L’intervento Tanti auguri alla «voce scomoda»

Caro direttore, la redazione genovese del Giornale compie in questi giorni un significativo traguardo.
Ben trentacinque anni al servizio dei lettori, determinanti per garantire la pluralità dell'informazione in una regione difficile come la nostra.
L'edizione genovese del quotidiano da te diretto rappresenta un sicuro punto di riferimento per quanti sono desiderosi di sentire «l'altra campana» e ascoltare verità «scomode» spesso sottaciute.
Il lavoro svolto da quando ne hai assunto la responsabilità è sotto gli occhi di tutti. Non solo utile ai suoi lettori, tra i quali ho l'onore di annoverarmi, ma incisivo per alimentare dibattiti nell'interesse della nostra Regione.
La diversa presa di coscienza da parte di molti cittadini che per lustri hanno creduto nelle chimere del centrosinistra deve essere annoverata tra i tuoi principali meriti.
Nella difficile campagna elettorale che attende i candidati del Popolo della Libertà i tuoi consigli e l'indiscussa competenza maturata negli anni sono, in modo particolare per il sottoscritto, motivo di conforto e sprone.
Nell'augurarti le più vive felicitazioni per il traguardo conseguito spero di continuare ancora per molti anni a seguirti con la stessa simpatia ed affetto profusa sino ad oggi.
Cordialmente.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.