Moglie e figli uccisi in casa Ecco le immagini dell'orrore

Carlo Lissi ammazzando moglie e figli ha dimostrato una «spiccata capacità criminale» perché disposto a eliminare con qualsiasi mezzo ogni ostacolo sulla sua strada. C'è perciò il reale pericolo che possa ripetere reati dello stesso tipo e dunque deve restare in carcere. Con queste motivazioni ieri in gip di Pavia dopo aver confermato il fermo, ha anche ordinato la custodia cautelare in carcere per l'assassino reo confesso. Accogliendo in toto le ipotesi formulate dal procuratore Gustavo Cioppa, compresa le premeditazione. E ulteriori elementi a questa tesi, potrebbero arrivare al termine del sopralluogo del Ris di Parma, entrati ieri mattina alle 10 nella villetta del delitto, in via Ungaretti 20 a Motta Visconti.
Un piccolo paese sconvolto da efferatezza e che per questo l'altra sera è sceso in piazza per una marcia silenziosa di preghiera: quasi 4mila persone sui 7.500 residenti. E che ancora adesso si chiede cosa abbia spinto Lissi, 32 anni, ad accoltellare Cristina, 39 anni, e poi i figli Giulia,cinque anni, e Gabriele, 20 mesi, per andare poi tranquillamente a vedere la partita Italia Germania. Festeggiando, come tutti per la vittoria. Una prima risposta l'ha azzardata la Procura: la famiglia per lui era diventata una prigione, e l'incontro con una collega di cui si era invaghito, per altro non corrisposto, la goccia che aveva fatto traboccare il vaso.
«Ma perché non separarsi?» gli hanno chiesto il procuratore Cioppa. «Non avevo il coraggio di affrontare mia moglie». E ancora il magistrato: «Ma perché anche i figli?». Disarmante risposta: «Perché sarebbero rimasti comunque». Insomma Carlo Lissi voleva tornare libero da ogni responsabilità per recuperare quella giovinezza che un matrimonio a 25 anni gli aveva impedito di vivere appieno. Rimane un ultimo dubbio: aveva pianificato il delitto? Cioppa glie lo chiede, lui si limita a risponde: «Ci pensavo da qualche giorno». Fino a scegliere la data giusta, sabato 14, gara Italia Germania, da andare a vedere, contrariamente a quanto faceva di solito, a casa di amici per precostituirsi l'alibi.

Commenti

cheebo72

Ven, 20/06/2014 - 09:28

Buongiorno Silvestri, la partita era con l'Inghilterra eh, non con la Germania. Così, per dovere di cronaca.