"La Tanzania discrimina i gay": e la Danimarca sospende gli aiuti

La decisione del governo di Copenhagen dopo il clima di intimidazione e di caccia all'uomo scatenato contro i gay in Tanzania

Ulla Tornaes, ministro danese per lo Sviluppo

Niente aiuti umanitari ai Paesi che non garantiscono i diritti umani dei gay: sembrerebbe questa la linea che ha ispirato la scelta del governo della Danimarca a sospendere la concessione di fondi per lo sviluppo alla Tanzania dopo i commenti omofobi di un importante esponente politico dello Stato africano.

Il ministro per lo Sviluppo danese, Ulla Tornaes, annunciando la sospensione del trasferimento di circa 10 milioni di dollari di aiuti, si è detta "molto preoccupata" per la situazione in Tanzania. L'esponente del governo scandinavo non ha voluto citare esplicitamente l'autore delle frasi incriminata ma quello che è certo è che di recente in Tanzania si sono sentite molte dichiarazioni omofobe da parte di importanti personaggi pubblici.

Nel Paese africano l'omosessualità è illegale e punita con pene detentive fino a 30 anni di carcere. Lo scorso anno il viceministro della Salute ha minacciato di pubblicare un elenco delle persone omosessuali mentre più di recente il commissario della capitale, Dar es Salaam, ha invitato la popolazione a "segnalare alla polizia" i cittadini gay, ventilando anche l'ipotesi di creare apposite squadre di sorveglianza. Appena poche settimane fa, infine, dieci uomini sono arrestati sull'isola di Zanzibar con l'accusa di avere celebrato un matrimonio omosessuale.

Notizie che preoccupano il governo danese, molto fermo nel pretendere il rispetto dei diritti umani nei Paesi a cui concede i propri aiuti internazionali. Per il momento, tuttavia, non si ha notizia di alcuna reazione formale da parte del governo tanzaniano.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Albius50

Gio, 15/11/2018 - 11:00

La DANIMARCA giustamente ha le sue opinioni ma deve rispettare anche quelle degli altri, gli aiuti si danno alle persone povere e non ai politici x l' 80% i governanti AFRICANI si spartiscono in continuazione il potere oggi a me domani a te. In Pakistan in India succedono discriminazioni peggiori di quelle citate in TANZANIA, ma per la faccenda BIBI nessun governo occidentale spende qualche parole.

Ritratto di TreeOfLife

TreeOfLife

Gio, 15/11/2018 - 13:39

Hahaha Danmark parlare? Proprio Danmark che isole Fær Øer vincolare indipendenza totale ancora oggi???? Cosa dire poi di Grønland? Peggio dominio danesi non conoscere per noi. 400 anni loro potere i Norge ha fatto solo danno e cambiato nostra lingua. Devono solo tacere. Ja vi elsker dette landet: Norge. Ha det bra!

Divoll

Gio, 15/11/2018 - 15:14

Si facciano gli affari propri, che presto avranno anche loro la sharia in casa e allora i diritti dei gay se li potranno pure scordare.

killkoms

Gio, 15/11/2018 - 19:12

la danimarca non ha più accettato migranti africani omo,quando si è accorta che molti di essi chiedevano poi il ricongiungimento familiare!