Meningite a Bergamo c'è il quinto caso

Colpito un sedicenne: è grave Vertice in Prefettura con Gallera

C'è un quinto caso di meningite in provincia di Bergamo, la stessa colpita nell'ultimo periodo. Un ragazzo di 16 anni che abita a Castelli Calepio è stato ricoverato per sepsi da meningococco (complicanza della malattia in cui il batterio si diffonde nel corpo attraverso il sangue) all'ospedale Papa Giovanni XXIII nel pomeriggio di sabato. Era in gravi condizioni, presentava febbre alta oltre a difficoltà respiratorie.

Il ragazzo è stato sottoposto alle analisi previste in questi casi, compreso il prelievo del liquor, e gli esiti hanno confermato che è stato colpito da meningococco. Il 16enne è stato ricoverato quindi in terapia intensiva e intubato, le sue condizioni sono subito apparse molto serie e la prognosi è riservata. Anche se 24 ore dopo il ricovero ha mostrato lievi segni di miglioramento. Ieri mattina si è stabilizzato ed è tornato a respirare autonomamente. Si tratta del quinto caso accertato in meno di un mese nella zona intorno a Villongo, in provincia di Bergamo. Continua intanto l'accesso di massa dei cittadini agli ambulatori per mettersi al riparo dal contagio. Anche ieri mattina si sono presentati in centinaia a Sarnico per il vaccino contro il meningococco C nell'ambito della campagna avviata dalle autorità sanitarie in seguito alla morte di una donna per sepsi pochi giorni fa. Tutti aspettavano fuori dall'ambulatorio dalle 4 del mattino. La vittima, Marzia Colosio, era infermiera e lavorava proprio nello stesso paese del 16enne. Forte afflusso anche a Iseo e Paratico, a Capriolo è stato aperto un laboratorio vaccinale straordinario nella farmacia comunale con duecento persone in coda. Le vaccinazioni proseguiranno oggi, il servizio è infatti a disposizione anche nei giorni festivi. Inoltre molte persone hanno deciso di acquistare da soli la dose in farmacia.

Intanto ieri pomeriggio si è svolto un vertice convocato dal prefetto di Bergamo, Elisabetta Margiacchi. Ha partecipato l'assessore al Welfare della Regione Lombardia Giulio Gallera. Sono stati convocati anche i sindaci dei comuni del Sebino coinvolti e i direttori delle Ats di Bergamo e Brescia.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.