Nucleare, patto Russia-Egitto: ​"Costruiremo una centrale"

La costruzione durerà 12 anni, ma i lavori inizieranno già a dicembre. Sarà la prima centrale nel territorio nordafricano

Nucleare, patto Russia-Egitto: ​"Costruiremo una centrale"

Il capo dell'agenzia federale russa per l'energia nucleare, Serghiei Kirienko, ha reso noto l'accordo intergovernativo tra Russia e Egitto che porterà alla costruzione della prima centrale nucleare nel Pease nordafricano. Un centrale con quattro reattori della potenza di 1200 megawatt ciascuno. L'accordo è stato firmato al Cairo, era presente anche il presidente Abd al-Fattah al-Sisi. Ci vorranno 12 anni, i lavori inizieranno già a dicembre. Il sito scelto per il progetto è El Dabaa, a 185 km dal Cairo e a 150 da Alessandria. Il Governo egiziano con questo patto conferma le sue intenzioni di voler riprendere un suo programma nucleare, sospeso oramai da 30 anni, poco dopo il drammatico incidente di Chernobyl. Kirienko ha commentato: ""La centrale diventerà il più grande progetto congiunto russo-egiziano dai tempi della costruzione della diga di Assuan. E' una nuova pagina nella storia dei rapporti interstatali russo-egiziani. La centrale farà dell'Egitto il leader tecnologico della regione e l'unico Paese della regione ad avere una entrale nucleare della generazione 3+1"

Il presidente al-Sisi, parlando alla Tv di stato non ha specificato nessun dettaglio sul nuovo progetto. In compenso, ha rivelato che il prestito che riceverà dalla Russia per la costruzione dell'impiato nucleare, sarà ripagato entro 35 anni.

Commenti