"Ti spezzo le gambe". Cinese aggredita al supermercato perché non parla l'italiano

Una signora cinesa è stata insultata all'interno di una catena di supermercati Iper dopo aver chiesto delucidazioni in merito al prezzo delle bottigliette di acqua esposte

"Ti spezzo le gambe". Cinese aggredita al supermercato perché non parla l'italiano

La donna cinese si trovava in uno dei supermercati Iper di Milano e dopo aver chiesto delucidazioni in merito al prezzo di alcune bottigliette di acqua è stata presa ad insulti:"Caz... di cinesa, ti spezzo le gambe"

Il video sta facendo il giro del web e si vede chiaramente che una donna cinese, in difficoltà con la comprensione di alcune etichette dell'acqua chiede aiuto ad un ragazzo che si trovava lì vicino. Ancora da chiarire l'identità dell'uomo, visto che dal giubbotto indossato non sembra essere un dipendente del supermercato quanto un cliente come la donna. L'uomo, dopo essere stato chiamato dalla donna orientale ha quindi pensato di prendere in mano un cellulare e creare quello che secondo lui doveva essere una "Supercazzola", come la definisce lui stesso nel video. Ha iniziato a rispondere con parole senza senso alla donna, poi però sembra aver ripreso il lume della ragione indicando il prezzo della bottiglietta d'acqua. La donna però ha chiesto un'ulteriore informazione e qui l'uomo ha iniziato ad insultarla pesantemente:"Caz. di cinesa, se vuoi parlare cinese tornatene in Cina non venire in Italia. Ti spezzo le gambe. Vieni qui a rovinare il mercato e pretendi anche di essere aiutata?". La donna, non capendo cosa l'uomo gli stesse dicendo ha continuato a sorridere per tutto il video. Dopo poco è sopraggiunto un commesso del supermercato che, riferisce il Milano Today, invece di aiutarla ha iniziato a deriderla insieme all'altro cliente.

La catena di supermercati è venuta a conoscenza del fatto soltanto qualche ora dopo, grazie alla condivisione del video e ha immediatamente ringraziato gli utenti che hanno chiesto informazioni in merito e dicendo che verranno intraprese serie azioni per capire cosa sia effettivamente successo all'interno del locale.

Commenti