Bolivia, trionfa ancora Morales: "Dedicato a Fidel Castro"

Al leader socialista il 60% dei consensi. E Medina si ferma al 25%

Evo Morales trionfa ancora. E si impone alle elezioni presidenziali in Bolivia per la terza volta. Il primo presidente indigeno del Paese sudamericano, ex coltivatore di coca, ha ottenuto il terzo mandato presidenziale imponendosi con il 60% delle preferenze rispetto al 25% incassato dal magnate Samuel Doria Medina che ha ammesso la sconfitta promettendo di "continuare a lavorare per rendere il Paese migliore".

Nel discorso tenuto dal balcone del palazzo presidenziale a La Paz, Morales ha dedicato la sua vittoria al leader cubano Fidel Castro e all'ex presidente venezuelano Hugo Chavez, morto di cancro il 5 marzo del 2013. "È un trionfo di anti-colonialisti e anti-imperialisti - ha tuonato Morales - continueremo a crescere e continueremo il processo di liberazione economica". I sostenitori di Morales si sono riversati in strada per celebrare, anche se l'atmosfera festosa è stata smorzata. Il Movimento per il socialismo di Morales non è infatti riuscito a mantenere il controllo dei due terzi in Congresso, necessario a portare avanti la riforma costituzionale che consentirebbe di eliminare il limite dei due mandati presidenziali attualmente in vigore. Per concedere a Morales di candidarsi la terza volta, il parlamento aveva ottenuto l'autorizzazione di un tribunale.

Nelle elezioni del 2009 Morales aveva conquistato il 64%. Adesso il leader socialista ha vinto in otto dei nove Stati boliviani, compresa l'ex roccaforte dell'opposizione di Santa Cruz, dove ora avrebbe ottenuto il 51%. Presidente dal 2006, Evo Morales si prepara a diventare il leader in carica in Bolivia per più tempo consecutivo superando il maresciallo Andres de Santa Cruz, tra i fondatori della Repubblica, che restò al potere dal 1829 al 1839. Da quanto è salito al potere, nel 2006, il boom dei prezzi delle materie prime ha aumentato di nove volte i proventi delle esportazioni nazionali e la Bolivia ha accumulato 15,5 miliardi di dollari di riserve internazionali. La crescita economica è arrivata in media al 5% annuo, al di sopra del resto della regione. Morales ha utilizzato questi proventi per creare sussidi per i bambini in età scolare e pensionati. Mezzo milione di persone è uscito dalla povertà.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mr.cavalcavia

mr.cavalcavia

Lun, 13/10/2014 - 13:20

Probabilmente questo indio è molto meno scemo di come vuole apparire a suon di sparate.

beowulfagate

Lun, 13/10/2014 - 13:47

Nooo,accidenti oh,mezzo milione fuori dalla povertà in appena otto anni ! E pensare che qualcuno nello stesso tempo ci tirò fuori quasi ottanta milioni di tedeschi ! Quelli come Morales com'è che li chiamava Teddy Roosevelt ?

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Lun, 13/10/2014 - 13:49

Pare che il socialismo e l'anticapitalismno possano anche aiutare il popolo!

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Lun, 13/10/2014 - 15:55

socialista o no... è indubbio che ha fatto del bene alla Bolivia e che non è un servo di Washington. tanto basta.

Ritratto di Soldato di Lucera

Soldato di Lucera

Lun, 13/10/2014 - 16:45

Ma, ebola, non c'è ancora in sudiciamerica?

Ritratto di Soldato di Lucera

Soldato di Lucera

Lun, 13/10/2014 - 16:48

Omar El bus del cu, ti piaceeee ehh! VAI! Corri che ti aspettano non esitare!

alberto_his

Lun, 13/10/2014 - 16:57

In America Latina, nel cortile di casa dello zia Sam, c'è un laboratorio interessante in cui si sperimentano ricette alternative al neoliberismo di rapina. Mi rallegro del risultato boliviano.

killkoms

Lun, 13/10/2014 - 20:40

dicono abbia legalizzato l'export di "roba"!