India, cibo avariato: strage di bimbi cristiani

Almeno 8 fedeli, tra cui 7 bambini, sono morti e 200 sono ricoverati in ospedale in seguito all'avvelenamento da cibo avariato domenica quando hanno partecipato ad un festa nel villaggio di Nongkya nella lontana ed isolata nella provincia nord-orientale di Ri-Bhoi nello Stato di Meghalaya

Strage di cristiani in India. Almeno 8 fedeli, tra cui 7 bambini, sono morti e 200 sono ricoverati in ospedale in seguito all'avvelenamento da cibo avariato domenica quando hanno partecipato ad un festa nel villaggio di Nongkya nella lontana ed isolata nella provincia nord-orientale di Ri-Bhoi nello Stato di Meghalaya, uno dei pochi a maggioranza cristiana. I fedeli hanno manifestato vomito e dolori acuti allo stomaco dopo aver consumato riso e maiale dopo la messa. Lo riferisce la polizia locale. Le autorità sospettano che il cibo servito a circa 2.000 fedeli nel villaggio di fosse andato a male.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mer, 31/05/2017 - 10:20

Capisco che l'idea di bambini cristiani morti possa galvanizzarvi, non fosse altro che per tenere viva la guerra di civiltà che tanto vi piace... ma in questo caso, stando agli elementi attualmente conosciuti, non c'è dolo e casomai bisognerà vagliare colpe e responsabilità. Resta anche stavolta il dolore per la morte di bambini innocenti.

Ramsmeat

Mer, 31/05/2017 - 12:26

@Dreamer_66: Non vedo commenti che incitano allo scontro di civiltà o strabordanti d'ira per la morte di cristiani. Evidentemente piace a te l'idea di gente fomentata, ma qui si direbbe una fatalità. Mica siamo musulmani che pensano sempre che il mondo ce l'abbia con loro.

killkoms

Mer, 31/05/2017 - 14:37

@dreamer66 ti butti avanti per non cadere indietro (come quasi sempre)!