Lapo e Cracco "divorziano". Ora chiude il loro bistrot

Termina la collaborazione tra Lapo Elkann e lo chef Cracco per la gestione di "Garage Italia"

Lapo e Cracco "divorziano". Ora chiude il loro bistrot

Da diverso tempo si sono rincorsi rumor di una possibile rottura fra Lapo Elkann e lo chef Cracco. Oggi a Milano si scopre la verità. La società gestita in comunità e creata due anni fa per la crescita di Garage Italia nell’ex storica stazione Agip di Piazzale Accursio, si scioglie.

La holding ha deciso che, da martedì, le Garage Italia Food & Beverage sarà al 100% nelle mani di Lapo Elkann ma, come si legge nel comunicato "la collaborazione con lo chef continuerà per specifici eventi." La decisione non è legata a divergente tra i due ma tutto è dovuto per le numerose attività e gli impegni dello chef che, proprio recentemente, lo hanno condotto ad aprire uno spazio in Galleria.

"L’accordo consente ad entrambi di continuare ad esplorare i campi della propria attività - commenta Lapo Elkann nel comunicato -, nel rispetto nelle linee strategiche di ognuno, mantenendo un rapporto professionale". Una nota che intende spegnere le voci di dissidi tra i due, dopo che da alcuni giorni sulla vetrata del locale è comparso un volantino: "Si avvisa la spettabile clientela che Garage Italia riaprirà il giorno 9 aprile. Ci scusiamo per il disagio". Con l'annuncio ufficiale, quella che sembrava una pausa, assume contorni di una virata definitiva per il ristorante glamour aperto dallo chef Carlo Cracco e da Lapo Elkann.

L’ex distributore di piazzale Accursio era stato totalmente ristrutturato e divenuto poi la casa di Garage Italia. L’idea è stata di Elkann con la complicità dello chef che si è occupato del settore food. Il bistrot è diventato celebre per i suoi costi per nulla proibitivi e per il fatto di aver unito la passione per il cibo e l'amore per le automobili.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti