Grasso sfida Travaglio: "Da lui accuse infamanti Voglio un confronto tv"

Dopo il monologo di Travaglio a Servizio Pubblico, Grasso telefona in diretta a Santoro e tuona contro il giornalista: "Si abitui al contraddittorio"

Grasso sfida Travaglio: "Da lui accuse infamanti Voglio un confronto tv"

Ha ascoltato in diretta il monolo di Marco Travaglio e non ci ha pensato un attimo: Pietro Grasso ha preso il telefono e ha chiamato in diretta Michele Santoro. Il neo presidente del Senato è intervenuto nella trasmissione Servizio Pubblico per sfidare il giornalista del Fatto.

"Da Travaglio ricevo accuse infamanti. Voglio al più presto un confronto tv carte alla mano", ha dichiarato Grasso che, all'invito di Santoro per la settimana prossima, ha risposto: "Non posso aspettare una settimana per replicare ad accuse infamanti, soprattutto per quanto riguarda la mia nomina a Procuratore Antimafia".

Infine un'altra stoccata a Travaglio: "Sarebbe bene che si abituasse al confronto, avere un contraddittorio è una regola di civiltà". Travaglio ha replicato così: "Presidente, lei permetterà che ci sia almeno uno che la critica, visto che giornali e televisioni li ha tutti dalla sua parte e suonano il violino per lei". E poi, ha aggiunto il vicedirettore del Fattoquotidiano: "Guardi che è lei che scappa dal confronto e lo ha fatto anche con i suoi colleghi della procura di Palermo".

Insomma, la battaglia è appena cominciata. L'arena nella quale avverrà il confronto potrebbe essere quella di Corrado Formigli. Infatti, il presidente del Senato ha accettato l’invito a un confronto con Marco Travaglio lunedì a Piazza Pulita (La7). "Gentile Corrado, accetto volentieri il suo invito in trasmissione per il confronto", ha scritto Grasso su Twitter. Ora manca solo la conferma di Travaglio.

Commenti