Iraq, strage di pellegrini 90 morti e 160 feriti tra gli sciiti 

A Hilla, 120 km a sud di Bagdad, due uomini si sono fatti esplodere in mezzo a un gruppo di pellegrini diretti a Kerbala. Nove soldati americani sono rimasti uccisi in un altro attentato

Iraq, strage di pellegrini 
90 morti e 160 feriti tra gli sciiti 

Bagdad - È di 90 morti e 160 feriti il nuovo bilancio del duplice attentato suicida contro pellegrini sciiti a Hilla, 120 km a sud della capitale irachena. Lo riferisce in una striscia in sovrimpressione la tv al Iraqiya. A riferire il bilancio è stato il capitano di polizia Muthana Khalid, che ha aggiunto che altre centocinquanta persone sono rimaste ferite nelle esplosioni.

Secondo il tenente Karim al Hamzaoui, «il duplice attentato si è verificato a Nadir, due chilometri a sud di Hilla. Due uomini che indossavano giacche imbottite di esplosivi hanno attivato questi ultimi in mezzo a un gruppo di pellegrini diretti a Kerbala». I pellegrini si stanno recando a Kerbala, generalmente a piedi, per commemorare sabato l'Arbain («quaranta» in arabo), il quarantesimo giorno dopo la morte dell'imam Hussein, una delle figure più venerate dell'islam sciita, ucciso nel 680.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti