Mentana duro con Macron: "Difficile che possa risalire la china"

Mentana commenta così il dietrofront del governo francese dopo le proteste dei gilet gialli: "Una tassa sul carburante con finalità ecologiche, quindi apparentemente equa, è stata vissuta dalla maggioranza dei francesi come l'ennesimo sopruso di una élite che ha perso il contatto con il paese reale"

Mentana duro con Macron: "Difficile che possa risalire la china"

La Francia ha già voltato le spalle al presidente Emmanuel Macron. È impietosa l'analisi di Enrico Mentana su quanto sta avvenendo in questi giorni in Francia.

"A quanto pare il governo francese sta per annunciare il rinvio del rincaro della benzina, che doveva scattare tra quattro settimane e che è stato il motivo scatenante dell'insurrezione dei gilet gialli. Sarebbe una ammissione di sconfitta e una legittimazione della protesta, al netto delle frange violente. Ma non c'era alternativa", scrive il direttore del tgLa7 in un post su Facebook. "Una tassa sul carburante con finalità ecologiche, quindi apparentemente equa, - spiega Mentana - è stata vissuta dalla maggioranza dei francesi come l'ennesimo sopruso di una élite che ha perso il contatto con il paese reale". "Casta contro popolo, tecnocrati contro sudditi, quartieri alti contro periferie: è un film che già conosciamo. Macron evidentemente no, ed è difficile pensare che possa risalire la china", è l'amarissima conclusione del 'direttorissimo'.

Commenti