Usa, al vaglio le prove raccolte da Rudy Giuliani contro i Biden

Il Senatore Lindsey Graham conferma che il Dipartimento di Giustizia ha ricevuto e sta valutando le prove raccolte in Ucraina dall'avvocato di Trump Rudy Giuliani che inchioderebbero i Biden

Conclusa l'inchiesta sull'impeachment, Donald Trump sta per passare al contrattacco contro gli avversari dem. Non solo attraverso il Procuratore John Durham, che sta indagando per conto dell'Attorney general William Barr sulle origini del Russiagate e sulla condotta delle agenzie federali nei confronti del tycoon; ma anche grazie al lavoro svolto in questi mesi in Ucraina dal suo avvocato personale, l'ex sindaco di New York Rudy Giuliani, che ha indagato sul presunto caso di corruzione che riguarda l'ex vicepresidente Joe Biden e suo figlio Hunter, quest'ultimo ex membro del consiglio di amministrazione della società ucraina Burisma. Secondo quanto dichiarato dall'influente Senatore Lindsey Graham e riportato dal New York Times, il Dipartimento di Giustizia avrebbe ottenuto le informazioni raccolte da Giuliani.

Graham, repubblicano della Carolina del Sud e presidente del Comitato giudiziario del Senato, molto vicino al Presidente Donald Trump, ha dichiarato al programma della Cbs Face the Nation che William Barr gli avrebbe confermato, in una recente telefonata, che il Dipartimento di Giustizia stava "ricevendo" le informazioni raccolte in Ucraina da Rudy Giuliani. L'avvocato di Trump, intervistato sabato sera da Fox News, ha confermato di avere le prove e i documenti che i inchioderebbero i Biden. Giuliani ha espresso la sua frustrazione in diretta tv per il fatto che Joe Biden, padre di Hunter, ora candidato alla presidenza, non è stato indagato quando si è vantato di aver licenziato il procuratore ucraino Viktor Shokin.

Giuliani: "Scoperto un modello di corruzione che la stampa ha coperto per anni"

Già lo scorso dicembre, come riportato da Inside Over, Rudy Giuliani aveva confermato in una serie di tweet di aver scoperto una "vasta" corruzione in Ucraina, inclusa una "chiara" prova di riciclaggio di denaro da parte della società energetica Burisma che coinvolgerebbe l’ex vicepresidente degli Stati uniti e candidato alle prossime elezioni presidenziali Joe Biden e suo figlio Hunter. Su Twitter, Giuliani ha pubblicato diversi estratti di un mini-documentario che ha girato a dicembre tra Ucraina, Austria e Ungheria con il reporter di One America News Network Chanel Rion. Secondo Giuliani, le prove che ha raccolto in Europa e in Ucraina dimostrano che la corruzione "era così ampia" che il Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, "aveva il dovere di chiedere un’indagine Usa-Ucraina”. L’impeachment, ha sottolineato l’ex sindaco di New York, era un "tentativo dei democratici di coprire" questo presunto scandalo. “L’estorsione, la corruzione e il riciclaggio di denaro vanno oltre i Biden” ha sottolineato Rudy Giuliani.

"Ho scoperto un modello di corruzione che la stampa di Washington ha coperto per anni" ha annunciato l’ex primo cittadino della Grande Mela su Twitter. "Devasterà il partito democratico. Credete davvero che io sia intimidito?". La mafia, ha sottolineato, “non è riuscita ad uccidermi, quindi no, non sono preoccupato della swamp press (la stampa della palude)”.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

alox

Lun, 10/02/2020 - 15:26

...esatto! bisogna riaprire il caso ed ascoltare sotto giuramento i Biden, la Clinton, Obama, i Bushes, i Bloomberg...J. Bolton e Trump! PS Si stanno ri-scavando la fossa...LOL

alox

Lun, 10/02/2020 - 15:32

Valuta, valuta e come sempre non le rilascia….