Lezione del Dalai Lama ai buonisti: "L'Europa non può accogliere tutti"

Durante il suo viaggio in Gran Bretagna il leader spirituale del Tibet si dimostra più pragmatico della Boldrini: "Bisogna riflettere e accogliere non più di poche migliaia di profughi"

Lezione del Dalai Lama ai buonisti: "L'Europa non può accogliere tutti"

Il Dalai Lama si dimostra più pratico di tanti predicatori di buonismo. Che di certo non mancano in Italia: chissà cosa diranno la presidente della Camera Laura Boldrini, Cècile Kyenge e monsignor Galantino ascoltando le parole del leader religioso del Tibet.

Quando parla, di solito, i politici nostrani gli dedicano molte attenzioni. Ieri, intervenendo in uno degli incontri che costellano la sua visita in Gran Bretagna, il Dalai Lama si è soffermato sul tema immigrazione. "Penso che Germania e Austria abbiano avuto una buona risposta alle migrazioni - ha detto - ma bisogna riflettere: è impossibile che tutti possano venire in Europa".

"Impossibile". Senza mezzi termini, e forse senza volerlo, il Dalai Lama ha inferto un colpo inesorabile ai tifosi dell'accoglienza senza condizioni. "Bisogna interessarsi dei migranti - ha aggiunto il monaco tibetano - ma in piccoli numeri". La parola d'ordine è "essere pratici": riferendosi alla Gran Bretagna, ha detto che sarebbe sufficiente pensare al fatto che è "un piccolo paese" e per questo non può certo farsi carico di tutti gli immigrati del Medio Oriente.

Quale soluzione allora? Per il leader religioso bisogna risolvere i conflitti nei paesi di partenza. Se non fosse vestito di rosso, si direbbe che a fare queste dichiarazioni fosse stato Matteo Salvini.

Commenti

Grazie per il tuo commento