Comunali, seggi aperti 7 milioni chiamati al voto

Seggi aperti oggi e domani. Si elegge il sindaco e il consiglio comunale di 563 comuni. Si vota anche per il sindaco della Capitale

Comunali, seggi aperti 7 milioni chiamati al voto

Seggi aperti, dalle 8 di questa mattina, in 564 Comuni d’Italia, con circa 7 milioni di cittadini chiamati alle urne per scegliere i rispettivi sindaci e i consigli comunali. Si vota anche in Valle d’Aosta per il rinnovo del Consiglio regionale.

Le elezioni comunali riguarderanno, fra gli altri, due comuni capoluogo di regione: Roma e Ancona, e 14 capoluoghi di provincia: Avellino, Barletta, Brescia, Iglesias, Imperia, Isernia, Lodi, Massa, Pisa, Siena, Sondrio, Treviso, Vicenza e Viterbo.

Si può votare oggi fino alle 22, e domani, lunedì 27 maggio, dalle 7 alle 15. Seggi aperti solo oggi a Pergine Valsugana (Trento), per l’elezione del sindaco e del consiglio comunale, con eventuale turno di ballottaggio domenica 9 giugno. In tutti gli altri Comuni dove si vota, in caso di ballottaggio per l’elezione dei sindaci, si voterà domenica 9 giugno, sempre dalle ore 8 alle 22, e lunedì 10 giugno, dalle 7 alle ore 15.

L’affluenza nella prima giornata di voto è stata alle ore 19 del 34,36%, quasi undici punti in meno rispetto alle precedenti omologhe, quando i votanti furono il 45,24%. E si tratta certamente di uno dei dati più bassi delle ultime tornate elettorali.

Le percentuali sono in calo quasi ovunque, con un crollo al di sopra di ogni aspettativa nella Capitale dove alle 19 ha votato il 29,79% degli aventi diritto, quasi 14 punti in meno rispetto alle precedenti omologhe, quando votò il 43,56%. In Lombardia ha votato il 38,29% degli aventi diritto contro il 51,24% delle precedenti elezioni. 95 i comuni coinvolti di cui tre capoluoghi: Brescia (36,76% l’affluenza contro il precedente 57,19%), dove la campagna elettorale è stata più accesa con contestazioni e tensione in piazza al comizio di Silvio Berlusconi, Sondrio (33,84 la percentuale di votanti) e Lodi (40,44). Quarantasette i Comuni al voto (10 sopra i 15 mila abitanti) in Veneto dove l’affluenza è stata del 38,43%, quasi 14 punti in meno rispetto alle precedenti amministrative. A Treviso e Vicenza le sfide più attese, con una forte probabilità di ballottaggio. Il Piemonte (52 comuni al voto di cui solo due con oltre 15 mila abitanti) vince, invece, la partita dell’affluenza alle urne: i votanti sono in calo come ovunque, ma il dato del 38,84% (a fronte del precedente 49,66)) è il più alto fra tutte le regioni italiane.

Caricamento...

Commenti

Caricamento...
Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento