia di vero nelle parole del faccendiere non è dato di saperlo, ma la voce di un probabile passaggio di consegne circola tra i corridoi dei palazzi romani. Tanto da spingere l'Huffington Post a strillare il titolo d'apertura La Cavaliera.

Secondo la ricostruzione fatta da Bisignani, eri sera il Cavaliere avrebbe cenato ad Arcore con la figlia. Lì si sarebbe convinto che il dopo-Berlusconi è Marina. Bisignani non era presente alla cena. Al tavolo ci sarebbero, invece, stati i familiari (Piersilvio, Marina e Barbara), Francesca Pascale e l’avvocato Ghedini. "Il piglio e la forza che Marina Berlusconi ha messo in quella cena ha convinto tutti che il vero erede è lei - ha spiegato Bisignani - d’altra parte, in tutte le grandi democrazie, per esempio negli Stati Uniti, ci sono delle dinastie: quella dei Bush, quella dei Kennedy". Rispondendo alle domande di Claudio Sabelli Fioretti e Giorgio Lauro, conduttori della trasmissione, Bisignani ha poi detto che Marina Berlusconi è stata fatta "testare", sarebbere già stato fatto un sondaggio tra i parlamentari del Pdl. Con un risultato più che soddisfacente. E poi c’è un altro fatto: "Loro cercavano un imprenditore. E Marina è un grande imprenditore". Infine Bisignani ha spiegato che, se dovesse dare un consiglio al Cavaliere, questo sarebbe di "sbaraccare tutto", "fidarsi dell’unica persona di cui si fida", ovvero Marina, e a quel punto rifare una Forza Italia con la figlia alla guida del partito. Un nome da spendere anche per stoppare l'avanzata del sindaco di Firenze Matteo Renzi. "Sarebbe un bello scontro - ha concluso Bisignani - se Marina si decide, pù vincere e convincere".

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti