Milano, carabinieri eroi: salvano vita a ragazzo colpito da un malore

Il fatto in piazza Duca d’Aosta, dove un ragazzo si è accasciato colto da una crisi epilettica: il pronto intervento dei militari gli ha salvato la vita

Una storia "diversa" arriva dal controverso mondo della Stazione Centrale di Milano. Spesso e volentieri il principale scalo ferroviario meneghino è teatro quotidiano di episodi di degrado, spaccio e criminalità. Questa volta, invece, c’è qualcos’altro da segnalare e da raccontare. Quella che se vogliamo, dopo la grande paura e il brutto dell’inizio, è una storia con un bel finale, che ha come protagonisti un afghano e l'Arma dei Carabinieri.

Nel pomeriggio di mercoledì 11 giugno, infatti, una giovane ragazzo è stato colto improvvisamente da un malore in piazza Duca d’Aosta, il piazzale antistante appunto alla Stazione Centrale del capoluogo lombardo.

Tra la folla intenta a camminare, in arrivo, in partenza o solo di passaggio, un 22enne che era appena uscito dalla Stazione Centrale, si è accasciato al suolo privo di sensi. Da quello che emerge, come riportato da Milano Today, il giovane ha subito molto probabilmente un attacco epilettico, che gli ha fatto perdere i sensi.

Sono stati attimi di grande paura e le tante persone che hanno assistito alla scena hanno immediatamente compreso la gravità dell’accaduto. E così i passanti si sono avvicinati al ragazzo per capire meglio cosa avesse. Allo stesso tempo altre persone hanno richiamato l’attenzione delle forze dell’ordine, presenti con un presidio fisso in mezzo alla piazza.

Sono così intervenuti i carabinieri del Terzo Reggimento Lombardia, impegnati con la propria camionetta nelle operazioni di presidio e controllo del territorio per garantire l’ordine pubblico. I militari sono entrati in azione e appena compreso che il 22enne – dal controllo seguente sui documenti è emerso fosse un afghano arrivato a Milano dalla Svizzera – stesse molto male, lo hanno soccorso, aprendogli la bocca così da evitare che si soffocasse con la lingua. Gli uomini dell’Arma, inoltre, lo hanno messo sul fianco e chiamato l’ambulanza, in maniera tale che il personale medico-sanitario del 118 potesse soccorrerlo al meglio quanto prima.

Fortunatamente, e questo è il lieto fine, dopo diversi secondi di paura, il giovane ha dato segnali di vita. Nel giro di pochi minuti il 22enne è stato caricato sul mezzo del 118 e trasportato in codice giallo all’ospedale di Niguarda, per essere sottoposto a tutti gli esami e ai controlli del caso. Quando l’ambulanza è partita da Piazza Duca d’Aosta, la folla che ha assistito a tutte la scena ha tributato un lungo, sentito e commosso applauso ai carabinieri, ringraziandoli così per aver salvato la vita al giovane.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Nahum

Nahum

Gio, 11/06/2020 - 19:41

Non sono eroi, é il loro mestiere, basta con questa retorica posticcia e lo dico da carabiniere in congedo

cir

Ven, 12/06/2020 - 17:17

se fosse stato un calciatore al posto dei carabinieri avremmo dovuto fare un monumento ?