Italiani in «nero», entra in campo l’Inps

Diverso il percorso da seguire per regolarizzare i lavoratori domestici italiani, comunitari o extracomunitari con permesso di soggiorno che attualmente lavorano senza contributi, cioè in nero. In questo caso si deve sempre effettuare il pagamento forfettario di 500 euro utilizzando il modello F24 entro il 30 settembre. Bisogna poi rivolgersi non al ministero dell’Interno ma direttamente all’Inps che ha illustrato le modalità della sanatoria con la circolare 101: il modello da utilizzare è LD-EM2009 che ha valore anche di comunicazione obbligatoria di assunzione ed è scaricabile dal sito dell'Inps. Le domande potranno essere presentate - sempre dal primo al 30 settembre - attraverso il contact center (numero telefonico gratuito 803164), il canale online (www.inps.it), per posta o direttamente agli sportelli dell’Istituto. Per chi regolarizza un extracomunitario clandestino, invece, la comunicazione all’Inps potrà essere effettuata, dopo la firma del contratto di soggiorno, con il funzionario che per tutta l'operazione di verifica delle domande sarà distaccato allo sportello unico per l'immigrazione.

Commenti