Brexit, ma non doveva vincere il Remain?

Sondaggi e giornali decantavano la "conversione" dei britannici, pentiti di aver scelto la Brexit. Ma il voto popolare ha confermato la voglia di addio all'Ue

Fa sorridere leggere exit poll e risultati sulla Brexit. Scusate, dovremmo dire le elezioni politiche del Regno Unito. Ma è evidente che il voto espresso ieri dai sudditi di Elisabetta sia stato soprattutto un modo per dire: cari amici dell’Ue, bye bye. Vogliamo andarcene. E fa sorridere ripensare ai fervori pro-Remain della stampa internazionale, italiana in particolare, e di certi benpensanti convinti che gli inglesi poco dopo il referendum di tre anni fa si fossero ravveduti in massa come san Paolo sulla via Damasco. Tutti smentiti dalle (democratiche) urne conquistate dal quel buzzurro di Boris Johnson.

Riavvolgiamo il nastro. Poco prima del referendum del 2016, tutti erano pronti a giurare che i Lord inglesi, scozzesi e gallesi non avrebbero mai tradito Bruxelles. Gli europeisti andarono a letto vincitori, si svegliarono con l’Ue orfana di Londra. Poi è stato un continuo fuoco incrociato contro la Brexit: reportage allarmistici sugli italiani che presto dovranno abbandonare la City, scenari economici apocalittici e un’intera contrattazione Ue-Downing Street vissuta nella speranza che alla fine quell’accordo non si trovasse. Il sogno che Londra potesse finalmente tornare al voto con un referendum bis per ribaltare il risultato precedente. Pian piano sono pure arrivati sondaggi in grado di solleticare le aspettative. Dicevao: se si votasse ancora, i britannici non sceglierebbero più Leave; vincerebbe il Remain. Ricordate i titoli entusiastici dei quotidiani nostrani? Eccone giusto alcuni: “Brexit, 2,6 milioni di elettori cambiano idea” (Ansa, settembre 2018); “In Inghilterra tanti hanno cambiato idea. E ora dicono: ‘Restiamo” (Agi, agosto 2018); “Gli inglesi hanno cambiato idea sulla Brexit” (Lettera 43, agosto 2018); "Brexit, 52% a favore del remain" (Ansa, dicembre 2018); “Brexit, accordo destinato al fallimento. Ma oggi i britannici voterebbero contro l’uscita dall’Unione” (Repubblica, ottobre 2019). E via dicendo.

Prediamo ad esempio l’ultima rivelazione, quella di ottobre di quest’anno. I numeri arrivavano dall’Istituto YouGov, il più grande studio sondaggistico del referendum del 2016 (una certezza). “Il Regno Unito ora voterebbe nettamente contro la Brexit”, assicuravano gli esperti. S’è visto. Gli studiosi avevano aggregato centinaia di dati su base nazionale e se nel 2017 i Leave erano ancora davanti, ne corso degli anni gli inglesi si sarebbero via via convertiti al Remain. In tre anni, solo 7 sondaggi su 226 avevano dato i brexiteers avanti nelle intenzioni di voto britanniche. Nel 2019 addirittura solo una rivelazione statistica su 72 dava per favorita la linea Johnson. “Secondo YouGov, è il segnale che il sentimento dei britannici è cambiato e di molto”, scriveva Rep. Poi la dura realtà elettorale è arrivata a smorzare gli entusiasmi nostrani.

Pensate che solo ieri il Corriere assicurava che il vantaggio di Johnson si era ridotto. Le stime non lo davano più sicuro di ottenere la maggioranza assoluta a Westminster, il che poteva significare o un governo di minoranza Labour oppure un debole esecutivo conservatore incapace di realizzare un rapido addio all'Ue. “Gli elettori europeisti - scriveva il quotidiano di via Solferino - hanno pensato che c’erano migliori opportunità di fermare la Brexit canalizzando voti sul partito di Jeremy Corbyn (…). E questo recupero è continuato fino alle ultime ore”. Alla faccia del recupero: la verità che i Laburisti ottengono solo 203 parlamentari (-59), i conservatori 364 (+46) con 38 parlamentari in più della maggioranza assoluta. La vittoria è schiacciante. La Brexit ha vinto di nuovo, nonostante sondaggi e entusiasmi assurdi. Bye Bye Bruxelles: this is democracy.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

bernardo47

Ven, 13/12/2019 - 13:15

inglesi non sono europei, sono oltre manica e sono altro evidentemente.Problemi loro. Erano dentro con una scarpa e i due piedi erano gia' fuori sino da inizio...infatti neanche avevano euro, ma sterlina, quindi era un qualcosa a mezzo servizio, che e' meglio abbiano reciso. Ora si divertiranno con economia e con Scozia.....e se sperano in trump, stanno freschi!

Ritratto di pulicit

pulicit

Ven, 13/12/2019 - 13:17

Il popolo è sovrano non i giornali,opinionisti e chi fa previsioni.Regards

andy15

Ven, 13/12/2019 - 13:24

Spiego brevemente perche', pur se lo capisce da solo anche un asino. Sondaggisti ed esperti appartengono quasi tutti ai salotti buoni, quelli radical-chic, e questo colora la loro visione del mondo. E' inutile stare a spiegargli che la popolazione sta andando in una direzione diversa da quella da loro auspicata: non lo capiscono e non lo vedono, il loro Dna non lo consente. Gli esperti ormai non ne azzeccano una, ne sanno meno del Sig. Rossi, e non comprendono che nessuno gli presta attenzione, se non quelle dieci persone del loro salotto preferito.

laval

Ven, 13/12/2019 - 13:25

Alcuni stati come la Svizzera, la Norvegia, i Paesi Bassi ecc. lo hanno capito subito e altri hanno sperato nell'equità della Unione Europea che invece si è dimostrata faziosa di parte. Dopo tre anni di approfondimenti il Regno Unito ha deciso di abbandonare una unione subdola e falsa mentre il cagnolino fedele dell'Italia continua a leccargli i piedi.

Alfa2020

Ven, 13/12/2019 - 13:28

Ma ragazzi di cosa stiamo parlando Dobbia accetttare la volonta del popolo Inglese e normale che ci saranno dei disaggi ma questo e il risultato della politica Europea L'europa unita una cosa bella ma non questa Europa Attuale

giovanni951

Ven, 13/12/2019 - 13:29

ieri sera JP Sloan affermava che gli inglesi si sono pentiti della brexit.......per fortuna.

giovanni951

Ven, 13/12/2019 - 13:30

get Brexit done é diventata got Brexit done ah ah ah ah poveri sinistrosi in fila per una scatoletta di Maalox

agosvac

Ven, 13/12/2019 - 13:33

In Italia è "proibito"!!! E' proibito votare, è proibito fare referendum su ciò che gli italiani pensano realmente sull'UE tedesca, è proibito scegliere, è proibito criticare, è proibito parlare tranne che non si sia d'accordo su ciò che dicono loro, l'Italia è il Paese del proibito! Se la magistratura avesse una macchina che legge nel pensiero, saremmo in galera quasi tutti o , quanto meno, inquisiti per cattivi pensieri.

hectorre

Ven, 13/12/2019 - 13:35

ma quale remain!!!!....una bufala venduta ai fessi per evitare il successo della brexit!!!...uscire dall’euro è un dramma per la Germania, per gli altri paesi sarebbe una rinascita...ma non si può dire, alta finanza, banche e burocrati sono pronti a scagliarsi contro chiunque lo dica!!!!....ora pure il mes a decretarne il fallimento!!!!....sapere che alcuni italiani difendono l’europa solo perché lo dice il partito (atteggiamento tipico dei sinistri) è un ‘insulto all’intelligenza, l’euro ha affossato economia e sviluppo, senza ombra di dubbio.

roberto67

Ven, 13/12/2019 - 13:38

Bene, come ampiamente previsto da chiunque, tranne da chi voleva far credere che certi sondaggi, manipolati scegliendo opportunamente chi intervistare, potessero far cambiare idea ai Britannici. Invece è stato un boomerang. Speriamo che anche altri Stati seguano la stessa strada: quest'Europa delle banche non ha nulla da spartire con l'Europa dei popoli che era stata progettata dai fondatori.

Gianni11

Ven, 13/12/2019 - 13:43

Toh...gli inglesi vogliono riprendersi la loro SOVRANITA' e vogliono il loro paese per loro? Ma che sorpresa! E tutti i voti degli "inglesi" abbronzati e diversamente bianchi non sono stati abbastanza per la sinistra? Sara' "rassismo"!

Ritratto di bimbo

bimbo

Ven, 13/12/2019 - 13:44

Questa è classe! Saper riconoscere i propri errori e cercare di porre i rimedi. Quelli che non sanno perdere sanno fare solo schifo, e poi perdono il triplo se non tutto!

SeverinoCicerchia

Ven, 13/12/2019 - 13:45

ovvio, gli inglesi avrebbero votato contro la brexit, come han votato la clinton e il referendum di renzi, convinti dai media mainstream che l'alternativa era l'aopcalisse e insistono con il ministro della paura che tutte le mattine ci fa sapere che saremo presto tutti fascisti se saremo sovranisti, e che boris johnson non si lava, e che l'alternativa alla ue è la miseria avanti così

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Ven, 13/12/2019 - 13:48

@agosvac: A meno che non capiti come in una vecchia barzelletta: Attaccato al cancello del manicomio, un matto crecava invano di attirare l'attenzione dei passanti "Zzz, eh! Senti!"... Dopo molto giorni, un passante abituale, incuriosito, si ferma e gli chiede "Ma che cosa vuoi?" e il matto: "Senti, noi, di qua delle sbarre, siamo cinquanta matti... E dalla tua parte?"

ukchris

Ven, 13/12/2019 - 13:49

Bravo Boris !! Io ero proprio preso dal panico ieri sera prima del risoltato. Il pensiero di un governo di sinistra era terribile. Meno male che molti altri Inglesi hanno pensato come me. L'idea di un governo comunista sotto Corbyn favera veramente paura. Vedere la tristezza sulla faccia dei giornalisti BBC e' stato un bel regalo di natale lol

ettore10

Ven, 13/12/2019 - 13:51

Gli inglesi hanno capito che l'Europa unita non esiste. La EU non è altro che il dominio della Germania e della Francia. L'Italia farebbe bene di fare medesimamente. credo che la maggioranza degli italiani voterebbe ad abbandonare e andare da soli se ci permettano di votare naturalmente.

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Ven, 13/12/2019 - 13:54

Se non avessimo quei "geni" al vertice di governo (5* per chi non avesse capito) che ad inizio 2019 hanno aperto relazioni diplomatiche e commerciali con i cinesi, provocando al contempo forte irrigidimento nei ns confronti da parte del ns storico alleato USA) l'occasione è/era propizia - lasciando maturare i tempi - per svincolarci a ns volta dalla UE, approfittando dei pessimi rapporti attuali che intercorrono tra USA e DE, facendo leva sul primo affinchè questo ci fornisca sostegno, quel sostegno del quale -in quanto paese più debole rispetto a FR e DE- avremmo decisamente bisogno almeno per fare abbassare la cresta ai due.

Ritratto di Walhall

Walhall

Ven, 13/12/2019 - 13:57

Mia moglie è inglese e ha il suo studio professionale a Londra, non mi ha mai detto che doveva vincere il remain. Ho una filiale che da lavoro a 100 persone in UK, nessuno delle maestranze né gli imprenditori inglesi che conoscono, mi hanno mai detto che doveva vincere il remain. Questo risultato era dato per scontato dato il clima sociale, nessuno voleva la Germania leader industriale e la Francia leader militare. Ora, se l'UE vuole rimanere UE, o cambia toni tornando ai principi originari della fondazione, o si sgretolerà a causa delle pressioni degli Usa, della Russia, della Cina e degli Arabi.

Ritratto di Jimmie01

Jimmie01

Ven, 13/12/2019 - 13:57

Bernardo47, tu fai previsioni come quelle dei sondaggi.

ROUTE66

Ven, 13/12/2019 - 13:58

IERI HO SCRITTO CHE I GIORNALONI ITALIANI AVEVANO LO STESSO SPESSORE DEL GIORNALINO A FUMETTI CHE SFOGLIAVO NELLA MIA ORMAI LONTANA GIOVENTù OGGI MI DEVO RICREDERE,VALGONO MENO MOLTO MENO. E IL BELLO CHE SI CREDONO LA BIBBIA,O IL CORANO. MENTRE VALGONO MENO DELLA CARTA IN CUI SCRIVONO

ROUTE66

Ven, 13/12/2019 - 13:59

SPERIAMO CHE NON SIANO SCOMMETTITORI CI LASCEREBBERO LA CAMICIA

cgf

Ven, 13/12/2019 - 14:01

chi vive di desiderata avrà sempre il naso rotto.

savonarola.it

Ven, 13/12/2019 - 14:03

Negli ultimi tempi i sondaggi hanno sempre cercato di sminuire le perdite di consensi delle sinistre. Vedi Trump, brexit, referendum renzi ecc. Prova evidente che sono manipolati dai poteri forti che manovrano i governi. Eletti dal popolo ma manipolati dalla grande finanza.

polonio210

Ven, 13/12/2019 - 14:05

Tra poco,nei giornali italiani di regime,leggeremo che gli inglesi che hanno votato per la Brexit erano:1)Razzisti. 2)Fascisti. 3)Mentalmente instabili e che non hanno capito nulla. 4)Analfabeti. 5)Con scarsa o totale assenza di un minimo di cultura. 6)Anziani o vecchi decerebrati. 7)Sottoposti a lavaggio del cervello. 8)Truffati da politici privi di scrupoli legati a Putin. 9)Colpa delle scie chimiche che alterano le facoltà mentali. 10)Insensibili egoisti che non comprendono come sia gioioso e stimolante vivere in questa Unione Europea.E gli stessi giornali ci diranno come siamo fortunati,noi italiani,coccolati e gratificatia da mamma Ue.

lappola

Ven, 13/12/2019 - 14:10

E' proprio vero che i sondaggi sono fatti proprio per convogliare i voti verso le direzioni volute, perciò diffidiamo dei sondaggi, votiamo secondo la nostra testa, e siccome nella testa degli Italiani non c'è più il PD che insabbia Bibbiano, che svende i risparmi alla Germania, che chiude le fabbriche, chi vincerà le prossime elezioni sarà la Lega. Il resto seguirà.

Ritratto di pedralb

pedralb

Ven, 13/12/2019 - 14:10

Egregio sig. @bernardo47 agli Inglesi resta almeno la speranza .. A NOI NEMMENO QUELLA lol lol CONTINUI PURE A CREDERE NEGLI ASINI CHE VOLANO

Zoccoloduro

Ven, 13/12/2019 - 14:13

Evidentemente chi a scritto il pezzo non conosce la legge elettorale inglese e, cosa più grave, non conosce l'aritmetica. Dando uno sguardo ai voti reali è facile vedere come il numero degli elettori pro remain (o quantomeno favorevoli al secondo referendum) superino quelli del leave. La bizzarra legge elettorale inglese, quella che assegna 8 seggi al DUP (244.128 voti) e 1 seggio ai verdi (864.743 voti), falsa la percezione della realtà; specie quando questi numeri vengono sparati (e non spiegati) come si fa nell'articolo.

Una-mattina-mi-...

Ven, 13/12/2019 - 14:14

I POPOLI DELL'EUROPA OPPRESSA DALLE CRICCHE HANNO IN TESTA UNA SOLA COSA: LIBERTA'! RAGION PER CUI LE CRICCHE, COME NEL CASO ITALIANO, NON VOGLIONO FARLI VOTARE SU ARGOMENTI DIRIMENTI

pinolino

Ven, 13/12/2019 - 14:14

se il 52 a 48 del referendum poteva lasciare dei dubbi per lo scarto oggettivamente ridotto, il voto di ieri spazza via i dubbi, le proteste dei tifosi del remain e anche tutte le scuse che i brexiters hanno accampato per 3 anni. Ok, missione compiuta, ma c'è ancora tanto lavoro da fare.

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Ven, 13/12/2019 - 14:15

Tra i dettagli negativi che scaturirà per l'ITALIA (e gli Italiani) dalla ormai prossima BREXIT esecutiva, c'è quello che l'UK è (era) il 2ndo contributore netto ai fondi UE. Mancando questi (i British hanno giustamente pensato che 20 miliardi €/anno era meglio tenerseli per loro) dovranno essere redistribuiti SOTTO FORMA DI NUOVE TASSE agli Italiani per mantenere inalterato quell'inutile baraccone sfarzoso della UE con tutti i suoi burocrati di Bruxelles... sarà meglio che ci diamo una mossa anche noi... se sono usciti i British creando di fatto "il precedente" vuol dire che "uscire dalla UE" si può e non è "tabù" come ci vogliono far credere...

Ritratto di bandog

bandog

Ven, 13/12/2019 - 14:16

bernardo47 Ven, 13/12/2019 - 13:15,no egregio,si fa per dire, troll!i figli di albione credono nel loro leader ed ancor più nelle loro Leggi che di fatto hanno attirato migliaia di multinazionali,F:CA compresa!alutammo

newman

Ven, 13/12/2019 - 14:22

@ettore10 Apprezzo il suo pensiero ma non la sua grammatica. Scriva pure la prossima volta: "se ci permettessero di votare" - si tratta di un'ipotesi di secondo grado (possibilitá). Se l'avesse scritto, non sarei io qui a criticarLa. Oh mannaggia, perché non esiste solo l'indicativo in italiano ma anche il condizionale e il congiuntivo?

ST6

Ven, 13/12/2019 - 14:26

bernardo47: no, non sono "problemi" loro. È la loro natura. Un esempio su tutti: sono stati in ogni conflitto sul fronte insieme agli U.S., sono proattivamente in prima linea (e senza mandato parlamentare...) in molti posti del mondo etc. Quando salvini&meloni esultano sentendosi piccoli Boris e piccoli inglesi, dimostrano di non aver capito nulla: loro sono per il richiamo delle truppe e per la lotta ai poveri disgraziati. Sono due pacifisti comunisti "padan", a confronto del Boris.

Ritratto di theRedPill

theRedPill

Ven, 13/12/2019 - 14:28

Nei paesi con una democrazia forte, esercitata da secoli, le elezioni e i referendum si fanno e il popolo può esprimersi, quindi l'intellighenzia falsifica i risultati dei sondaggi nella speranza di convincere i votanti; nelle democrazie deboli come la nostra, una volta chiari i risultati dei sondaggi l'intellighenzia decide se lasciare votare il popolo o impedirglielo; il problema in se non è la UE ma il fatto che sia governata da un nucleo socialista che non accetta dissensi.

ennio78

Ven, 13/12/2019 - 14:28

Quando si racconta una storia lontana dalla realtà con la speranza di influenzare qualcuno sembra non funzionare piu', anzi sortisce l'effetto contrario.

edoardo11

Ven, 13/12/2019 - 14:30

Ma che paese è diventato l'Italia? Ora,da ridere,parlano di aziende che fuggono dalla gran bretagna per venire in Italia.....per finire come l'ex ilva,alitalia,etc etc.Ma che paese è?

killkoms

Ven, 13/12/2019 - 14:35

una "vera" democrazia non ha mai paura di andare al voto!gòli inglesi avranno votato 4 volte in 4 anni per non fare papocchi in parlamento!

hectorre

Ven, 13/12/2019 - 14:36

bernardo47...fai tenerezza, se avessero vinto i laburisti, ora esalteresti le loro qualità!!...hai lo stesso atteggiamento con renzi, fino a ieri padrone del pd ma appena uscito dal partito, ti sei ricordato di tutti i disastri che ha collezionato....farlo mentre era l’imperatore della sinistra era sconveniente?????

Luigi Farinelli

Ven, 13/12/2019 - 14:40

Ieri altra goduria su La7: come per l'elezione in USA, anche qui tutti certi della vittoria dei "buoni", dei "giusti", degli "antropologicamente e moralmente superiori". Godo ancora al ricordo delle facce da funerale di Lerner, Capranica, Gruber a mano a mano che l'alba sopraffaceva la notte col trionfo di Trump. Anche ieri, con Mentana, facce da funerale, commenti sottotono, creste basse e via ad arrampicarsi sugli specchi. Speriamo, per il bene dei nostri figli e nipoti, della nazione italiana, dell'Europa (non certamente questa Torre di Babaele mefitica, mortifera, ipocrita, demenziale) che continui la progressone verso il rinsavimento. Uscire dal politicamente corretto sarà come chi esca da una dipendenza mortifera come la droga (non per niente, la sinistra, le droghe vuole liberalizzarle). Soprattutto, è ora che tutti comincino a pensarla con il proprio cervello per mandare al macero decenni di rincoglionimento mediatico di massa.

fisis

Ven, 13/12/2019 - 14:41

Beati gli inglesi che non solo non hanno l'euro, ma se ne vanno da questa stramaledetta ue sovietica antidemocratica.

SPADINO

Ven, 13/12/2019 - 14:45

BEATI LORO CHE SI TOGLIERANNO IL CAPPIO UE DAL COLLO E DECIDERANNO DELLA PROPRIA VITA

SPADINO

Ven, 13/12/2019 - 14:46

MENTRE IN ITALIA SI VOTA A DESTRA ED HAI UN GOVERNO DI SINISTRA

honhil

Ven, 13/12/2019 - 14:46

Boris Johnson ha stravinto, mettendo all’angolo i laburisti. E se non è il suono di una campana a morto di quest’attuale Ue fatta ad immagine e somiglianza di Macron e Merkel, poco ci vuole. Qui invece si continua a mantenere gli italiani lontani dalle urne. Tuttavia, con un certo applauso, la proclamazione urbi et orbi del golpe bianco è avvento. Anzi rosso. Dato che questo governo curerà esclusivamente gli interessi di tutto l’arcipelago sinistro. In Italia è avvenuto, con un’intesa che la dice lunga tra Mattarella e Bergoglio, quello che neppure gli oligarchi argentini si sono mai sognati di fare. Soltanto la forza delle urne potrà sconfiggere quest’intesa. La battaglia in Emilia-Romagna è come la battaglia del Piave di 100 anni fa.

SPADINO

Ven, 13/12/2019 - 14:46

GOVERNO DI SINISTRA MA CON I PEGGIORI INCAPACI

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Ven, 13/12/2019 - 14:48

Egregio aorlansky60, in piu' il succitato carrozzone non si riduce come dovrebbe il bilancio di quanto mancante, bensi' lo mantiene costante (anzi, in realta' credo sia addirittura aumentato)... Indovini chi paga?

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Ven, 13/12/2019 - 14:55

Ora comincerà la solita geremiade: il voto è cosa troppo seria per lasciarne facoltà ai beceri ed agli incolti. E a quanti non condividono i sinistri pensieri. Vero, kompagni?

Xplr

Ven, 13/12/2019 - 15:00

La Gran Bretagnia, se ne andava via anche se perdevano, il referendum aveva già deciso. Sono inoltre un paese liberale , con una costituzione liberale e con saldi principi democratici, dove 2 grandi schieramenti si scontrano su cose di indirizzo politico. Ma ripeto non è la social democrazia tipicamente statalista e burocratizzata europea , non potevano restare con la UE , troppo diversi e americani nella costituzione e nei principi basati sul mercato e non sul sociale. Fa un poco ridere sentire la nostra destra che acclama la vittoria come se avessere sconfitto la sinistra comunista. Da loro il comunismo non c'è mai stato!

Ritratto di Toscodiforavia

Toscodiforavia

Ven, 13/12/2019 - 15:03

Pensare che una volta guardavamo all' Inhilterra come la culla della democrazia. Ma adesso! O che fossero diventati tutti fascisti?

ettore10

Ven, 13/12/2019 - 15:06

Newman hai ragione, mea culpa. Vorrei farti credere ch'è stato un typo, ma sarebbe una bugia. Spero che non ho fatto errori di grammatica pure qui.

Ritratto di babbone

babbone

Ven, 13/12/2019 - 15:09

La GB ci insegnerà la strada. Fuori prima possibile.

Ernestinho

Ven, 13/12/2019 - 15:17

Tutti fuori dall'Europa e dall'euro!

HARIES

Ven, 13/12/2019 - 15:22

Piano piano si stanno scoprendo tutti gli altarini della sinistra lobbista e di casta. E in Italia abbiamo il fior fiore di economisti e ben pensanti chic. Tutta gente che mangia pane a tradimento. Bravo Boris, sei tosto! E pure simpatico. Un altro degno di stima è Nigel Farage. Comunque, per la cronaca, in questo momento abbiamo la visita della più giovane aspirante Premio Nobel per la lotta alla casta, Greta! La gentil donzella ha scelto Torino (lo ha detto lei), perchè è la città simbolo dell'inquinamento. Chissà se M5S chiederà a Greta di fermare la TAV...

Ritratto di faman

faman

Ven, 13/12/2019 - 15:24

ukchris-Ven, 13/12/2019 - 13:49: ma quale governo comunista di Corbyn ,tu e i tuoi pseuso camerati avete proprio un tarlo rosso che vi rode il cervello. Buffoni

Ritratto di Thorfigliodiodino

Thorfigliodiodino

Ven, 13/12/2019 - 15:24

Oggi è un grande giorno da ricordare: LA BREXIT!!! Finalmente la GB, ha dato il segnale nonostante il mare di bugie e indottrinamenti tendenziosi messo in campo dal''UE. Perché segua il Frexit, e poi l'Italexit, poiché il popolo inglese non è stupido, e sia in Francia che in Italia moltissima gente prova sulla propria pelle questa dittatura. E' l'ESEMPIO, l'INIZIO, quello che ci vuole perché gli altri gli vadano dietro! La libertà prima di tutto, poi da "liberi" si decideranno le altre cose. Questa UE porta alla povertà e alla guerra! Riappropriamoci della nostra sovranità! Viva la LIBERTA'!

Ritratto di faman

faman

Ven, 13/12/2019 - 15:34

Luigi Farinelli-Ven, 13/12/2019 - 14:40; per quanto riguarda l'elezione di Trump, è stato eletto per effetto della legge elettorale americana, ma ha avuto 2.850.000 voti in meno della Clinton. Questo per onore di verità, i sondaggi ci avevano azzeccato.

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Ven, 13/12/2019 - 15:34

C’è un equivoco nell'articolo, in cui si citano un mucchio di fonti secondo le quali, negli ultimo mesi, nell'UK i cittadini erano ormai in maggioranza contrari alla brexit, per cui, in caso di nuovo referendum, avrebbero vinto i REMAIN. Ora, ieri nell’UK non c’è stato un referendum (dove ogni voto vale 1), ma elezioni politiche col sistema inglese che è un sistema maggioritario uninominale, in cui, com’è noto, non c’è corrispondenza fra i voti popolari e il numero di seggi. Ora a favore della Brexit c’erano più che altro i Tories di Johnson, perché l’Ukip di Farage non si è presentata in quasi tutti i collegi proprio per favorire i Tories. Dall’altra parte i Remain sono risultati sparsi fra Labour, LibDem, la scozzese SNP e altri partiti minori (verdi, nord-irlandesi, ecc.). I Tories hanno quindi catalizzato i voti per la brexit, vincendo le elezioni, ma un referendum poteva dare un risultato diverso.

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Ven, 13/12/2019 - 15:35

@ mvasconi 14:48 " Indovini chi paga?" - buongiorno, rispondo volentieri alla sua domanda, a dire il vero non difficile : Lei, io, tutti quelli che commentano qui (anche i redattori de IL GIORNALE) in pratica tutti NOI cittadini ITALIANI, saremo chiamati a versare la solita "tranche" annuale da 14 miliardi di € ma LA CILIEGIONA SULLA TORTA sono quei 110 miliardi € che conte, il pd e i 5* hanno approvato ieri in Parlamento quali "fondi destinati al MES" da versare nei prossimi 7anni. Come invidio i British! Che dal 2020 non saranno più obbligati a versare la loro parte (20 miliardi €/anno) nel carrozzone "ue" (minuscolo viene anche meglio) MA LA VERA DOMANDA È: quanto tempo può passare affinchè la maggioranza degli ITALIANI si svegli definitivamente? risposta: appena ci faranno di nuovo votare. Spero PRESTO.

armando45

Ven, 13/12/2019 - 15:35

E' l'Europa che si è distaccata dall'Inghilterra nel momento in cui si fanno solo gli interessi francotedeschi. Noi italiani abbiamo pagato per delocalizzare le nostre aziende nei paesi ex URSUS e Jugoslavia con vantaggi prevalentemente tedeschi (per approvare i finanziamenti europei chiedono che le loro aziende siano preferite)

mozzafiato

Ven, 13/12/2019 - 15:37

ST 6 poveraccio! Anche tu ti sei giocato il cervello a causa di Salvini e della Meloni! Sono convinto che i tuoi pezzenti falliti sciagurati kompagni al governo, presto si inventeranno un bonus da assegnare a chi come te si è ammalato di cervello contraendo la nefasta "salvimelonite fulminante" : la malattia dilagante fra le fila del tragicomico esercito (di fanceschiello) rosso! Infine, scusa kompagno...una domanda da amico fraterno : MA CE L'HAI UNA FACCIA DA MOSTRARE PER VERGOGNARTI?

Ritratto di Azo

Azo

Ven, 13/12/2019 - 15:40

Gli inglesi, sono come i siciliani e i sardi, """ E COME TUTTI GLI ISOLANI, NON SI SENTONO LEGATI AL CONTINENTE, PERÒ NE APPROFITTANO DELLE SITUAZIONI POSITIVE, UN PO COME GLI APPROFITTATORI, MA ONO LEALI SE NON VENGONO PRESI PER I FONDELLI, COME HANNO FATTO FRANCIA E GERMANIA E LE ALTE CARICHE DELL`UNIONE EUROPEA"""!!!

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Ven, 13/12/2019 - 15:43

@ Memphis35 "Ora comincerà la solita geremiade: il voto è cosa troppo seria per lasciarne facoltà ai beceri ed agli incolti. E a quanti non condividono i sinistri pensieri. Vero, kompagni?" - È esattamente quello che vogliono riuscire ad imporre in Europa, a poco a poco ("passo per passo" come pontificava Junker) altrimenti c'è il rischio che IL POPOLO COMPRENDA e si rivolti; loro (i vertici di potere a Bruxelles, ma non solo, la sinistra globalista internazionale in cui rientra anche la sinistra italiana) sognano un Europa governata da un potere CENTRALIZZATO DECISIONALE, autoreferenziale ed autonominante, cancellando DEMOCRAZIA, VOTO DEMOCRATICO dei CITTADINI e di fatto, GLI STATI SOVRANI come li conosciamo. SIAMO ANCORA IN TEMPO A FERMARLI: GLI INGLESI HANNO DIMOSTRATO CHE È POSSIBILE.

Gianca59

Ven, 13/12/2019 - 15:44

Probabilmente i sondaggi li fanno solo a Londra, che non è la GB.....Li hanno tutt' altri interessi e sono malvisti dal resto della GB.

dante59

Ven, 13/12/2019 - 15:50

Un pensiero compassionevole agli sparuti compagni che anche oggi, ennesima giornataccia ed ennesima batosta, manifestano la più totale mancanza di obiettività di giudizio. I popoli, secondo loro, sono buoni o cattivi a seconda che votino a sinistra oppure no. L'ideologia cieca è il male dei mali.

mozzafiato

Ven, 13/12/2019 - 15:50

BERNARDO 47 come al solito, non ne hai azzeccata una che è una kompagno! Secondo i tuoi ragli, infatti gli inglesi ora "... se la vedranno con Trump...". Giusto! È notizia di questi minuti che Trump ha espresso la sua solidarietà a Boris assicurando PROPRIO D'ORA IN AVANTI un percorso privilegiato con la GB A TUTTI I LIVELLI! Pensa tu che ciclopica jattura per i poveri inglesi... gia ridotti in miseria da questi 3,5 anni di fame e pestilenze e miserie causate DALL'USCITA DALLA UE! BERNARDO: persino il nostro "giullare di corte" qui SCHIACCIARAYBAN non si è pronunciato in questa deprimente maniera come sei riuscito a fare tu!!!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Ven, 13/12/2019 - 15:52

...e Berlusconi ora che dice?

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Ven, 13/12/2019 - 15:55

Scritta la parola fine su una "querelle" durata finanche troppo tempo con tanti di quei distinguo che hanno rimpieto pagine di quotidiani e tanto altro nei media che alla fine ha dato un esito chiaro e inquivocabile, ieri. La City londinese, "compassata" da sempre, ha perso. Amen.

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Ven, 13/12/2019 - 15:59

Domanda a tutti i lettori: ma non avvertite un atmosfera strana e diversa, oggi? sarà dovuta alla mancanza improvvisa di autentici saggi quali schiacciaray, lorenzovan, rokko ?... demetra l'ho vista appena scrivere due righe che poi si è defilata... vorrei dire a tutte queste persone : CORAGGIO AMICI! Anche se non sembra, ma noi irriducibili sovranisti (io di certo se non si fosse ancora capito), che abbiamo a cuore ITALIA COSTITUZIONE e DIRITTI DEL POPOLO in tutte le sue classi, stiamo lottando anche per Voi (detto sinceramente e senza ironia).

gedeone@libero.it

Ven, 13/12/2019 - 16:11

Ovunque si voti, i sinistri scendono precipitevolissimevolmente. Che il mondo si stia liberando delle metastasi komuniste? Speriamo. Intanto quando si voterà anche noi ci libereremo per sempre di loro, nonostante i vari fiancheggiatori (giornali, giornalai, magistratura, attori,cantanti opinionisti e tutta la pletora dell'apparato burocratico). Amen!

Conservative

Ven, 13/12/2019 - 16:11

alcuni qui scrivono che gli inglesi in maggioranza sono per il remain perchè la sommatoria dei voti di laboristi, liberali, verdi, nazionalisti scozzesi e altri minori supera i voti presi dal partito conservatore. E' errato. Infatti i conservatori e gli elettori del brexit party (e di quel che resta dell'ukip) sono tutti per il leave. Gli elettori liberali, verdi e nazionalisti scozzesi sono tutti per il remain. Ma gli elettori laboristi non sono affatto tutti per il remain. Secondo alcuni analisti, un elettore laborista su tre è per il leave. Cosicchè, la sommatoria dei voti di conservatori, brexit, ukip e 1/3 dei laboristi (cioè il 10,8%) porta a ben oltre il 50 % dei voti. Non dei seggi, ma proprio dei voti.

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Ven, 13/12/2019 - 16:15

@ Azo 15:40 "GLI INGLESI SONO LEALI SE NON VENGONO PRESI PER I FONDELLI, COME HANNO FATTO FRANCIA E GERMANIA E LE ALTE CARICHE DELL`UNIONE EUROPEA" --- Più che "leali" gli inglesi sono molto pragmatici ed attenti ai loro interessi, come tutti del resto (anche Germania e Francia, non vale criticarli su questo) ma i British hanno quel qualcosa in più che viene direttamente dalla loro STORIA: quale primo Stato sovrano a costituirsi in Europa (insieme alla Francia, già dall'alto MEDIOEVO) non c'è cosa peggiore che si possa fare nei rapporti con gli Inglesi che cercare di comandarli anche a casa propria, proprio come hanno cercato di fare FR e DE tramite l'UE; gli Inglesi hanno pazientato finchè è stata data loro possibilità di esprimersi in merito, e ieri (ma già il 16GIU2016) mi sembra che abbiano detto FORTE quello che vogliono.

Divoll

Ven, 13/12/2019 - 16:19

E' ora che anche noi si cominci a muoverci per liberarci da questa gabbia di usurai matti che va sotto il nome di UE.

maurizio-macold

Ven, 13/12/2019 - 16:31

Questa e' la dimostrazione di quanto valgono i sondaggi.

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Ven, 13/12/2019 - 16:38

@Conservative, a ben guardare, anche gli elettori Tories non sono tutti per la Brexit, ma una parte di essi erano (al referendum) e sono tutt'ora per il Remain, anche se penso sia difficile quantificarli. Ma magari poi hanno votato per il loro partito per altre ragioni, per esempio per questioni di politica economica, trascurando o lasciando in 2° ordine la questione della Brexit, non ritenuta da tutti essenziale. Quando saranno noti i diagrammi di flusso dei votanti potremo saperne di più circa gli spostamenti di voto rispetto alle precedenti elezioni politiche. Se si voleva verificare la questione della Brexit rispetto al referendum, bisognava fare un 2° referendum. Le elezioni politiche sono un’altra cosa e riguardano altri temi, il sistema di calcolo è fuorviante e dispersivo, ed affermare che, siccome hanno vinto i Tories, allora i britannici sono in maggioranza per la brexit è una mascalzonata.

dagoleo

Ven, 13/12/2019 - 16:55

la gb si salverà dal tracollo.noi ci cadremo per intero dentro sfracellandoci

baio57

Ven, 13/12/2019 - 17:07

Anche da noi il Viral marketing dettato dal mainstream è già all'opera da mesi, con sondaggi farlocchi e la propaganda sul "grande fenomeno di massa" del MIS (Movimento ittico sinistrato). Nonostante ciò all'alba del 27 gennaio ci sarà un brutto risveglio per il sinistrume ,la Rossa Emilia Romagna si ritroverà tutto ad un tratto Leghista ,faSSista,raSSista,ignorante ed analfabeta.

Conservative

Ven, 13/12/2019 - 17:08

Caro liberopensiero77, si possono fare solo stime. Il partito conservatore di Boris Johnson si è presentato risolutamente, esplicitamente, reiteratamente e radicalmente pro-Brexit, ponendo tale messaggio al centro del proprio programma. Legittimo ritenere che la quasi totalità di chi l'ha votato ne condivida anche la posizione pro-Brexit. Il partito laborista no. Più volte sollecitato, Jeremy Corbyn ha deliberatamente evitato di assumere una posizione chiara sul punto pro- o contro Brexit. Questa ambiguità gli è stata rimproverata e forse gli si è ritorta contro perchè non ha pagato. Ma non lo invidio: cos'altro avrebbe potuto fare con un suo elettorato profondamente diviso sul tema Brexit? Per quanto riguarda la questione della maggioranza o no per Brexit, non posso che rifarmi all'unico dato certo: nel 2016 il 52% dei britannici votò per la Brexit. E tanto basta.

maggie65

Ven, 13/12/2019 - 17:19

@liberopensiero77, un partito si presenta con lo slogan GET BREXIT DONE, stravince le elezioni, e lei si arrampica a sostenere che non significa che la maggioranza sia per il LEAVE ? Se ne faccia una ragione, ma se non capisce ( non ne sarei stupito ) le facciamo un disegnino

dagoleo

Ven, 13/12/2019 - 17:19

il problema è che si va a votare. non bisognerebbe votare. a cosa serve votare? che razza di democrazia è questa del voto? non serve votare. si sprecano soldi e denaro. noi sappiamo benissimo cosa vi serve. decidiamo noi per voi. (Mao)

Holmert

Ven, 13/12/2019 - 17:24

Gli inglesi sono gli unici in Europa che hanno dato del filo da torcere alla Germania e ne sono usciti sempre vittoriosi. E' gente che ha spina dorsale,piuttosto si spezzano ma non si piegano.E' successo durante le due guerre ed è successo ora,nel momento in cui hanno scoperto che la Germania stava divorando gli altri stati partecipanti, Italia compresa. Ora si sono liberati dalle catene definitivamente, usciranno dall'UE e nessuno potrà più imporgli di fare così o di fare cosà. Jhonsonn ha già detto che con lui al "comando", chi vorrà entrare in Inghilterra, dovrà farlo con tutte le carte in regola e non solo. Altro che sequestro di persona,accusa rivolta al nostro ministro che non voleva fare sbarcare clandestini a gogò. Venite gente, venite, nulla osta,senza documenti ed a mangiare e bere a spese nostre. Staremo a vedere. Intanto si è aperta una breccia, come ai tempi di porta pia.

Ritratto di faman

faman

Ven, 13/12/2019 - 17:25

maurizio-macold-Ven, 13/12/2019 - 16:31: guarda che i sondaggi davano Johnson vincente

Ritratto di bandog

bandog

Ven, 13/12/2019 - 17:28

iberopensiero77 Ven, 13/12/2019 - 15:34..azzzz come stridono le tue unghie nel tentare di arrampicarti sul...vetro!!

agosvac

Ven, 13/12/2019 - 17:31

Egregio liberopensiero77, ma dove vuole arrivare? A convincerci che malgrado abbiano perso, hanno invece vinto? Vuole convincerci che gli inglesi volevano restare in UE??? I suoi colti ragionamenti fanno a pugni col vero risultato che è il solo che conta!

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Ven, 13/12/2019 - 17:41

@Conservative, d'accordo con Lei che, sugli orientamenti Brexit odierni dei britannici, si possono fare solo stime. È già un passo in avanti rispetto alla semplicistica (e mistificante) equazione: vittoria Tories = vittoria Brexit valida per tutti gli inglesi. Ci andrei piano poi a ritenere che, siccome un partito assume una posizione netta su un tema specifico, poi il suo elettorato lo segua nella sua totalità (o quasi). Vorrei ricordare ad es. che negli anni ’70 la DC era ufficialmente contrarissima alle leggi sul divorzio e sull'aborto, e per questo propose appositi referendum abrogativi. Ma perse entrambi i referendum, perché grosse fette del suo elettorato non volevano abrogare le leggi. Malgrado ciò, i suoi elettori continuarono però a votarla alle elezioni politiche, permettendole comunque di governare, e dimostrando che voto politico e voto referendario sono cose diverse.

marzo94

Ven, 13/12/2019 - 17:42

Ma dopo due atroci guerre mondiali vinte chi poteva aver dubbi che gli Inglesi evitassero di straperdere la terza, condotta senza pietà dalla Germania senza armi, ma con l'economia e la politica "europea"? Ma ci rendiamo conto che i tedeschi ci stanno lentamente strangolando e si arricchiscono col nostro impoverimento? L'Inghilterra lo ha capito ed è uscita in tempo, per noi è un problema molto più grave.

Ritratto di faman

faman

Ven, 13/12/2019 - 17:45

Johnson certamenete ha vinto, ma per effetto del sistema elettorale inglese col 43,5% dei voti ha ottenuto oltre il 56% dei voti in parlamento. Ma in Italia una legge che permetteva un risultato simile è stata bocciata dalla Corte Costituzionale.

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Ven, 13/12/2019 - 17:53

@agosvac, guardi che non voglio convincere di nulla nessuno. Sto solo cercando di dimostrare (e in questo il commentatore "conservative" mi pare più perspicace di lei) che il voto per le elezioni politiche è una cosa diversa dal voto per un referendum, specie in UK dove vige il sistema maggioritario uninominale, per cui non c'è corrispondenza fra i voti popolari e i seggi. Se non lo capisce non posso farci nulla, eppure basterebbe guardare una tabella che riporta i numeri dei seggi dei partiti britannici alle elezioni, raffrontati con il numero dei voti. Non c'è corrispondenza, mentre nel referendum 1 = 1.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Ven, 13/12/2019 - 17:55

maurizio macold - In effetti il voto reale è stato 365 per B.J. contro 203 di J.C. Gli exit poll hanno sbagliato di soli tre seggi, un'inezia direi. Questo dimostra la loro validità.

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Ven, 13/12/2019 - 18:00

@faman, ha perfettamente ragione. Glielo spieghi a tutti i semplicioni (i quali dicono che mi arrampico sugli specchi, ridicolo ...) che qui commentano, che il 43,5% dei voti non significa, appunto, superare il 50%. Per cui affermare su questa base con sicurezza che gli inglesi sono oggi per la Brexit è una mascalzonata. La matematica non è un'opinione, ma penso che prima o poi se ne accorgeranno anche altri.

cir

Ven, 13/12/2019 - 23:50

Zagovian Ven, 13/12/2019 - 15:52 : Sta' giocando con lo yo-yo ,non disturbarlo con domande senza senso..

cir

Ven, 13/12/2019 - 23:57

Holmert Ven, 13/12/2019 - 17:24 : non dire cavolate ! nessuna potenza europea ha mai messo la GERMANIA in ginocchio .Tantomeno l' Inghilterra , solo con le coalizioni hanno potuto vincerla , 6 contro uno ....un TEDESCO e' sempre un tedesco , mai un vigliacco .

Ritratto di faman

faman

Sab, 14/12/2019 - 14:46

maggie65-Ven, 13/12/2019 - 17:19: occorre un pò di onestà intellettuale, io non dico che ha vinto il remain, ma lei non deve dire che ha vinto il leave, un referendum sarebbe un'altra cosa. I conservatori hanno ottenuto il 56% dei seggi per effetto della legge elettorale. Ma sono stati votati dal 43,5% dei votanti. Ci pensi un pò.

Holmert

Sab, 14/12/2019 - 14:48

Le cavolate le dice lei Cir. L'Inghilterra non si è fatta invadere dai tedeschi, dopo che Hitler aveva occupata tutta l'Europa.Questo è un dato di fatto, quelle che dice lei invece, sono boiate. I tedeschi dopo la corsa dell'asino, si sono fermati e le hanno sempre prese, perdendo tutte le guerre.Ha presente la battaglia d'Inghilterra,che fece il mazzo agli aviatori tedeschi, mandati da Goering? Li misero al tappeto e gli aviatori tedeschi se ne tornarono crucciati e rotti. Studia bene, anche i tedeschi avevano le loro coalizioni. Comunque i vigliacchi ci sono dovunque, anche tra i tedeschi.

cir

Sab, 14/12/2019 - 15:30

Holmert Sab, 14/12/2019 - 14:48 La storia non la si studia sui libri di scuola.

Holmert

Lun, 16/12/2019 - 11:16

Difatti su questo le do ragione.Io possiedo tutta la raccolta di "storia illustrata",dove gli articoli li scrivevano tutti gli storici, con tanto di bibliografia.Non mi prenda per uno sprovveduto, per favore. E poi seguo pedissequamente il canale 54 "Rai storia", dove tra l'altro, l'ottimo Paolo Mieli, allievo di De Felice, conduce delle ottime trasmissioni,con la presenza di storici che ci illustrano gli eventi.Si parla di tutto.Se le capita ,lo segua. E lasci stare i libri si scuola,scritti "Cicero pro domo sua".Questo lo so benissimo.