Grecia, Pavlopoulos contro la Turchia: "Collaborano con i terroristi"

La "mente" degli attacchi a Parigi avrebbe avuto nascondigli ad Atene. Proprio dalla Grecia arrivano accuse al governo di Ankara

Prokopis Pavlopoulos
Prokopis Pavlopoulos

Il presidente della Repubblica greco Prokopis Pavlopoulos ha parlato proprio del tema del terrorismo e dell'immigrazione.

"La Grecia rispetta pienamente i suoi obblighi per il controllo dei migranti che arrivano in Europa, ma distingue chiaramente i rifugiati dai terroristi, per i quali applica la tolleranza zero" inoltre ha detto: "La Grecia sa che il suo confine è il confine dell'Ue, come sottolineato anche dai recenti accordi sull'immigrazione. E per questo rivendica il diritto sovrano al controllo delle frontiere e rifiuta pattuglie congiunte con la Turchia. Al contrario chiede l'aiuto dell'Europa, e mette il massimo impegno per la trasformazione di Frontex in una vera guardia costiera europea"

Il capo di stato ha puntato il dito contro la Turchia dove ha dichiarato: "Non c'è controllo sui migranti, sui profughi o sui terroristi". Inoltre, "da alcune informazioni nasce il sospetto fondato che ci sia anche una cooperazione con i trafficanti. La Turchia deve rispettare i suoi obblighi, se vuole proseguire il suo percorso europeo. Un percorso che non avversiamo, ma che può avvenire solo se viene rispettato il diritto europeo".

Commenti

Spiacenti, i commenti sono temporaneamente disabilitati.