L'America boccia Obama: Camera e Senato ai repubblicani

Dopo le elezioni di midterm il presidente si trova contro tutto il Congresso. Per lui due anni in salita

Il segnale del cambiamento è arrivato chiaro e forte dagli americani. Il partito dell'Elefantino controllerà il Congresso degli Stati Uniti che si insedierà il prossimo 3 gennaio. Entrambi i rami saranno in mano al Grand Old Party (Gop) che ha strappato ai democratici sette Stati (West Virginia, Arkansas, South Dakota, Montana, Colorado, Idaho e North Carolina), arrivando a controllare 52 seggi su 100. Alla Camera, che il Gop già controllava (233 seggi su 435), il distacco a favore della destra salirà ulteriormente. Per Barack Obama inizia, dunque, un biennio da "anatra zoppa". Continuerà a governare ma con il peso di avere contro Capitol Hill. Tradotto in soldoni vuol dire questo: dover scendere al compromesso sui singoli provvedimenti (sicuramente molto più di quanto ha fatto fino ad ora), oppure forzare la mano a colpi di decreti, ma con il rischio di vedersi bocciare sistematicamente ogni misura approvata. Potrebbe anche scegliere di percorrere entrambe le strade, per cercare di barcamenarsi fino alla prossima estate (quando inizierà il tourbillon della corsa per le presidenziali) e provare in qualche modo a tirare la volata ai democratici, addossando la colpa dello stallo agli avversari.

I repubblicani si sono imposti non solo negli stati più deboli controllati fino a ieri dai loro avversari, ma anche in molte zone che Obama aveva conquistato, cambiando la geografia politica degli Usa. Oltre a stati come Montana, West Virginia, South Dakota, Arkansas e Alaska, il Gop ha strappato ai rivali anche Iowa, North Carolina e Colorado, che il presidente aveva trasformato in stati blu puntanto molto sulle cosiddette minoranze (ispanici, neri, donne, giovani e bianchi ostili ai Tea Party).

Ma perché parliamo di sconfitta di Obama, visto che in ballo non c'era la Casa Bianca? Le elezioni di midterm, così come tutte le politiche, da sempre sono un termometro per lo stato di salute della Casa Bianca. Qualcosa di più solido di un sondaggio, visto che i consensi raccolti (o meno) sono veri, non virtuali. La netta vittoria repubblicana da un lato evidenzia la crescente debolezza di Obama, che non è riuscito a dare risposte convincenti ai cittadini (la fiducia nei suoi confronti è inchiodata al 42%) e viene accusato di estrema debolezza e incertezza su molti temi, specie in politica estera. Dall'altro lato evidenzia che i repubblicani tornano a macinare voti. Secondo molti analisti, però, il trionfo del Gop è stato possibile anche grazie alla bassa affluenza alle urne, unita al fatto che due terzi degli elettori fossero sopra i 65 anni (questo statisticamente premiava il Gop).

"E' il momento di iniziare a ottenere risultati", ha detto lo speaker della Camera, il repubblicano John Boehner. Il nuovo Congresso controllato dai repubblicani voterà a breve "molto misure di buon senso per il lavoro e l'energia che sono state approvate dalla Camera negli ultimi anni". La conquista della maggioranza al Senato da parte dei repubblicani significa "il rifiuto delle fallimentari politiche del presidente Obama", ha sottolineato il presidente del partito Reince Priebus. "Ai repubblicani è stata data l'opportunità di guidare il paese in una migliore direzione e i repubblicani alla Camera e al Senato sono pronti ad ascoltare il popolo americano. Speriamo che lo farà anche il presidente Obama". Harry Reid, leader dei democratici in Senato, si congratula con Mitch McConnell, numero uno dei repubblicani. Gli elettori - afferma Reid - hanno inviato un messaggio chiaro con le elezioni: democratici e repubblicani devono lavorare insieme. Sarà possibile? E le due parti lo vorranno?

L'Empire State Building, tra gli edifici simbolo di New York, nell'attesa del risultato delle elezioni di Midterm aveva sfoggiato i colori della bandiera americana: bianco, rosso e blu (dei democratici), regalando un colpo d'occhio d'eccezione. Nella notte il grattacielo si è tinto di rosso, rendendo omaggio al trionfo repubblicano (foto).

Il nuovo Congresso sarà chiamato ad affrontare temi molto importanti, a partire ad esempio dalla riforma sull'immigrazione: Obama potrebbe avere molte difficoltà a far passare la sua linea. Problemi potrebbero esserci sull'approvazione di un accordo internazionale sul cambiamento climatico e sulla delicata questione dell'oleodotto Keystone XL, che consentirà il trasporto del petrolio estratto dal Canada fino al Golfo del Messico: il Gop spingerà per la sua approvazione. Facile prevedere, inoltre, che i repubblicani torneranno all'attacco sul Affordable Care Act, la riforma sanitaria firmata nel 2010 da Obama, che hanno più volte minacciato di voler smantellare in alcune parti chiave.

Obama sapeva bene di non essere popolare e per questo molti candidati lo avevano tenuto a distanza durante la campagna elettorale. Lui, così, ha limitato al minimo il proprio impegno sul campo, scegliendo di andare a sostenere i candidati alla carica di governatore nelle aree più democratiche del Paese, dove aveva vinto alle presidenziali del 2008 e del 2012. Ma è servito a poco. La maggior parte dei "suoi candidati" ha perso. Il presidente ha fatto pubblicamente campagna elettorale per sette candidati governatori e un candidato al Senato. Il governatore della Pennsylvania, Tom Wolf, e il candidato al Senato in Michigan, Gary Peters, hanno vinto. I candidati governatori Anthony Brown in Maryland, Mike Michaud nel Maine, Mark Schauer in Michigan, Mary Burke in Wisconsin e il governatore Pat Quinn in Illinois - tutti hanno fatto campagna elettorale con il presidente e la first lady Michelle - hanno perso.

Commenti

vince50_19

Mer, 05/11/2014 - 07:43

Yes, we can? No mr. president! Go away and forever..

m.nanni

Mer, 05/11/2014 - 07:46

questo demagogo l'hanno fermato appena in tempo; prima che riuscisse a scatenare lo scontro armato tra Europa (i soliti fessi italiani) e la Russia. ora l'Italia liberale con FI in testa scenda subito in piazza per chiedere il ritiro immediato di ogni sanzione contro Mosca. FI non può stare a guardare.

Iacobellig

Mer, 05/11/2014 - 08:28

finalmente!

Massimo Bocci

Mer, 05/11/2014 - 08:28

A questo TRUFFATORE NOBEL??? Etero diretto dai suoi padroni sponsor,che ha destabilizzato l'occidente e gli occidentali, portando guerra e disperazione in tutto il mondo, può completare l'opera (di distruzione) non gli rimane che BOMBARDARE (umanitariamente) la RUSSIA, cos'i completa l'opera di distruzione dell'occidente e degli occidentali.

fabrizio de Paoli

Mer, 05/11/2014 - 08:31

Reid -il mistificatore- afferma che gli americani hanno inviato un messaggio chiaro con le elezioni: democratici e repubblicani devono lavorare insieme. Una chiave di lettura ridicola. Quello che emerge e che che gli americani ne hanno le palle piene del socialista, lobbista, guerrafondaio e non vedono l'ora di liberarsene dal momento che han preso consapevolezza della sua pericolosità, non solo per loro, ma per il mondo intero.

roberto.morici

Mer, 05/11/2014 - 08:34

Perché meravigliarsi. Succedeva molto di frequente nei democratici Paesi dell'Europa dell'est e càpita abitualmente tuttora a Cuba, in Cina, in Corea del Nord, in Congo...

glasnost

Mer, 05/11/2014 - 08:46

Indubbiamente gli americani sono molto meno stupidi di noi italiani. Non si lasciano raggirare tanto dai loro Napolitano, Monti, Renzi, Letta, sindacati ed intellettuali, e capiscono quando li si prende in giro col buonismo di facciata!

Tobi

Mer, 05/11/2014 - 08:46

ma perché gli americani lo hanno votato anche per il secondo mandato? C'è voluto così tanto agli americani per capire chi hanno mandato alla casa bianca? Un non-presidente tutto chiacchiere buono solo a fare discorsi contraddittori ed ambigui, studiati per accontentare tutti. Esempio, all'indomani dell'ennesima strage a causa di un folle armato in un campus universitario americano in un suo discorso alla poppolazione disse che avrebbe limitato l'uso delle armi ma che nello stesso gli americani hanno il diritto alla difesa. Della serie, faccio contenti tutti, contrari e favorevoli alle armi. E fosse solo questo! Quanti discorsi di presa in giro per tutti. Bah!

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mer, 05/11/2014 - 08:51

era ora..

nerinaneri

Mer, 05/11/2014 - 08:57

beh!, i vs commenti non fanno una piega ! è risaputo che i democratici sono dei guerrafondai e i repubblicani dei pacisti (vedi le ultime dichiarazioni di mccain " torneremo subito in irak")...con putin ormai squattrinato,ci godremo un po' di guerre stellari reali...che minus-bananas

ELZEVIRO47

Mer, 05/11/2014 - 09:00

I nodi vengono al pettine. Gli americani hanno da tempo valutato i limiti di questo presidente. Solo in Italia tanti continuano a considerarlo un grande.

ELZEVIRO47

Mer, 05/11/2014 - 09:00

I nodi vengono al pettine. Gli americani hanno da tempo valutato i limiti di questo presidente. Solo in Italia tanti continuano a considerarlo un grande.

plaunad

Mer, 05/11/2014 - 09:03

Godo come un mandrillo pensando alla faccia di tutti coloro i quali ancor prima del suo insediamento parevano impazziti per l' Abbronzato. "Presidente del mondo" "Il nuovo Messia" "Lo abbiamo votato tutti" "Una nuova era" erano alcune delle frasi apologetiche ed assurde di quella pazzia collettiva. E ora che ......?

Ritratto di bracco

bracco

Mer, 05/11/2014 - 09:04

QUESTA VOLTA LO HANNO FATTO VERAMENTE NERO

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Mer, 05/11/2014 - 09:06

Ora questo insuperabile incapace abbronzato può tornarsene in Africa, sperando che gli Americani non affidino più gli U.S.A. a sottosviluppati come Obama.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mer, 05/11/2014 - 09:11

Yes week end-----------"presidente" hai rovinato l'europa colle tue primavere arabe che si sono dimostrate un inverno ed hai destabilizzato il mondo togliendo saddam e gheddafi.Questo è il risultato dell'abbronzato,e voi americani svegliatevi non fate come gli italiani che si sono adagiati in un lieve sonno senza togliersi il paraocchi.non fate i trinariciuti.

mariolino50

Mer, 05/11/2014 - 09:19

Le differenze trà di loro viste da quà sono irrisorie, sono tutti di destra, così piace agli americani, anche ai poveracci, ma molti infatti a votare neanche ci vanno tanto è uguale, ormai è così anche da noi. Trovare poi un pacifista da quelle parti credo sia piuttosto raro, chi comanda davvero è la lobby militar industriale, ogni tanto devono cambiare i magazzini delle munizioni, e allora vai da qualche parte a tirarle.

HAKWERSIDDELEY

Mer, 05/11/2014 - 09:22

@nerinaneri : l'essere " pacifisti " o " guerrafondai " non c'entra un tubo .. il presidente degli USA deve prendere decisioni che hanno grandi ripercussioni non solo per il suo paese ma anche come si diceva " per il mondo libero ". Ed Obama ( per carità .. molto simpatico , affascinante ecc. ecc. ) ha fatto in politica estera dei grandi casini ( tipo la gestione fallimentare della crisi Ucraina ) . Penso che non lo rimpiangeremo : Oh my Lord next time mandaci un repubblicano please !!!

fabrizio de Paoli

Mer, 05/11/2014 - 09:29

Nerinaneri, ho detto: "socialista (virgola) lobbista (virgola) guerrafondaio" e non: "socialista = guerrafondaio". In questo caso Obama è socialista e guerrafondaio. Naturalmente ci sono guerrafondai anche tra i repubblicani, ma all'interno del partito repubblicano c'è una porzione sempre crescente (i Tea Party) che sono CONTRARI ad ogni tipo di aggressione, guerra e distruzione di vite umane e ricchezza in generale. Ma presumo che tu lo sappia, e presumo anche che ti faccia comodo che non si sappia.

HAKWERSIDDELEY

Mer, 05/11/2014 - 09:29

oh comunque " me sa " che la cosa fondamentale l'ha detta prima Tobi : " ma perché gli americani lo hanno votato anche per il secondo mandato? " ... Davvero inspiegabile o forse spiegabile solo col fatto che dall'altra parte il candidato era poca cosa . per cui alla fine se ci siamo dovuti sciroppare altri 4 anni di Obama una fetta di colpa c'è l'hanno anche i repubblicani ...

Ritratto di diversamentedidestra

diversamentedidestra

Mer, 05/11/2014 - 09:36

E'risaputo che i repubblicani intendono adottare una linea piu'dura ( molto piu'dura) nei confronti della russia e di putin, fornendo direttamente armi agli ucraini (finalmente dico io). Mi fanno ridere i soliti bananas berlusconiani. Come riuscirano a conciliare il loro amore smisurato per putin e la russia ( notoriamente inversamente proporzionale al loro amore per la patria e l'europa) con la loro felicita'per la vittoria dei repubblicani.

scipione

Mer, 05/11/2014 - 09:47

E' l'innarrestabile vento dei moderati liberal -democratici che presto spirera' forte anche in Italia con Berlusconi in testa.

Simostufo

Mer, 05/11/2014 - 09:51

in America non c'e' nessun tipo di libertà , la libertà e' scomparsa da almeno 30anni sia con i democratici che con i repubblicani. I Tea Party? sono dei gran bei parachiuli. non ditemi che non c'e' dentro gente lobbista perche' se no vi porto esempi a go go.

Ritratto di PELOBICI

PELOBICI

Mer, 05/11/2014 - 09:56

Gli americani saranno anche scemi, ma quando sbagliano si pentono e cambiano le loro preferenze, il chiacchierone ha molto meno poteri per fare ciò che non sa fare e che non vuol fare perchè ha paura di fare, noi abbiamo invece in nostro pifferaio magico che con la sua politica economica dice di aver diminuito il carico fiscale, ma per ora si paga più di prima, la logica e la matematica dei compagni non cambia mai, sanno solo distruggere

Ritratto di cangrande17

cangrande17

Mer, 05/11/2014 - 09:56

Gli americani si sono svegliati troppo tardi. Comunque sia, il Pagliaccione col premio Nobel per la pace se lo devono tenere altri due anni. Eppure due anni fa, alle presidenziali, era oramai evidente il grande bluff di questo inutile personaggio. Mah!

glasnost

Mer, 05/11/2014 - 09:59

Stiamo constatando tutti quanti danni ha fatto a tutto il mondo. Partendo da Lehman brothers ha fatto crollare il benessere di tutto il mondo occidentale, con le "primavere arabe" ha destabilizzato il nordafrica e ne stiamo pagando tutti le conseguenze, con la pretesa di acquisire il controllo dell'ucraina e del suo gasdotto ha ripristinato la guerra fredda le cui conseguenze sono facilmente prevedibili. Però almeno gli hanno dato il "nobel per la pace" che evidenzia l'assurdità di questo premio.

glasnost

Mer, 05/11/2014 - 10:00

Stiamo constatando tutti quanti danni ha fatto a tutto il mondo. Partendo da Lehman brothers ha fatto crollare il benessere di tutto il mondo occidentale, con le "primavere arabe" ha destabilizzato il nordafrica e ne stiamo pagando tutti le conseguenze, con la pretesa di acquisire il controllo dell'ucraina e del suo gasdotto ha ripristinato la guerra fredda le cui conseguenze sono facilmente prevedibili. Però almeno gli hanno dato il "nobel per la pace" che evidenzia l'assurdità di questo premio.

glasnost

Mer, 05/11/2014 - 10:00

Stiamo constatando tutti quanti danni ha fatto a tutto il mondo. Partendo da Lehman brothers ha fatto crollare il benessere di tutto il mondo occidentale, con le "primavere arabe" ha destabilizzato il nordafrica e ne stiamo pagando tutti le conseguenze, con la pretesa di acquisire il controllo dell'ucraina e del suo gasdotto ha ripristinato la guerra fredda le cui conseguenze sono facilmente prevedibili. Però almeno gli hanno dato il "nobel per la pace" che evidenzia l'assurdità di questo premio.

marinaio

Mer, 05/11/2014 - 10:04

PER LA REDAZIONE: LA MAGGIOR PARTE DEI COMMENTI SONO TUTTI A ZERO. PROBLEMI????

grandeoceano

Mer, 05/11/2014 - 10:07

Grattati scimmia... restituisci il premio Nobel per la pace e prendi quello per le caxxate!

fabrizio de Paoli

Mer, 05/11/2014 - 10:13

Simostufo. Non c'è dentro gente lobbista.

fabrizio de Paoli

Mer, 05/11/2014 - 10:15

Simostufo. Non c'è dentro gente lobbista.

fabrizio de Paoli

Mer, 05/11/2014 - 10:17

Simostufo. Non c'è dentro gente lobbista.

michele lascaro

Mer, 05/11/2014 - 10:17

L'ho sempre scritto che Obama supera abbondantemente Carter, nella lista dei peggiori presidenti degli USA!

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mer, 05/11/2014 - 10:21

Il presidente delle chiacchiere, eletto all'insegna delle suggestioni progressiste secondo le quali: nero è bello, a prescindere. E, poi, fa molto figo. Una politica estera a dir poco demenziale che ha permesso la nascita dell'ISIS, nata sulle ceneri delle destabilizzazioni dei regimi medio orientali da lui pervicacemente perseguita. Un trascinamento delinquenziale dell'Europa nella fallimentare politica delle sanzioni anti Putin. Direi che gli USA si sono svegliati dalla sbronza democratica persino un po' in ritardo rispetto a quanto era lecito aspettarsi. Ora tocca all'Italia.

pollicino46

Mer, 05/11/2014 - 10:23

x nerinaneri - I Russi sono squattrinati mentre gli americani vivono nell'oro (poco debito pubblico!!!!) Ma mi faccia il piacere...Gli americani sono sull'orlo del default ben peggio dei russi non fosse altro che i russi perlomeno hanno materie prime a iosa....saluti!!!

Ritratto di fabiobonari

fabiobonari

Mer, 05/11/2014 - 10:24

Che si chiamino Obama o Bush jr, gli americani, prima di bocciare un presidente, gli concedono sempre due legislature, perché le sue vaccate le possa fare proprio tutte.

Ritratto di elio2

elio2

Mer, 05/11/2014 - 10:28

Meno male che gli Americani con un guizzo di intelligenza, sono riusciti a fermarlo prima che scatenasse un'altra guerra con la Russia di PUTIN. Questo idiota guerrafondaio, sembrava fosse la panacea per tutti i mali, invece si è dimostrato ignorante, incapace, incompetente, corrotto e falso se non anche peggio dei suoi predecessori, che demonizzava per farsi eleggere, in pratica come sempre essere di sinistra si garantisce la capacità di distruggere, corrompere e falsificare la realtà, per questo scelgono i loro elettori tra le menti più deboli e incapaci di intendere e volere, altrimenti col cavolo che li votano. I compagni per incentivarlo gli hanno anche comperato il Nobel per la Pace e lui li ha ripagati scatenando ben 5 guerre e stava per scatenarne una sesta, ma mentre tramava e guerreggiava ha avuto anche il tempo di portare l'America per ben due volte sull'orlo dell'abisso finanziario, quindi ora mi aspetto che i compagni gli comperino anche il Nobel per l'economia.

kallen1

Mer, 05/11/2014 - 10:28

Tra i peggiori presidenti, se non il peggiore, che gli Stati Uniti abbiano avuto. Incapace fino al midollo e pure patetico. Peccato che gli americani non se ne siano accorti prima: e già, quando uno sa fare il pifferaio magico in molti lo seguono. Yes, we can.....andare in malora! Come succederà in Italia con l'altro pifferaio Renzi se non verrà fermato da "libere elezioni democratiche"

kallen1

Mer, 05/11/2014 - 10:29

Tra i peggiori presidenti, se non il peggiore, che gli Stati Uniti abbiano avuto. Incapace fino al midollo e pure patetico. Peccato che gli americani non se ne siano accorti prima: e già, quando uno sa fare il pifferaio magico in molti lo seguono. Yes, we can.....andare in malora! Come succederà in Italia con l'altro pifferaio Renzi se non verrà fermato da "libere elezioni democratiche"

Ritratto di illuso

illuso

Mer, 05/11/2014 - 10:31

Quando ha ricevuto il premio Nobel per la pace, ho capito che il mondo è in mano a degli idioti. Nobel per la pace, robe da non credere.

Ritratto di elio2

elio2

Mer, 05/11/2014 - 10:37

La compagna nerinaneri, come al solito diffonde le notizie contro PUTIN che il Komintern ha deciso devono essere divulgate oggi per allontanare l'attenzione dal compagno abbronzato data la sua ottima performance elettorale, anche se chiaramente è la trama di un'altro film, ma lei da buon pappagallo, questo non lo può sapere. Tutto nella più chiara e normale democrazia comunista.

Michele74

Mer, 05/11/2014 - 10:37

Ha creato più disastri Obama in questi anni che nei 50 anni precenti. Ha destabilizzato il mondo, creando sollevazioni popolari finte e guerre civili; ha generato tensioni con la Russia e milioni di profughi alle porte d'Europa. Speriamo di liberarcene presto!

Libertà75

Mer, 05/11/2014 - 10:46

In America (come in UK) ci sono scuole di pensiero economico e di politica estera da circa un secolo... mentre da noi c'è il giornale di partito a dirigere il pensiero (quindi una certa differenza qualitativa è evidente)... Praticamente la gente è correttamente stufa di Obama (colui che ha creato le primavere arabe e il disimpegno dall'afghanistan). Secondo me più che forzare la mano coem spiega il giornalista, Obama deve stare anche attento a qualche impeachment, perché non ha la maggioranza per uscirne fuori.

Libertà75

Mer, 05/11/2014 - 10:50

@simostufo, e allora? chissenefrega dei lobbisti! Guardi che lì sono trasparenti, in Italia abbiamo avuto SB che era trasparente nel portare i suoi interessi, ora c'è il PD che invece cerca di segretare i vari interessi privati di cui si fa istanza (De Benedetti tra i primi)... E' un discorso di trasparenza, non di democrazia.

Rossana Rossi

Mer, 05/11/2014 - 10:52

Gli americani sono sicuramente meno pirla degli italiani e quando uno che hanno accolto come 'il dio in terra' che doveva risolvere tutti i problemi si dimostra un incapace lo mandano a casa.......noi italiani invece ce li teniamo per sempre......

bruno.amoroso

Mer, 05/11/2014 - 10:56

già me li vedo i bananas che esultano senza essersi letti le statistiche di tutte le precedenti elezioni di midterm...

Ritratto di Scassa

Scassa

Mer, 05/11/2014 - 11:02

scassa mercoledi 5 novembre 2014 Obama...go go go go go go go go go go go go go go ...a mai più subire le tue ipocrite manovre sottobanco,coperte da quell'idiota Nobel per la pace ETERNA,che hai onorato così bene !!!!!!!scassa.

nonna.mi

Mer, 05/11/2014 - 11:11

Certo che il Premio Nobel per la Pace ,dato a Obama,dimostra la "strabicità" di quelli che lo attribuiscono,(i casi sono molti) dato che il Presidente USA ci ha fatto tremare tutti, con l'intenzione,recentemente, di riattivare la Guerra Fredda con la Russia:ma non si è reso conto che in questo disastrato momento politico per tutto il mondo,la sola possibilità di una guerra avrebbe affossato quasi certamente addirittura il nostro Pianeta col nuovo pericolo nucleare? Sarà, in ogni caso ,migliore un Uomo Americano,che a suo tempo lo sostituirà, con più consapevolezza di lui,troppo superficiale nell'esprimersi. Myriam

Ritratto di xulxul

xulxul

Mer, 05/11/2014 - 11:22

Non si governa contro la fede e i principi di una nazione, solo per ricambiare le lobby che lo hanno messo a Washington dc. Purtroppo, anche sotto guida repubblicana non credo che cambierà l'aggressiva ed egemonica politica espansionistica usa che prevede solo servi e non alleati. Putin ha compreso bene l'antifona, e sta facendo argine a questa deriva.

Ritratto di Soldato di Lucera

Soldato di Lucera

Mer, 05/11/2014 - 11:27

Vediamo se anche oggi sono sulla lista nera del censore....democratici e repubblicani, cambia poco sinchè non ricominciano a stampare moneta e a farla da padroni, sono i rothschild, con le loro banche del malaffare e il diabolico FMI .....non c'è mister president che tenga. Guardiamo l'Ungheria come si sta risollevando da quando ha cacciato a calcinculo l'FMI.

tersicore

Mer, 05/11/2014 - 11:48

Massimo Bocci@ Tutto vero. L'abbronzato e' stato il piu' grande bluff della storia americana, e la gaff piu' scandalosa del Nobel! Ma gli americani lo hanno votato, non immaginando quanto deleteria poteva essere la fame di potere di questo 'pidocchio arricchito'. Ma la cosa che piu' sorprende, ancor piu' del disfattismo di Obama, e' la piaggeria dei politici europeii, ignominiosamente servili e sempre pronti ad inchinarsi agli ordini antieuropei del colorato. Perche' questo vergognoso e imbelle masochismo?

Ritratto di atlantide23

atlantide23

Mer, 05/11/2014 - 11:57

ma come !!! Non era il nuovo messia? Ora dovrebbe toccare anche al nostrano messia .Uso il condizionale perche' gli italioti sono tanti .

Ritratto di atlantide23

atlantide23

Mer, 05/11/2014 - 12:02

povero Obama, quasi quasi mi fa pena Ha dovuto sopportare il peso di un Nobel per la Pace,senza averne i numeri, senza alcun merito ( e questo fatto ha sminuito il valore dell'ambito premio, in tutti i campi). Gia', perche' poi il presidente ....ha scatenato l'inferno

Nerone2

Mer, 05/11/2014 - 12:03

Non cambiera' niente... anzi andra' peggio. Leggetevi un articolo di Paul Craig Roberts: "Presidential crimes: Then and now" dove spiega come le Lobbies e le Establishments manovrano i vari presidenti di turno.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mer, 05/11/2014 - 12:10

m.nanni ... guardi che i repubblicani sono ostili alla Russia quanto Obama... (obbediscono allo stesso padrone)... Le ricordo che fu McCain ad andare a Kiev a sobillare la folla di idioti contro Yanukovic

Mr Blonde

Mer, 05/11/2014 - 12:12

Noto con piacere che un sacco di ignoranti sono contro obama, più che altro perchè nero e li sfiderei a citarmi un paio di provvedimenti, e al tempo stesso inneggiano al putin orientale, senza sapere che se finora con il mafionazicomunista si è scherzato è proprio per la debolezza (apparente o voluta) dell'amministrazione in carica. Tra l'altro erano i repubblicani a spingere per una rottura con l'iran e con il bombardamento di assad, cosa che avrebbe spianato la strada all'isis più di quanto non è stato già fatto con la deposizione di saddam gheddafi e moubarak.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Mer, 05/11/2014 - 12:19

Bloodynerina, adesso ti cimenti anche con la politica estera, limitandoti a ripetere a sproposito frasi fatte di cui ignori il significato. Modera le tue ambizioni.Per oggi hai tediato abbastanza,va' a giocare a carte con gli altri vecchietti della struttura che vi ospita.

caramella22

Mer, 05/11/2014 - 12:21

elio2 Scusa tanto, ma il KGB da cui viene il tuo amico Putin e di cui non ha mai smesso i metodi, era la più pura espressione del liberalismo o dei Tea Party?

buri

Mer, 05/11/2014 - 12:26

povero Obama, si ritrova in qualche modo delegittimato, sta pagando i suoi errori in politica estera. e questo malgrado i buoni risultati della suoi politica economiva

Ritratto di echowindy

echowindy

Mer, 05/11/2014 - 12:29

OBAMA, CONTINUERÀ A GOVERNARE MALGRADO LO SCHIAFFO PESANTE DELL’ UMILIAZIONE? ASSOLUTAMENTE SÌ, PERCHE’ NON E’ LA PERSONA-OBAMA CHE GOVERNA IL PAESE MA BENSÌ I POTERI FORTI, COME SEMPRE MECCANICAMENTE AVVENUTO, SENZA RIELABORARE CIÒ CHE SI È APPRESO. OBAMA E’ SOLO UN PRESTANOME, FORZATO A PERMETTERE ALLE LOBBIES DI USARE IL POTERE DELLA SUA FIGURA ISTITUZIONALE. VA DETTO AD ALTA VOCE CHE E' IMPOSSIBILE PER TUTTI DIVENTARE PRESIDENTE DEGLI STATI UNITI SENZA IL SUPPORTO “DELL’ AIPAC, (COMITATO PER GLI AFFARI PUBBLICI ISRAELO-AMERICANI)” UNA ENORME POTENTISSIMA LOBBY SIONISTA ROTHSCHILD”. ALTRETTANTO IMPOSSIBILE E’ AVERE ALTE CARICHE DI OGNI TIPO SE LA FAMIGERATA ‘AIPAC’ NON APPROVA.

Mr Blonde

Mer, 05/11/2014 - 12:52

Noto con piacere che un sacco di ignoranti sono contro obama, più che altro perchè nero e li sfiderei a citarmi un paio di provvedimenti, e al tempo stesso inneggiano al putin orientale, senza sapere che se finora con il mafionazicomunista si è scherzato è proprio per la debolezza (apparente o voluta) dell'amministrazione in carica. Tra l'altro erano i repubblicani a spingere per una rottura con l'iran e con il bombardamento di assad, cosa che avrebbe spianato la strada all'isis più di quanto non è stato già fatto con la deposizione di saddam gheddafi e moubarak.

Nerone2

Mer, 05/11/2014 - 12:53

Due partiti nel sistema politico degli States sono nella realta' un monopolio, un'unica casta. ... Non state a starnazzare di gioia, pecore belanti!!!

il corsaro nero

Mer, 05/11/2014 - 12:58

82masso: pensi di essere spiritoso, ma sei solo patetico! La tua ossessione non ti lascia eh? Te l'avrò detto un migliaio di volte, fatti visitare, potrai solo che trovarne benefici!! Invece i vari D'Alema, Rosy Bindi, Bersani, Fassino, Finocchiaro dove sono?

Sabino GALLO

Mer, 05/11/2014 - 13:10

La Presidenza di Obama durerà ancora due anni! PURTROPPO! E sua moglie continuerà a coltivare broccoli, lattuga, pomodori e "cucuzzielle" nel giardino della Casa Bianca! Ma speriamo che non se ne faccia più vanto nei giornali ed in televisione.Con la sua verdura avrà probabilmente avuto dei risultati positivi per la sua digestione, ma alcun vantaggio per gli USA! Al ridicolo non ci sono limiti. Tuttavia, bisogna riconoscerLe una giustificazione: un premio Nobel per la pace in famiglia è una sollecitazione per apparire una buona massaia che si occupa del giardino di casa! Almeno potrebbe inviare a Putin una cesta di legumi in regalo, per mostrare la buona volontà del marito di far pace con la Russia, per mettere in pratica il suo Premio Nobel.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mer, 05/11/2014 - 13:15

Non cambierà nulla... sanno tutti che i partiti in USA sono servi dello stesso potere. Sono solo commedianti diversi.

angelomaria

Mer, 05/11/2014 - 13:40

UN PO#SCARCASSTO MA ?L'IMPORTANTE E CHE RIESCANO A DIALOGARE COSA FINORA IMPOSSIBILE VISTO CHEOBAMA STAVA FACENDO ORMAI TUTTO DA SOLO SENZA PASSARE NE DA SENATO NE CAMERA UNALTRO DITTATORE O IL SOLITO VIZIO DELLA SINISTRA MONDIALE!!!BASTAUNO DI LORO E TUTTI DEVONO OBBEDIRE SE NO!PURGHE!!!!!

Ritratto di Fanfulla

Fanfulla

Mer, 05/11/2014 - 13:43

X Simostufo: Mi scusi, ma Lei vive negli USA per essere tanto informato sui Tea Party o da buon italiota legge le perle di saggezza dell'Espresso, Unita etc?? Per favore la smetta di far la figura del tuttologo quando le sue cognizioni in materia sono nulle.

odifrep

Mer, 05/11/2014 - 13:43

@ Nanuq (redazione de ilGiornale) - Dove sono finiti Veltroni & soci...ricordo ancora la scena di quando esultarono per il loro amico abbronzato. Sembrava come avessero vinto loro le elezioni in Italia. A forza di dire "largo ai giovani" gli americani si sono castrati da soli.

nerinaneri

Mer, 05/11/2014 - 14:04

Euterpe: non vado perchè ho la certezza d'incontrati...

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Mer, 05/11/2014 - 14:12

@diversamentedidestra tu vedi sviluppi nel medio lungo termine in campo internazionale a causa della vittoria dei repubblicani in USA e riduci tutto a una risata pensando a cosa potranno dire o fare I bananas che sono per putin. tu, devi farti vedere da una bravo psichiatra perche' hai un incendio in testa.

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Mer, 05/11/2014 - 14:13

ciao ciao faccetta nera

Ritratto di centocinque

centocinque

Mer, 05/11/2014 - 14:16

Il premio Snobel

Libertà75

Mer, 05/11/2014 - 14:19

@mr blonde, mi consenta, lei una persona intelligente, ma quando viene qui smentisce se stesso. Inizia un discorso dicendo "quanti ignoranti contro Obama" e poi appella Putin come un mafioso nazicomunista... Si rende conto di trovarsi sullo stesso piano di ignoranza? Anzitutto si legga qualcosa sulle mafie (tutte però, non solo quella russa e non solo quelle illegali)

agostinoghiglione

Mer, 05/11/2014 - 14:28

Non l'avete mai sopportato perchè ha pensato di fare qualcosa di diverso per il suo Paese.Anche nei due mandati di Clinton avvenne la stessa cosa ma tutti ricordano quel periodo come uno dei migliori per gli USA.Comunque dovete sapere che il Senato americano per avere la maggioranza non basta essere 51 su 100;ma occorrono 60 voti su 100.Quindi anche lì saranno costretti ad una forma di "grossekoalitionen" alla tedesca.Spiace solo che siano sempre compatti quando c'è da dichiarare una guerra!Speriamo non dover assistere al ripetersi dei fenomeni dai mutui subprime in avanti che hanno affossato USA e mondo intero.Anche se pochi avranno guadagnato fantastilardi!

agostinoghiglione

Mer, 05/11/2014 - 14:35

Devo confessarlo non so cosa ci faccio su questo giornale da ieri per commentare un articolo"partigiano" di Porro sulla Siderurgia.Ho capito perchè è illeggibile visto i frequentatori dei commenti.Tutti epidermici e da tifo da stadio.

elgar

Mer, 05/11/2014 - 14:36

E adesso chi glielo dice a Veltroni e Franceschini? Che quando vinse l'abbronzato si arrapavano solo a parlarne come se avessero vinto loro… e che senza che avesse fatto ancora una mazza gli fu dato subito un Nobel per la pace? Che fu salutato dalla sinistra come una evento di portata storica e straordinaria…Non mi pare che sia stato molto brillante. Soprattutto in politica estera...

Ritratto di komkill

komkill

Mer, 05/11/2014 - 14:37

Obama è un dritto, né di destra né di sinistra, e la foto è emblematica: si gratta la pera (abbronzata) per cercare di capire come riuscire a farla franca per altri due anni. Fessi sono quelli che lo hanno votato o hanno creduto che fosse un nuovo messia, ma il mondo ne è pieno.

Fab73

Mer, 05/11/2014 - 14:37

michele lascaro, vedo cghe lei è un grande esperto di storia e politica americana. Pensi che oggi Carter lo hanno rivalutato anche i Repubblicani. Chiunque per informasi non legga solo Sallusti sa benissimo che il periodo di boom dell'era Reagan aveva le sue radici nelle politiche di Carter.. Certo che voi bananas non ne azzeccate una...

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Mer, 05/11/2014 - 14:40

Nooooooo! Proprio adesso che Obama era pronto a portare pace, eguaglianza, ricchezza, salute, amore a tutti gli abitanti della terra! Che disdetta!

Simostufo

Mer, 05/11/2014 - 15:09

Mr. blonde la criticavo tempo fa' ma ultimamente nutro davvero simpatia x lei!! :) ps: purtroppo qui c'e' troppa gente ideologizzata!!

geronimo1

Mer, 05/11/2014 - 15:13

Mi pare che la situazione sia irreversibile per gli USA: assolutamente TROOOPPO TARDI!!!!!!

il corsaro nero

Mer, 05/11/2014 - 15:14

@agostinoghiglione: ecco allora, facci il favore, togliti dalle palle, per oggi hai già sparato abbastanza cretinate!

Ritratto di vecchiomontanaro

vecchiomontanaro

Mer, 05/11/2014 - 15:15

Secondo mio cugino ( Meriden Conneticout ) gli americani hanno il dubbio anzi la certezza che le armi all' ISIS le abbia date il buon negretto, e che ora finga di bombardare dai curdi e lasci mano libera al califfato per andare verso Bagdad e Aleppo, vero o falso che sia evidentemenete la cosa ha avuto credito.

noinciucio

Mer, 05/11/2014 - 15:21

@agostinoghiglione: Bene, ora che è riuscito finalmente ad illuminare le nostre menti offuscate con il suo commento portatore di verità e profonda conoscenza del sistema politico americano, ci faccia una cortesia, SI TOLAGA DALLE PALLE e vada a commentare su giornali più adatti alla sua "forma mentis" (Corriere dei Piccoli, Topolino e quant'altro! Grazie!

gian paolo cardelli

Mer, 05/11/2014 - 15:53

Fab73, le "politiche di Carter"? lei non ha la più pallida idea della realtà, e basterebbe ricordarle che non c'è un solo analista economico che sottoscriverebbe questa sua idiozia!

Ritratto di Gigliese

Gigliese

Mer, 05/11/2014 - 16:00

IL PRESIDENTE CHE HA ROVINATO IL MONDO (PREMIO NOBEL PER LA PACE SENZA MERITO) PER LA SUA INCAPACITA'.

Nerone2

Mer, 05/11/2014 - 16:14

vecchiomontanaro... ascolti suo cugino (e me). ISIL e' un esercito mercenario ben armato, addestrato, sostenuto e finanziato dagli States, Saudi Arabia, Qatar, Jordania, Israele e Turkia piu' alcuni paesi dell'Europa. Di musulmano di questi mercenari non c'e' neanche la puzza!!!

PRIMAVERA

Mer, 05/11/2014 - 16:19

.... RENZOBAMA, PRESTO anche in ITALIA...idem...

Libertà75

Mer, 05/11/2014 - 16:23

@fab73, lei che è un bananasinistro (quindi la cosa è doppiamente grave perché pensa pure di essere un profeta in terra), dovrebbe informarsi su chi ha generato la crisi dei mutui subprime, così scoprirebbe che non è stato Berlusconi, ma il suo idolo Clinton, lo stesso che era stella del vostro caro Veltroni... Si faccia una mini cultura, potrebbe evitare di sembrare vuoto le prossime volte.

Ritratto di marforio

marforio

Mer, 05/11/2014 - 16:40

Sacchelli , anche tu brutus filio mio ?

mariolino50

Mer, 05/11/2014 - 16:44

Nerone2 Ha perfettamente ragione, le differenze trà repubblicani e democratici sono dello 0 virgola, purtroppo stà succedendo anche qui, i partiti più grossi sono tutti destrimani, hanno copiato anche il nome degli americani, e purtroppo anche le idee.

Fab73

Mer, 05/11/2014 - 16:48

Libertà 75: Se riesce a trovare un punto in cui parlo dei subprime e di chi ha generato la crisi le pago da bere. La crisi c'è stata per tutti (e sicuramente le "deregulation" clintoniana del settore bancario, per altro votata anche dai repubblicani ha pesato). Da noi è stata gettita peggio. Vuole proprio che le dica, in gran parte, per colpa di chi??? Su, su. Ci arriva da solo...

baio57

Mer, 05/11/2014 - 16:48

Barack Hussein Obama II, si è insediato ufficialmente alla Casa Bianca il 20 gennaio 2009 ,ed il 9 ottobre dello stesso anno viene insignito con il Nobel per la pace ,motivazione: " straordinario impegno per rafforzare la diplomazia,internazionale e la collaborazione tra i popoli ". In nove mesi ?? Ma vaff'....angala !

ortensia

Mer, 05/11/2014 - 17:07

Sacchelli, leggiti un po' i commenti di qualche giornalista politico americano. Ti suggerisco Glenn Beck tanto per cominciare.

Ritratto di stock47

stock47

Mer, 05/11/2014 - 17:11

Troppo tardi! Obama e i Democratici hanno fatto un cumulo di macerie a cui i Repubblicani difficilmente riusciranno a porre rimedio, tranne forse che a casa loro. Obama ha incasinato tutto il Medio Oriente e tutte le alleanze con l'Europa, è andato a stuzzicare l'orso russo a casa sua mettendo l'Europa nei guai. Pensare a quello sciocco di Renzi che minaccia la Russia economicamente mi fa venire l’orticaria. Si può dire tutto quello che si vuole di Andreotti ma lui una scemenza simile non l’avrebbe mai fatta. Seppure azzoppato Obama è ancora in sella e di altri guai, nei prossimi due anni, ne può combinare a ufo, specialmente a noi europei. Di tutti i detriti che gli USA e l’UE ci hanno tirato addosso, sono i milioni di clandestini da noi che preoccupano, perché la maggioranza di loro è islamica, non possiamo conviverci. Occorre un Governo di vera destra e non più di centro destra, ormai alla deriva con lo ius soli e i gay di Berlusconi.

Ritratto di alejob

alejob

Mer, 05/11/2014 - 17:18

I Democratici non devono piangere se la sono cercata, basta aver sentito i commento di tutti gli intervistati alla TV di eiri ancora PRIMA della fine delle votazioni. Lui ha cercato di aiutare solo i suoi ovvero quelli di COLORE dimenticandi quelli che pagano le TASSE. Un sondaggio uscito in questa trasmissione, i colorati al 2030 saranno AUMENTATI del 30% e a parecchi VISI PALLIDI, questo non va GIU', per questo hanno preferito afossare il grande OBAMA.

Mr Blonde

Mer, 05/11/2014 - 17:23

Libertà75 EH NO! Che la crisi dei mutui sia colpa (SOLO) di clinton e aggiungerei blair senza considerare l'inizio della deregulation del tandem reagan/thatcher è veramente da faziosi!

ex d.c.

Mer, 05/11/2014 - 17:27

Gli americani sono stati più lenti del solito ma alla fine sono arrivati alla giusta conclusione. Gli italiani sono molto più lenti ma forse capiremo anche noi che la sn non aiuta mai l'economia

Fab73

Mer, 05/11/2014 - 17:44

Eh già... ex d.c. La sn non aiuta mai l'economia. Infatti Roosevelt, Johnson, Clinton, Brandt, Mitterand, erano tutti di destra. Ma lei sa qualcosa dei dati economici USA in epoca Bush e in periodo Obama??? E bisogna proprio essere democristiani per credere a certe scemenze...

giottin

Mer, 05/11/2014 - 18:22

obamba ussein, torna nella giungla a mangiare banane e ricordati di restituire il Nobel!!!

albertzanna

Mer, 05/11/2014 - 18:22

In tempi molto meno sospetti di oggi, correva il novembre 2008, io avevo pronosticato che Obama sarebbe caduto sui suoi stessi errori, che riesce a commettere un giorno si e l'altro pure, grazie alla sua narcisistica presunzione. Spero che l'America riesca a sanare tutti i disastri che quest'uomo ha combinato, all'interno, ma soprattutto in giro per il mondo. Albertzanna

albertzanna

Mer, 05/11/2014 - 18:22

In tempi molto meno sospetti di oggi, correva il novembre 2008, io avevo pronosticato che Obama sarebbe caduto sui suoi stessi errori, che riesce a commettere un giorno si e l'altro pure, grazie alla sua narcisistica presunzione. Spero che l'America riesca a sanare tutti i disastri che quest'uomo ha combinato, all'interno, ma soprattutto in giro per il mondo. Albertzanna

albertzanna

Mer, 05/11/2014 - 18:23

In tempi molto meno sospetti di oggi, correva il novembre 2008, io avevo pronosticato che Obama sarebbe caduto sui suoi stessi errori, che riesce a commettere un giorno si e l'altro pure, grazie alla sua narcisistica presunzione. Spero che l'America riesca a sanare tutti i disastri che quest'uomo ha combinato, all'interno, ma soprattutto in giro per il mondo. Albertzanna

albertzanna

Mer, 05/11/2014 - 18:23

In tempi molto meno sospetti di oggi, correva il novembre 2008, io avevo pronosticato che Obama sarebbe caduto sui suoi stessi errori, che riesce a commettere un giorno si e l'altro pure, grazie alla sua narcisistica presunzione. Spero che l'America riesca a sanare tutti i disastri che quest'uomo ha combinato, all'interno, ma soprattutto in giro per il mondo. Albertzanna

albertzanna

Mer, 05/11/2014 - 18:23

In tempi molto meno sospetti di oggi, correva il novembre 2008, io avevo pronosticato che Obama sarebbe caduto sui suoi stessi errori, che riesce a commettere un giorno si e l'altro pure, grazie alla sua narcisistica presunzione. Spero che l'America riesca a sanare tutti i disastri che quest'uomo ha combinato, all'interno, ma soprattutto in giro per il mondo. Albertzanna

Ritratto di a-tifoso

a-tifoso

Mer, 05/11/2014 - 18:38

Vincano uni o gli altri l'America continuerà a fare guerre. Quando c'erano le elezioni presidenziali 2 di anni fa chiedevo ad americani di Sx cosa cosa pensavano dei primi 4 anni Obama i. Dicevano: "ma non possiamo votare i repubblicani". Cioè, contava il rifiuto ai nemici. Hillary, la grande promotrice della "primavera (fasulla) arabe", fiutando l'insuccesso della 2da presidenza, si è tirata fuori. Insomma, come va come non va, NON CAMBIA NIENTE, guerre saranno. Il GOP ha sfruttato adesso la non partecipazione dei democratici, stufi pure loro, che se ne andrà senza pena e senza gloria, alla faccia del suo Nobel alle chiacchere.

jeanlage

Mer, 05/11/2014 - 19:10

Yes, We Canne. Non per niente era l'idolo di quel nullo di Veltroni!

hectorre

Mer, 05/11/2014 - 19:26

analizzando quello che è successo negli ultimi 6 anni era prevedibile che i nodi di obama arrivassero al pettine....paesi del mediooriente con una parvenza di democrazia si sono trasformati in polveriere,l'economia americana ha trascinato nel baratro mezzo mondo,la politica estera di obama è a dir poco imbarazzante...però come ogni presidente che si rispetti ha i suoi nemici da combattere,anche se capisco che al il nobel della pace tutto è concesso...le sue guerre sono a fin di bene,non per soddisfare le lobby....guai pensarlo!!!...beh,io oggi faccio il verso a uolter veltroni...stappo una bottiglia e brindo alla disfatta di barak!!

aredo

Mer, 05/11/2014 - 19:26

@albertzanna: condivido quanto ha scritto lui.. MA perchè avete pubblicato il suo messaggio 5 volte ed il mio censurato? Assurdo.

Ritratto di panteranera

panteranera

Mer, 05/11/2014 - 19:42

Dopo uno dei Nobel più immeritati della storia,è in lizza per essere ricordato anche come il peggiore presidente americano di sempre...

Maura S.

Mer, 05/11/2014 - 20:07

xdiversamentedidestra = ma che succede ai compagni di oggigiorno, dov'e' finito il loro amore per la grande madre madre Russia. Forse perche' non ricevono piu la paghetta !!!

Ritratto di a-tifoso

a-tifoso

Mer, 05/11/2014 - 20:31

Vincano uni o gli altri l'America continuerà a fare guerre. Quando c'erano le elezioni presidenziali 2 di anni fa chiedevo ad americani di Sx cosa cosa pensavano dei primi 4 anni Obama i. Dicevano: "ma non possiamo votare i repubblicani". Cioè, contava il rifiuto ai nemici. Hillary, la grande promotrice della "primavera (fasulla) arabe", fiutando l'insuccesso della 2da presidenza, si è tirata fuori. Insomma, come va come non va, NON CAMBIA NIENTE, guerre saranno. Il GOP ha sfruttato adesso la non partecipazione dei democratici, stufi pure loro, che se ne andrà senza pena e senza gloria, alla faccia del suo Nobel alle chiacchere, 3zo invio.

Nerone2

Mer, 05/11/2014 - 21:47

mariolino50... non esiste differenza tra Democratici e Repubblicani. Grazie per avermi capito. Molti americani (molti) vorrebbero un terzo partito, ma... ma... ...fantascienza da queste parti.

albertzanna

Gio, 06/11/2014 - 11:25

NERONE2 - con il suo ultimo commento lei dimostra di non sapere cosa sia l'America. Si studi la storia di quel paese, e forse capirà perchè, nel 1854, nacque il Partito Repubblicano. E si documenti circa la situazione partitica americana prima di tale data. AZ

agostinoghiglione

Gio, 06/11/2014 - 11:49

A tutti quelli che hanno commentato quanto ho riferito sul sistema di elezione americano dico che li lascio nella loro grotta buia perchè a loro la luce dà fastidio.Ve la immaginate in Italia un senato eletto con due voti per Regione indipendentemente dal numero di abitanti? Loro sono uno Stato Federale per cui lo Yova con meno di 4 milioni di abitanti conta quanto la California che ne ha 55 mio.Comunque per fare leggi occorre come minimo la doppia lettura Congresso e Senato e se modificata in uno dei due rami si deve andare alla terza lettura.Come oggi in Italia.Quindi da domani le leggi dovranno avere l'assenso sia dei Repubblicani che dei Conservatori.Leggetevi almeno Tocqueville!

agostinoghiglione

Gio, 06/11/2014 - 11:59

@ilcorsaronero@nonciucio: che eleganza!State tranquilli che mi sono già tolto dalle Palle come dite voi.Ma voi ce le avete?

albertzanna

Gio, 06/11/2014 - 14:24

PER AGOSTINOGHIGLIONE - prima di dare lezioni sugli Stati Uniti, se fossi in lei io comincerei coll’ imparare i nomi degli Stati. Quello che lei scrive Yova, si chiama invece Iowa (antico nome di una tribù di nativi) e si pronuncia Aioua (nella lingua inglese la lettera "i" si pronuncia "ai" e la "W doppia" si pronuncia come una "u"). Secondo, in questo caso si trattava di elezioni di midterm, per eleggere deputati alla House o al Senate e per eleggere Governatori. Ogni stato ha diritto a mandare 2 senatori a Washington, mentre per le elezioni presidenziali, e non sono mai le elezioni di midterm, ogni stato conta sui grandi elettori, che per la California sono 55 mentre per lo Iowa sono 6, e circa le procedure per la ratifica delle leggi sono diverse da quelle che lei afferma. AZ

Rotohorsy

Gio, 24/09/2015 - 20:23

Albertzanna, non commento perchè non potrei farlo meglio di quanto Lei abbia già fatto.