Obama firma la legge per estendere la privacy ai Paesi alleati

Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama ha firmato una legislazione che permetterà di estendere alcune tutele della privacy degli Stati Uniti anche ai cittadini dei Paesi alleati e lasciare che gli stranieri possano citare in giudizio il governo degli Stati Uniti se i loro dati personali sono stati sottoposti ad una violazione della privacy

Obama firma la legge per estendere la privacy ai Paesi alleati

Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama ha firmato una legislazione che permetterà di estendere alcune tutele della privacy degli Stati Uniti anche ai cittadini dei Paesi alleati e lasciare che gli stranieri possano citare in giudizio il governo degli Stati Uniti se i loro dati personali sono stati sottoposti ad una violazione della privacy . Il disegno di legge , che ha avuto un ampio sostegno bipartisan al Congresso , aveva lo scopo di puntellare la fiducia tra gli alleati europei dopo le rivelazioni sull'Nsa da parte di Edward Snowden.

Obama afferma che la nuova legge rende i dati protetti e tutelati dalle norme sulla privacy degli Stati Uniti , "non solo quelli dei cittadini americani , ma anche quelli dei cittadini stranieri". Chi sostiene la nuova norma spiega che "queste protezioni aiutano a garantire lo scambio di informazione tra gli Stati Uniti e i Paesi alleati.